Voci della Sanità 17 Gennaio 2020

Sanità, Regimenti (Lega): “Anche OCSE certifica Italia fanalino di coda in UE per spesa sanitaria”

“L’Italia è fanalino di coda in Europa anche per la spesa sanitaria, come risulta dal Rapporto Ocse presentato oggi a Bari, che ha evidenziato anche un futuro a tinte fosche per la carenza di personale medico. Il Governo investe poco e male in sanità, dimentica la necessaria formazione professionale, trascura la precarietà che investe il […]

“L’Italia è fanalino di coda in Europa anche per la spesa sanitaria, come risulta dal Rapporto Ocse presentato oggi a Bari, che ha evidenziato anche un futuro a tinte fosche per la carenza di personale medico. Il Governo investe poco e male in sanità, dimentica la necessaria formazione professionale, trascura la precarietà che investe il settore, con medici e infermieri sempre più privi delle necessarie tutele salariali e sociali, non valorizza abbastanza la ricerca e la sperimentazione”.

Lo afferma l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti, membro della Commissione per l’ambiente, la sanità pubblica e la sicurezza alimentare in merito al rapporto dell’Osservatorio europeo delle politiche e dei sistemi sanitari dell’Ocse, presentato oggi a Bari, che ha analizzato il sistema sanitario italiano paragonandolo a quello di 26 Stati membri dell’Ue.

“L’Ocse indica che la spesa sanitaria in Italia è inferiore alla media europea – aggiunge Regimenti – e ciò dimostra come siano urgenti da parte del Governo interventi efficaci e meno superficiali, più vicini ai problemi reali dei cittadini e con una visione strategica. Con la salute delle persone non si può più scherzare”.

Articoli correlati
Coronavirus, Regimenti (Lega): «Depenalizzare responsabilità professionale dei medici»
«Serve una norma che permetta ai medici, una volta conclusa questa drammatica emergenza, di evitare di ritrovarsi oggetto di cause di risarcimento per presunti episodi di malasanità legati all'epidemia di Covid-19» sottolinea l'eurodeputata della Lega
Coronavirus, Regimenti (Lega): «Avviare anche nel Lazio sperimentazione Avigan»
In una nota congiunta firmata anche dai deputati leghisti Durigon e Zicchieri si chiede di sperimentare il farmaco prodotto in Giappone: «In questa situazione di emergenza occorre snellire le procedure per sperimentare i farmaci»
Coronavirus, Regimenti (Lega): «Riaprire Forlanini e via libera a ospedali universitari»
L’europarlamentare del Carroccio sostiene la petizione su change.org per la riapertura dello storico nosocomio della capitale specializzato in malattie infettive: «La riapertura è indicata anche dal professor Massimo Martelli, già primario di chirurgia toracica al Forlanini, che ho incontrato condividendo con lui una reale prospettiva di rilancio e riqualificazione dell'intera struttura»
Alimenti, Regimenti (Lega) a Commissario Ue Kyriakides: «Nutriscore regalo a multinazionali»
L'europarlamentare europea del gruppo Identità e Democrazia replica così alla risposta della Commissaria Ue alla Salute sul contestato sistema di etichettatura 'a semaforo' degli alimenti che penalizza il made in Italy
Sanità, Regimenti (Lega): «Ue riconosca multidisciplinarietà medicina legale»
Avviato tavolo permanente al Parlamento europeo. Obiettivo far nascere una scuola post-laurea in Medicina forense
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

All’8 aprile, sono 1.431.900 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 82.172 i decessi e 301.543 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bolletti...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...