OMCeO, Enti e Territori 9 Ottobre 2017

“Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” in convegno a Roma

“Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” è il titolo del convegno che si terrà a Roma l’11 ottobre, presso la Sala della Lupa della Camera dei Deputati in piazza Monte Citorio. L’incontro, organizzato dall’associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia digitale, dell’Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, […]

Sanità elettronica e processi digitali nel settore della salute” è il titolo del convegno che si terrà a Roma l’11 ottobre, presso la Sala della Lupa della Camera dei Deputati in piazza Monte Citorio. L’incontro, organizzato dall’associazione Italian Digital Revolution con il patrocinio dell’Agenzia per l’Italia digitale, dell’Agenzia nazionale per i giovani, di Formez PA, della Regione Lazio e della fondazione “I Sud del mondo”, si propone di analizzare un capitolo fondamentale della rivoluzione tecnologica in corso aprendo un confronto tra i diversi attori dell’informatizzazione sanitaria, dai medici di base alle Asl e agli ospedali, fino al fascicolo elettronico e alla digitalizzazione delle cartelle sanitarie di milioni di pazienti con prescrizioni, analisi e accertamenti diagnostici.

Una riflessione su un tema di grande interesse. Basti pensare infatti che per l’Italia la digitalizzazione del processo sanitario e la conversione della medicina personalizzata possono valere un risparmio di circa 20 miliardi: l’equivalente di un punto del nostro Pil. Ma il dibattito ha soprattutto lo scopo di proporre soluzioni affinché vi sia un effettivo sostegno dell’innovazione nel sistema sanitario con la consapevolezza che, in un contesto così delicato dal punto di vista umano, necessitano un’attenzione e una sensibilità che vadano oltre sterili polemiche. Partendo dal presupposto che la buona sanità è un diritto inalienabile di tutti, senza alcuna distinzione, da esercitare e garantire nel migliore dei modi. Così come per quanto riguarda il settore digitale dove, grazie alle informazioni raccolte e trasmesse in formato elettronico, tra telemedicina, app mediche e altri dispositivi, si potranno avere ricadute positive sia per le cure sia per l’assistenza in generale ai pazienti.

L’evento, moderato dalla giornalista della Rai Maria Antonietta Spadorcia, sarà aperto dai saluti del Presidente di Italian Digital Revolution, Mauro Nicastri, e del cardiologo e responsabile dell’Osservatorio Sanità Digitale dell’Aidr, Andrea Bisciglia. Previsti gli interventi di Vincenzo Panella, Direttore generale del Dipartimento Salute e Politiche sociali della Regione Lazio; Maria Capalbo, Direttore generale dell’azienda ospedaliera Pesaro-Fano; Francesco Saverio E. Profiti, IT manager dell’Asl di Viterbo; Stefano Van Der Byl dell’Agenzia per l’Italia digitale; Massimo Casciello, Direttore generale del Ministero della Salute, e delle parlamentari Annalisa Silvestre (Pd) e Maria Rizzotti (FI), Segretario e Vicepresidente vicario della Commissione Igiene e Sanità del Senato, e di Dalila Nesci (M5S), capogruppo commissione Affari sociali della Camera.

Clicca qui per informazioni: www.aidr.it

Articoli correlati
Sanità digitale, alleanza ingegneri clinici-infermieri: firmato protocollo per garantire qualità e sicurezza
Lorenzo Leogrande (AIIC) e Barbara Mangiacavalli (FNOPI) hanno firmato a Catanzaro un documento comune tra ingegneri clinici e professioni infermieristiche per assicurare ai cittadini, ai pazienti e al Servizio Sanitario Nazionale un monitoraggio reale e di qualità su App e device di ultima generazione
Quota 100, nessuna fuga di medici. Il ministro Grillo rassicura: «Presentate solo 600 domande»
Gli effetti di Quota 100 sul Servizio sanitario nazionale, liste d’attesa, vaccini e digitalizzazione: botta e risposta del ministro della Salute Giulia Grillo intervenuta alla trasmissione 'Coffee Break' su La7
Sanità digitale: l’Italia fanalino di coda in UE per spesa pro-capite. Garavaglia (Fondazione Roche): «Soluzioni digitali per garantire sostenibilità SSN»
In Italia ancora e-mail e sms gli strumenti più utilizzati per comunicare con i medici. Il nostro Paese investe in sanità digitale solo 22 euro pro-capite contro i 60 delle Gran Bretagna o i 40 della Francia, secondo i dati 2018 dell’Osservatorio Innovazione in Sanità Digitale del Politecnico di Milano. Locatelli: «È importante che i medici siano sempre più attenti alla propria formazione rispetto alle competenze digitali»
Parte da Finlandia ed Estonia la ePrescription, la “ricetta medica europea”. Entro il 2021 sarà attiva in tutta la Ue
Il servizio permette ai cittadini dell’Ue di ritirare le proprie medicine anche nelle farmacie di un altro paese dell’Unione che hanno aderito all’iniziativa. La prescrizione dev’essere elettronica e non cartacea, e una volta fatta dev’essere trasferita on line sulla piattaforma eHealth
La trasformazione digitale nella (e per) la salute pubblica. Gli igienisti nella palestra dell’innovazione
Per costruire una società più sana giocano un ruolo strategico, oltre a big data e intelligenza artificiale, anche altri strumenti digitali come Internet delle cose, blockchain, realtà aumentata e virtuale, e un uso corretto dei social media per campagne di prevenzione realizzate da esperti e in grado di raggiungere la popolazione in modo efficace. Il […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...