Voci della Sanità 3 Novembre 2022 20:51

Sanità, Cittadini (Aiop): «Governo agisca subito su caro bollette»

«Negli ultimi due anni i costi dell’energia elettrica delle strutture sanitarie e socio-sanitarie sono aumentati di circa 3 volte e quelli del gas di 4,7 volte. Un trend insostenibile» sottolinea Barbara Cittadini, presidente Aiop

«Il caro bollette pone a rischio il diritto alla salute delle persone, che non potranno più fare affidamento sul welfare finora garantito dal Servizio Sanitario Nazionale. È ormai improcrastinabile un intervento forte e deciso da parte del Governo Meloni, che si è già detto pronto ad intervenire nella legge di Bilancio, stanziando risorse significative e prevedendo misure efficaci contro l’aumento indiscriminato e speculativo di gas ed energia elettrica». È quanto dichiara Barbara Cittadini, presidente nazionale di Aiop, l’Associazione italiana ospedalità privata, che invita il Governo Meloni ad agire tempestivamente per evitare conseguenze disastrose per il SSN e le prestazioni garantite alla popolazione.

«La componente di diritto privato del SSN – continua la presidente di Aiop – rispetto al solo settore ospedaliero contribuisce all’erogazione di oltre il 28% delle prestazioni sanitarie. Le nostre strutture, pur essendo, di fatto, energivore e gasivore, non sono incluse tra quelle ascrivibili a questa categoria, nonostante l’elevatissimo impiego di energia. Il caro bollette rischia di compromettere il nostro lavoro quotidiano: le sale operatorie, il condizionamento degli ambienti, i gruppi elettrogeni, le operazioni di sterilizzazione e disinfezione dei macchinari e delle attrezzature, l’utilizzo delle apparecchiature come tac, risonanze magnetiche e pet, l’erogazione della radioterapia e il funzionamento dei macchinari, sono tutte attività che richiedono un impegno quotidiano, con l’esigenza di mantenere un microclima costante h24, 7 giorni su 7».

«Negli ultimi due anni i costi dell’energia elettrica delle strutture sanitarie e socio-sanitarie sono aumentati di circa 3 volte e quelli del gas di 4,7 volte. Un trend insostenibile, che ha evidenti ripercussioni sul SSN in termini di inefficienza. Non si può più aspettare, né tantomeno considerare il diritto alla salute un diritto secondario o da porre ai margini dell’agenda politica», conclude Cittadini.

Articoli correlati
Pronto soccorso, Cittadini (Aiop): «Intervenire su carenze medicina d’urgenza»
«Mi auguro che il Governo investa in termini di risorse e progettualità in misura adeguata» sottolinea la presidente di Aiop Barbara Cittadini
Nadef, Cittadini (Aiop): «Anche la Corte dei Conti ritiene insufficiente la spesa sanitaria»
«Senza ulteriori finanziamenti sarà impossibile recuperare le liste d’attesa accumulate in questi anni e aumenteranno, inevitabilmente, quei fenomeni come la mobilità passiva», spiega la presidente Aiop Barbara CIttadini
Istat, Cittadini (Aiop): «Rinuncia cure, liste d’attesa e carenza medici criticità del SSN da risolvere»
Per risolvere il problema della carenza di medici Aiop invita il decisore pubblico a valutare di adottare una «normativa di emergenza per assumere neolaureati e specializzandi. È doveroso, in ogni caso, coniugare la responsabilità, alla quale tutti siamo chiamati, con un’attenta programmazione»
Dl Aiuti-ter, Cittadini (Aiop): «Risorse per sanità gravemente insufficienti, rischio sospensione prestazioni e cure»
AIOP propone di modificare il Decreto Aiuti Ter con «l’obiettivo di garantire una copertura commisurata al contributo, in termini di prestazioni, erogato per conto del Servizio Sanitario Nazionale»
Sanità, Cittadini (Aiop): «Formazione professionale essenziale per tenuta ospedali e Pronto Soccorso»
«È auspicabile che il prossimo Governo abbia tra le sue priorità quella di intervenire a sostegno delle scuole di specializzazione e dell’intero sistema di formazione, che deve essere aggiornato e attualizzato alle reali esigenze della popolazione» ha affermato la presidente dell'Associazione italiana Ospedalità Privata
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa