Voci della Sanità 2 Luglio 2020

San Raffaele, UGL Sanità ricevuta dal Consiglio Regionale del Lazio: «Ora gesti concreti o la mobilitazione proseguirà»

Il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano: «Attendiamo la convocazione, come da impegni assunti, di un tavolo di concertazione per arrivare a una conclusione positiva della vicenda di Rocca di Papa»

Un piccolo spiraglio di luce. È quello che vedono i lavoratori del San Raffaele Rocca di Papa, minacciati dalla mannaia della procedura di licenziamento attivata dalla direzione del gruppo. Al termine del presidio organizzato questa mattina di fronte Consiglio Regionale del Lazio una rappresentanza della UGL Sanità Nazionale e dei Lavoratori è stata infatti ricevuta da esponenti politici dell’opposizione, Daniele Giannini (Lega) e Giancarlo Righini (FdI), e della maggioranza, Rodolfo Lena (PD), per ascoltare le problematiche legate alla difficilissima situazione che coinvolge i circa 160 operatori della struttura dei Castelli Romani e quelle che comunque gravano sui lavoratori dell’intero Gruppo.

«Siamo soddisfatti – ha dichiarato al termine dell’incontro il Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano – che finalmente, dopo settimane di assoluto silenzio, la politica abbia preso coscienza della drammatica situazione che mette a rischio il posto di lavoro degli operatori del San Raffaele Rocca di Papa. Abbiamo riferito ai lavoratori presenti al presidio in Via della Pisana che l’impegno assunto, oltre che di una audizione in Consiglio Regionale sulla vicenda, è quello di garantire la conservazione dei propri diritti. Attendiamo la convocazione, come da impegni assunti, di un tavolo di concertazione per arrivare a una conclusione positiva della vicenda di Rocca di Papa con soluzioni certe anche per i l lavoratori delle altre strutture del Gruppo dove, a causa della riduzione delle prestazioni durante l’emergenza, sono state imposte ferie forzate o addirittura l’aspettativa non retribuita. Vedremo quali saranno gli sviluppi, che non possono fermarsi alle sole rassicurazioni di oggi. Per questo la UGL Sanità, unica sigla presente sul campo a rivendicare i diritti dei  lavoratori del Gruppo San Raffaele, non abbassa la guardia. In mancanza di riscontri in tempi rapidi proseguiremo e renderemo più forte la nostra mobilitazione, nelle forme e nei modi che riterremo opportuni, per salvaguardare i posti di lavoro, i diritti e la dignità degli operatori del Gruppo San Raffaele».

Articoli correlati
Assistenza degli anziani, UGL Sanità a Ministero della Salute: «Servono percorsi terapeutici multidisciplinari»
«Abbiamo portato il nostro saluto al nuovo Presidente Monsignor Paglia», dichiarano Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale della UGL Sanità e Valerio Franceschini, Dirigente Nazionale
Oltre 19mila operatori contagiati nell’ultimo mese, UGL: «Mandati allo sbaraglio, Questo il grazie delle istituzioni?»
«Gli operatori della sanità impegnati nella lotta al virus non possono più essere dei fanti mandati ad affrontare il Covid-19 armati solo del proprio coraggio e della loro professionalità» sottolinea il segretario della UGL Sanità Gianluca Giuliano
Pronto Soccorso, Giuliano (UGL): «Sistema in corto circuito, ora tutelare personale con rigida applicazione protocolli»
L'UGL sanità torna a chiedere investimenti, assunzioni e una riforma mirata della Medicina del territorio oltre allo sblocco del turn over. IL segretario Giuliano: «Situazione da girone dantesco, servono investimenti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli