Voci della Sanità 2 Luglio 2020

San Raffaele, UGL Sanità ricevuta dal Consiglio Regionale del Lazio: «Ora gesti concreti o la mobilitazione proseguirà»

Il Segretario UGL Sanità Gianluca Giuliano: «Attendiamo la convocazione, come da impegni assunti, di un tavolo di concertazione per arrivare a una conclusione positiva della vicenda di Rocca di Papa»

Un piccolo spiraglio di luce. È quello che vedono i lavoratori del San Raffaele Rocca di Papa, minacciati dalla mannaia della procedura di licenziamento attivata dalla direzione del gruppo. Al termine del presidio organizzato questa mattina di fronte Consiglio Regionale del Lazio una rappresentanza della UGL Sanità Nazionale e dei Lavoratori è stata infatti ricevuta da esponenti politici dell’opposizione, Daniele Giannini (Lega) e Giancarlo Righini (FdI), e della maggioranza, Rodolfo Lena (PD), per ascoltare le problematiche legate alla difficilissima situazione che coinvolge i circa 160 operatori della struttura dei Castelli Romani e quelle che comunque gravano sui lavoratori dell’intero Gruppo.

«Siamo soddisfatti – ha dichiarato al termine dell’incontro il Segretario Nazionale della UGL Sanità Gianluca Giuliano – che finalmente, dopo settimane di assoluto silenzio, la politica abbia preso coscienza della drammatica situazione che mette a rischio il posto di lavoro degli operatori del San Raffaele Rocca di Papa. Abbiamo riferito ai lavoratori presenti al presidio in Via della Pisana che l’impegno assunto, oltre che di una audizione in Consiglio Regionale sulla vicenda, è quello di garantire la conservazione dei propri diritti. Attendiamo la convocazione, come da impegni assunti, di un tavolo di concertazione per arrivare a una conclusione positiva della vicenda di Rocca di Papa con soluzioni certe anche per i l lavoratori delle altre strutture del Gruppo dove, a causa della riduzione delle prestazioni durante l’emergenza, sono state imposte ferie forzate o addirittura l’aspettativa non retribuita. Vedremo quali saranno gli sviluppi, che non possono fermarsi alle sole rassicurazioni di oggi. Per questo la UGL Sanità, unica sigla presente sul campo a rivendicare i diritti dei  lavoratori del Gruppo San Raffaele, non abbassa la guardia. In mancanza di riscontri in tempi rapidi proseguiremo e renderemo più forte la nostra mobilitazione, nelle forme e nei modi che riterremo opportuni, per salvaguardare i posti di lavoro, i diritti e la dignità degli operatori del Gruppo San Raffaele».

Articoli correlati
Sanità privata, Giuliano (UGL Sanità): «16 settembre sciopero generale e presidio davanti la Regione Lazio»
«Non si può aspettare ancora. Da 14 anni i lavoratori della sanità privata attendono invano la firma per il rinnovo del contratto Aiop-Aris. Le parole e le promesse spese in questo lunghissimo arco di tempo sono cadute nel vuoto. Si sommano – dichiara Gianluca Giuliano, Segretario Nazionale UGL Sanità – a quelle che sono state loro […]
Infermiere scolastico, UGL: «Necessaria introduzione ma non si vada ad ampliare la marea di precari»
«È una grande occasione per stabilizzare con contratti a tempo indeterminato tanti professionisti, ricorrendo in via prioritaria all’utilizzo delle graduatorie valide generate dai concorsi» sottolinea il Segretario dell'UGL Sanità Gianluca Giuliano
Telemedicina: all’Ospedale San Raffaele il consulto medico online è realtà
Operativo da quattro mesi è utilizzato da specialisti della sanità privata. Ing. Elena Bottinelli, Ad dell’IRCCS Ospedale San Raffaele: «Necessarie linee guida comuni da Ministero e Regioni. Allo studio la possibilità di estenderlo al pubblico»
di Federica Bosco
Sanità privata, Ugl indice sciopero generale per il 16 settembre: «Non si calpestino ancora diritti e dignità dei lavoratori»
«Siamo di fronte a una situazione di stallo a cui possiamo rispondere solo con lo sciopero generale. La nostra protesta, a tutela dei circa 150 mila lavoratori della Sanità Privata in attesa del rinnovo del contratto, non si fermerà fino a quando l’accordo non verrà raggiunto» sottolinea il segretario UGL sanità Gianluca Giuliano
Strascichi psichiatrici per più di metà dei guariti da Covid-19, i risultati di uno studio italiano
Le più colpite sono le donne, in cui gli straschichi psichiatrici sono più forti: depressione, ansia e insonnia. Tra le causa risposta immuntaria e stress
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 17 settembre, sono 29.868.230 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 940.716 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»