Voci della Sanità 2 Agosto 2021 16:48

Reti di riabilitazione, FNO TSRM PSTRP: «Esclusi 100mila professionisti da stesura, Conferenza delle regioni ci coinvolga»

La Conferenza delle Regioni, lo scorso 29 luglio, stava per approvare le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei percorsi appropriati nella rete di riabilitazione”. Peccato, però, che le professioni sanitarie di area riabilitativa, regolamentate e ordinate all’interno della FNO TSRM PSTRP (podologi, logopedisti, fisioterapisti, ortottisti, TNPEE, TeRP, terapista occupazionale ed educatore professionale) non siano state […]

La Conferenza delle Regioni, lo scorso 29 luglio, stava per approvare le “Linee di indirizzo per l’individuazione dei percorsi appropriati nella rete di riabilitazione”. Peccato, però, che le professioni sanitarie di area riabilitativa, regolamentate e ordinate all’interno della FNO TSRM PSTRP (podologi, logopedisti, fisioterapisti, ortottisti, TNPEE, TeRP, terapista occupazionale ed educatore professionale) non siano state coinvolte nella stesura. Per questo, pere evitare che “100mila professionisti vengano esclusi”, la Presidente della Federazione, Teresa Calandra, ha formalmente chiesto che il punto all’ordine del giorno della conferenza sia rinviato.

«A seguito della recente segnalazione da parte della Commissione di albo nazionale dei Fisioterapisti, la scrivente Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione (FNO TSRM e PSTRP) è venuta a conoscenza della discussione in atto riferita all’oggetto. Si rende noto che gli Ordini professionali agiscono quali enti sussidiari dello Stato con funzione di garanzia sociale e di tutela per il corretto esercizio di attività professionali in cui sono coinvolti interessi pubblici. In forza delle attribuzioni affida loro in tema di tutela degli interessi pubblici, garantiti dall’ordinamento, connessi all’esercizio professionale, si ritiene di dover evidenziare, con estremo rammarico, che il documento recante “Linee di indirizzo per la individuazione dei percorsi appropriati nella rete di riabilitazione” non ha visto il formale coinvolgimento di alcuna delle professioni sanitarie di area riabilitativa, regolamentate e ordinate all’interno della FNO TSRM PSTRP».

«Ribadendo – continua la lettera inviata a – come l’iter non abbia visto il coinvolgimento formale delle rappresentanze istituzionali dei professionisti sanitari di area riabilitativa, si evidenzia che alcuni contenuti del predetto documento fanno riferimento a concezioni piuttosto datate in tema di organizzazione ed erogazione delle cure e di collaborazione/interazione tra i diversi professionisti in esse coinvolti. Si rende, pertanto necessaria una revisione con la doverosa partecipazione di tutti i professionisti coinvolti nei processi a cui il documento si riferisce.
Auspicando, dunque, un celere quanto doveroso processo di confronto, ci preme sottolineare la necessità di adeguare il documento ai più avanzati modelli di risposta ai bisogni di salute, anche di tipo riabilitativo, in maniera coerente con quanto indicato dalla missione 6 – salute del PNRR, nonché dai primi documenti di indirizzo che stanno impegnando gli enti del Sistema sanitario nazionale, anche alla luce di quanto emerso durante la pandemia.

Articoli correlati
IV Conferenza sulla Fragilità, dal Forum di Arezzo la richiesta di un tavolo interministeriale per una reale integrazione tra sociale e sanitario
Nel corso dell'evento, organizzato da Simedet e FNO TSRM e PSTRP, si è parlato di accesso alle cure, disabilità, di dolore e di cure palliative, di Dat e fine vita, di pazienti oncologici e pazienti pediatrici, di caregivers, di ausili. Per l'avvocato Laila Perciballi, uno degli organizzatori, «il tema della rinunce alle cure, aumentato con il caro energia e l'inflazione, è drammatico ed è una delle priorità da affrontare»
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Elezioni 2022, la FNO TSRM e PSTRP scrive ai leader di partiti e movimenti politici
La Presidente Calandra: «Disponibili a un confronto con i candidati e gli eletti»
PNRR, le proposte FNO TSRM-PSTRP. Calandra: «Fondamentali gli standard del fabbisogno di personale»
In un documento le proposte della federazione che racchiude 19 professioni sanitarie: si punta su formazione universitaria, case della salute e telemedicina. La presidente Calandra: «L’obiettivo è quello di un costante miglioramento nei processi di prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione»
di Francesco Torre
Privacy e professioni sanitarie, tema sensibile sotto la lente di ingrandimento di FNO TSRM PSTRP e Ordine degli Avvocati di Roma
Il 27 aprile in Corte di Cassazione a Roma il convegno su “il manager della privacy in sanità”. Calandra: (FNO TSRM PSTRP): «Argomento sensibile che merita ampia riflessione». L’avvocato Perciballi: «Tema della privacy e del segreto professionale essenziale nel rapporto di fiducia tra il professionista sanitario e la persona assistita»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni