Voci della Sanità 5 Agosto 2021 14:57

Regimenti (Fi): «Commissione Ue crei un fondo per produrre “medicinali orfani”

«Se chi produce farmaci deve fare i conti con i bilanci e gli alti costi per la ricerca e la produzione, le istituzioni hanno l’obbligo di farsi carico del problema»

«Ho chiesto alla Commissione europea di progettare e istituire un fondo finanziato dagli Stati membri e che sia dedicato all’approvvigionamento comune dei cosiddetti ‘medicinali orfani’ in tutta l’UE per conto dei 27. L’emergenza Covid-19 non deve far dimenticare quanti, molto spesso bambini, soffrono di malattie gravi, rare, in molti casi mortali, e non hanno possibilità di cure perché le case farmaceutiche hanno difficoltà economiche nel produrre e distribuire questi farmaci per le terapie, che proprio per tale motivo sono chiamati ‘medicinali orfani’: farmaci che hanno prezzi elevatissimi perché la sperimentazione costa tantissimo e le cure poi riguardano numeri di pazienti davvero esigui, a volte poche unità». Lo dichiara l’eurodeputata Luisa Regimenti, componente della commissione Sanità al Parlamento europeo e membro del dipartimento Sanità di Forza Italia.

«Se chi produce farmaci – spiega – deve fare i conti con i bilanci e gli alti costi per la ricerca e la produzione, le istituzioni hanno l’obbligo di farsi carico del problema e non possono ignorare la necessità di salute pubblica e l’importanza di questi medicinali che devono essere utilizzati per la diagnosi, la prevenzione e il trattamento di malattie rare. Per questo ritengo fondamentale che l’Ue applichi il programma salute Eu4health 2021/2027, che già prevede fra gli obiettivi anche quello di stimolare la ricerca per individuare le cure adatte, oltre alla riduzione dei tempi di approvazione delle agenzie nazionali, assicurando un accesso rapido ed equo ai medicinali in tutta l’Unione europea».

Conclude l’on. Regimenti: «Considerando che i pazienti dovrebbero avere accesso all’assistenza sanitaria, comprese le esenzioni nel caso di patologie gravi e croniche, e alle opzioni di trattamento di loro scelta e preferenza, risulta necessario implementare quanto prima queste richieste, al fine di tutelare la loro salute. Perché non possono e non devono essere considerati malati di serie B solo per il fatto di rappresentare una minoranza».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Green Pass, rush finale alla Camera. Malattie rare e riforma emergenza sanitaria in agenda
Via libera di Montecitorio atteso in settimana, ma già si parla di un nuovo provvedimento per estendere il certificato Covid. In Commissione Affari sociali il decreto per l’esercizio in sicurezza dell’anno scolastico. FNOMCeO audita in commissione Sanità sul sistema di emergenza-urgenza sanitaria e disciplina dell'autista soccorritore
di Francesco Torre
Le emozioni possono aiutare la scienza. La storia di Sammy, il giovane alla ricerca di una cura per l’invecchiamento precoce
“Sammy-seq”, “base-editing” e farmaci che rallentano la progressione della patologia: ecco le tre scoperte che hanno rivoluzionato il trattamento della progeria, la patologia dell’invecchiamento precoce
di Isabella Faggiano
Con il Bullone e Cicatrici i B. Liver combattono la malattia e diventano grandi
Sono giovani tra i 14 e i 35 anni costretti a lottare contro il cancro, l’Hiv, l’anoressia. Hanno deciso di farlo con la Fondazione B.Live Onlus e alcuni volontari. Ne è nato un giornale e una mostra d’arte per raccontare storie di chi nella vita ha lasciato un segno e chi non ha paura di far conoscere le proprie fragilità
di Federica Bosco
Malattie rare, UNIAMO presenta VII Rapporto MonitoRare
Sileri: «Nuovo Piano nazionale subito dopo l’estate. Al momento è in fase di revisione, per renderlo più snello. Il suo aggiornamento, ogni tre anni, sia azione di routine, normalità, con meno parole e molti più fatti»
Malattie Rare, in Senato il progetto di legge per intitolare una giornata nazionale ai Rare sibling
L’iniziativa portata avanti dalla senatrice Paola Binetti è stata presentata questa mattina a Palazzo Madama con la partecipazione delle associazioni di pazienti, OMaR e società scientifiche. Obiettivo: dare valore al ruolo dei fratelli e delle sorelle dei bambini con malattie rare
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco