Voci della Sanità 5 Agosto 2021 14:57

Regimenti (Fi): «Commissione Ue crei un fondo per produrre “medicinali orfani”

«Se chi produce farmaci deve fare i conti con i bilanci e gli alti costi per la ricerca e la produzione, le istituzioni hanno l’obbligo di farsi carico del problema»

«Ho chiesto alla Commissione europea di progettare e istituire un fondo finanziato dagli Stati membri e che sia dedicato all’approvvigionamento comune dei cosiddetti ‘medicinali orfani’ in tutta l’UE per conto dei 27. L’emergenza Covid-19 non deve far dimenticare quanti, molto spesso bambini, soffrono di malattie gravi, rare, in molti casi mortali, e non hanno possibilità di cure perché le case farmaceutiche hanno difficoltà economiche nel produrre e distribuire questi farmaci per le terapie, che proprio per tale motivo sono chiamati ‘medicinali orfani’: farmaci che hanno prezzi elevatissimi perché la sperimentazione costa tantissimo e le cure poi riguardano numeri di pazienti davvero esigui, a volte poche unità». Lo dichiara l’eurodeputata Luisa Regimenti, componente della commissione Sanità al Parlamento europeo e membro del dipartimento Sanità di Forza Italia.

«Se chi produce farmaci – spiega – deve fare i conti con i bilanci e gli alti costi per la ricerca e la produzione, le istituzioni hanno l’obbligo di farsi carico del problema e non possono ignorare la necessità di salute pubblica e l’importanza di questi medicinali che devono essere utilizzati per la diagnosi, la prevenzione e il trattamento di malattie rare. Per questo ritengo fondamentale che l’Ue applichi il programma salute Eu4health 2021/2027, che già prevede fra gli obiettivi anche quello di stimolare la ricerca per individuare le cure adatte, oltre alla riduzione dei tempi di approvazione delle agenzie nazionali, assicurando un accesso rapido ed equo ai medicinali in tutta l’Unione europea».

Conclude l’on. Regimenti: «Considerando che i pazienti dovrebbero avere accesso all’assistenza sanitaria, comprese le esenzioni nel caso di patologie gravi e croniche, e alle opzioni di trattamento di loro scelta e preferenza, risulta necessario implementare quanto prima queste richieste, al fine di tutelare la loro salute. Perché non possono e non devono essere considerati malati di serie B solo per il fatto di rappresentare una minoranza».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malattie rare, Bologna (IAC): «Proseguire anche nella prossima legislatura lavoro su decreti attuativi»
«L’approvazione della legge sulle malattie rare, di cui sono stata firmataria e relatrice, è stato un grande traguardo di questa legislatura; una legge di iniziativa parlamentare che ha richiesto tre anni e mezzo di lavoro ed é riuscita a superare molti ostacoli, costruendo una cornice normativa per la tutela di due milioni di malati e […]
Testo unico malattie rare, 6 mesi sono già stati persi. Omar consegna una ‘road map’ alle istituzioni
Macchia (OMaR): «I tempi sono stretti, per questo abbiamo raccolto criticità e indicazioni che speriamo possano essere usati dalle istituzioni competenti per procedere con i decreti e regolamenti attuativi»
Parte la terza edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare: la sfida del 2022 parla di comunicazione intra e multidisciplinare
Sono le parole e le relazioni al centro della nuova edizione di HackeRare, l’hackaton sulle malattie rare realizzato da CSL Behring con il contributo scientifico-culturale della SIFO (Società Italiana di Farmacia Ospedaliera). I lavori, della durata di una settimana, si svolgeranno online e la sfida su cui si confronteranno i farmacisti ospedalieri, con il supporto […]
Per i farmacisti ospedalieri manca formazione su comunicazione e relazioni
Solo il 10% della formazione è dedicato alla comunicazione e alle relazioni, gap da colmare. Il tema al centro della terza edizione di HackeRare è la comunicazione intra e multidisciplinare
Giornata Mondiale delle malattie rare, sono 100mila i “fantasmi” senza diagnosi, codice e diritti
I bisogni e le richieste di chi ha una malattia rara non diagnosticata o non diagnosticabile. Ma ci sono specialisti che lavorano per dare un nome alla loro sofferenza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...