Voci della Sanità 11 Febbraio 2022 18:04

Psicologo di base, petizione online per introdurlo raggiunge le 64mila firme

«La salute mentale non è meno importante di quella fisica, se il dolore non si vede non vuol dire che non esiste» si legge nella petizione rivolta al ministro Speranza in cui si chiede di prendere dall’esempio della Regione Campania dove è stato introdotto il servizio di psicologia di base

«Così come tutti abbiamo il medico di base, che ci aiuta a prenderci cura del nostro corpo, dovremmo avere tutti la possibilità di prenderci cura della nostra mente da una figura specializzata. La Campania si sta muovendo in questo senso istituendo lo psicologo di base. Tutta l’Italia dovrebbe seguire l’esempio e istituire la figura dello psicologo di base ovunque e per chiunque». Inizia così la petizione lanciata su Change.org e diretta al ministro della Salute, Roberto Speranza, per chiedere appunto l’introduzione dello psicologo di base nel Sistema sanitario nazionale. In poche settimane l’istanza ha raccolto oltre 64mila firme.

In Campania la legge regionale del 3 agosto 2020 n. 35 ha istituito presso i distretti sanitari delle Asl il servizio di psicologia di base a sostegno dei bisogni assistenziali emersi durante l’emergenza epidemiologica da Covid-19. Secondo quanto previsto le attività saranno assicurate da psicologi liberi professionisti in rapporto convenzionale nell’ambito di ciascuna azienda sanitaria locale a livello dei distretti sanitari di base, con il compito di sostenere e integrare l’azione dei medici di medicina generale e dei pediatri di libera scelta. Le attività degli psicologi saranno finalizzate a: intercettare e diminuire il peso crescente dei disturbi psicologici della popolazione, costituendo un filtro sia per i livelli secondari di cure che per il pronto soccorso; intercettare i bisogni di benessere psicologici che spesso rimangono inespressi dalla popolazione; organizzare e gestire l’assistenza psicologica decentrata rispetto ad alcuni tipi di cura; realizzare una buona integrazione con i servizi specialistici di ambito psicologico e della salute mentale di secondo livello e con i servizi sanitari più generali; intercettare e gestire le problematiche comportamentali ed emotive derivate dalla pandemia Covid-19.

Su questa scia la petizione lanciata su Change.org sottolinea come i lockdown e le restrizioni causate dalla pandemia abbiano aiutato «a porre l’attenzione su un problema che seppur già esistente, sta diventando sempre più grande, soprattutto nei più giovani, ai quali non bastano i consultori e le sedute con lo psicologo a scuola, ma hanno bisogno di terapia individuale con continuità e costanza, soprattutto in questo periodo di continua instabilità». Dunque «le persone chiedono aiuto lo psicologo di base deve rientrare nella base del nostro servizio sanitario. Per tutti. La salute mentale non è meno importante di quella fisica, se il dolore non si vede non vuol dire che non esiste».

Articoli correlati
Psicologo di base, al via il progetto in Campania in attesa di una legge nazionale
Semaforo verde dalla Corte Costituzionale dopo il ricorso del Governo contro la legge regionale 2020. AUPI: «Una decisione che finalmente valorizza una visione olistica della salute. Ora piena sinergia tra le figure assistenziali del territorio»
LEA e psicologia, Baroni (M5S): «Servizi mentali sottofinanziati da anni. Lavorare per psicologo di base»
Il capogruppo dei Cinque Stelle in Commissione Affari Sociali sottolinea: «È in atto una reistituzionalizzazione dei manicomi veri e propri nel settore privato. Con 40ennale legge Basaglia bisogna riportare attenzione su questi temi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali