OMCeO, Enti e Territori 27 luglio 2017

Psichiatria, in Europa con il progetto HERO sull’abitare coordinato dall’ASL Roma 2

Il progetto HERO (Housing: an educational European ROad to civil rights), promosso dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2, coordinato dal Dr. Massimo Cozza, il più grande d’Italia con un bacino di utenza di circa 1milione 300mila abitanti è arrivato primo, su 114 partecipanti in Italia, al bando per la cooperazione, per l’innovazione e […]

Il progetto HERO (Housing: an educational European ROad to civil rights), promosso dal Dipartimento di Salute Mentale dell’ASL Roma 2, coordinato dal Dr. Massimo Cozza, il più grande d’Italia con un bacino di utenza di circa 1milione 300mila abitanti è arrivato primo, su 114 partecipanti in Italia, al bando per la cooperazione, per l’innovazione e lo scambio di nuove pratiche, sul tema dell’Educazione per gli adulti per il programma europeo Erasmus+/2016.

Al progetto che ha come obiettivo la promozione in Europa dell’abitare in salute mentale partecipano, oltre l’ASL Roma 2: la Fondazione Internazionale Di Liegro, l’University Psychiation Hospital di Zagabria (Croazia), l’Associazione PEGODE di Anversa (Belgio), l’Associazione MERSEYSIDE EXPANDING HORIZONS di Liverpool (Gran Bretagna) e l’Associazione PEPSAEE di Atene (Grecia). Oggi, dopo circa un anno di lavoro, è stato pubblicato in cinque lingue l’e-book Housing e salute mentale. Indicatori di qualità ad uso delle comunità locali, risultato di un autentico scambio tra esperienze di Housing, che ha la finalità di individuare indicatori di qualità che possano porsi come linee guida europee per future iniziative nel percorso di recovery nella salute mentale.

Il progetto ha scritto nella presentazione la Dr.ssa Flori Degrassi, Direttore Generale dell’ASL Roma 2, s’inserisce a pieno titolo nel Piano d’azione della Salute Mentale 2013-2020 promosso dall’OMS e rientra nell’obiettivo 3 Good health and well-being dell’United Nations Sustainable Development.

Sono stati realizzati 25 focus group a cui hanno partecipato complessivamente 249 persone, espressione di  4 gruppi target diversi: utenti dei servizi di salute mentale e famiglie; operatori dei servizi di salute mentale; professionisti di altre agenzie e servizi territoriali; cittadini. I focus group sono stati realizzati a Roma-Italia, ad Atene-Grecia, a Zagabria-Croazia, a Gent, Lier e Bornem-Belgio, e a Liverpool-Gran Bretagna.

Il team internazionale di HERO ha anche analizzato 65 documenti sul tema dell’Housing, pubblicati negli ultimi 30 anni.

Dall’analisi dei focus group e della letteratura sono state individuate 10 aree chiave: il processo di valutazione delle abilità dell’utente, le risorse del territorio, il case manager/struttura organizzativa e reti per l’Housing nel SSN, valutazione delle rappresentazioni, percezioni, motivazioni degli utenti, flessibilità/governo clinico/comunicazione e coordinamento, responsabilità e processo decisionale dell’utente, volontariato e società civile, formazione continua, risorse specifiche per Housing, valutazione dell’impatto.

Per ciascuna area chiave sono stati identificati diversi indicatori (nel complesso 132) che possono essere utilizzati a livello locale per pianificare i progetti di Housing, per porsi dei traguardi, per monitorarli e seguirne l’andamento.

L’e-book, in conclusione, vuole essere un contributo alla diffusione di esperienze ed idee sull’Housing, rivolto a tutti coloro che direttamente o indirettamente hanno a che fare con esperienze di disturbi di salute mentale.

Un e-book per chi vuole sapere cosa si intenda oggi con Housing nell’ambito della salute mentale, quali le sue premesse, quali le esperienze in corso, quali i limiti e quali le potenzialità; per avvicinarsi all’Housing e per pensare in che modo ciascuno può attivamente contribuire allo sviluppo di società sempre più inclusive.

In allegato l’e–book in lingua italiana.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila