Voci della Sanità 26 Luglio 2022 17:28

Piam completa acquisizione di Bruschettini, si rafforza il comparto farmaceutico italiano

Le due storiche aziende italiane di origine genovese verso un fatturato combinato di 100 milioni di euro. «Rimarranno distinte, ma procederanno sinergicamente incrementando efficienza e capacità di rispondere alle opportunità nazionali e internazionali» afferma l’AD Andrea Maini 

Piam Farmaceutici spa completa l’acquisizione di Bruschettini srl e si appresta ad entrare nel novero delle Top aziende farmaceutiche italiane: quelle con un fatturato superiore ai 100 milioni di euro. «Questo traguardo – spiega Andrea Maini, già Presidente e Amministratore Delegato di Piam e, ora, AD anche di Bruschettini srl – sarà solo il primo turning point  verso nuovi orizzonti di crescita basati su tre pilastri fondamentali: i prodotti proprietari sviluppati da Piam e Bruschettini; le partnership industriali in corso; il rapporto consolidato con distributori internazionali operanti, in particolare, in Cina, Asia e Pacifico».

La compagine societaria di Piam spa – la B&B Holding di dr. Guido Balestrero e dr. Augusto Bruschettini rimarrà  inalterata in  seguito all’acquisizione e il dr. Augusto Bruschettini,  azionista di PIAM Farmaceutici spa, è confermato Presidente del CDA di Bruschettini srl. A crescere,  grazie alla sinergia delle due aziende – entrambe con una storia secolare alle spalle – sarà la capacità di rispondere tempestivamente alle opportunità del mercato nazionale e internazionale.

L’operazione – assistita da Deloitte Legal – unisce, infatti, due realtà in crescita, con base a Genova e con forti posizioni di mercato in ambiti ben delineati. Nel 2022 Piam ha segnato un aumento nei ricavi del 30% rispetto all’anno precedente, sfiorando i 60 milioni di euro in ambito cardio metabolico e del sistema nervoso centrale. Bruschettini porta in dote un’importante notorietà internazionale in ambito Oftalmico e pediatrico respiratorio Immunologico, supera i 30 milioni di euro di ricavi e ha mantenuto un fatturato stabile anche in tempo postCovid.

Entrambe le aziende, inoltre, sono attive nell’ambito delle Malattie Rare: Piam è leader di mercato  nelle malattie metaboliche ereditarie; Bruschettini ha in sviluppo un farmaco per SLA in Fase 3. Bruschettini ha, altresì, un sito produttivo a Genova che le consente di rispondere in modo competitivo e qualificato alle nuove richieste dei mercati.

«Piam spa e Bruschettini srl – conclude Maini – pur restando distinte, hanno molti valori comuni e ora intraprendono un unico percorso strategico che le porterà a nuovi traguardi di crescita nel futuro, sia nel mercato italiano che in quello internazionale».

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale