Voci della Sanità 13 Giugno 2019

Patto per la salute, Aceti (Fnopi): «Perché la “clausola di salvaguardia” economica tagliafondi non va»

Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il […]

Il portavoce FNOPI, Tonino Aceti, commenta  La “clausola di salvaguardia economica” inserita nella bozza di Patto per la salute che subordina il diritto alla salute all’economia. Una visione questa già analizzata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il principio del pareggio di bilancio.

Patto per la “Salute delle Comunità” o solo per l’equilibrio di finanza pubblica? La domanda appare legittima leggendo l’art. 1 e le norme finali della bozza del nuovo Patto per la Salute 2019-2021, tra l’altro identici a quelli contenute nel Patto per la Salute 2014-2016.

Infatti, i livelli di finanziamento del SSN fissati per gli anni 2019-2021, con incrementi pari a +2 MLD per il 2020 e +1,5 MLD per il 2021, appaiono una “posta aleatoria e incerta” in quanto suscettibili di possibili modifiche in relazione al conseguimento degli obiettivi di finanza pubblica e alle variazioni del quadro macroeconomico.
Come a dire, lo Stato e le Regioni prima concordano che per garantire la piena attuazione del diritto alla Salute previsto dalla Costituzione, l’efficace ed efficiente funzionamento del SSN e il rispetto dei Livelli Essenziali di Assistenza, servono determinati livelli di finanziamento, poi però accettano di rimetterli anche tutti in discussione, con eventuali tagli di entità indefinita, qualora cambiasse il quadro economico o lo richiedesse la finanza pubblica.
Se si accetta però di rimettere in discussione le risorse economiche inizialmente destinate al SSN, di conseguenza si sta accettando anche di rivedere al ribasso il livello di attuazione del diritto alla salute, il perimetro dei diritti esigibili dai pazienti, di depauperare il SSN e quindi di mettere ancora più in crisi l’effettività dei LEA.
In altre parole, il Diritto alla Salute diventa subordinato all’economia, le politiche sanitarie sono esclusiva funzione delle politiche economiche e al SSN si assegna una mission diversa rispetto a quella prevista dall’art. 1 della L. 833/1978: il SSN diventa strumento per garantire l’equilibrio di finanza pubblica, anziché per tutelare la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività.
Una visione questa già bocciata dalla Corte costituzionale con la sentenza 275/2016 che ha fatto scuola sul delicatissimo tema del giusto bilanciamento tra garanzia dei diritti incomprimibili/fondamentali e il principio del pareggio di bilancio.
La Corte ribalta completamente l’impostazione che è ancora presente nella bozza del nuovo Patto per la salute, affermando che “è la garanzia dei diritti incomprimibili ad incidere sul bilancio, e non l’equilibrio di questo a condizionarne la doverosa erogazione” (punto 11 – Considerato in diritto).
Ancora. L’effettività di un diritto «non può che derivare dalla certezza delle disponibilità finanziarie per il soddisfacimento del medesimo» (punto 7- considerato in diritto) e il “nucleo di garanzie minime per renderlo effettivo dovrebbe essere assicurato al di là di ogni esigenza di bilancio, garantendosi certezza, stabilità e obbligatorietà del finanziamento. ” (punto 8 – ritenuto in fatto).
Infine, aggiunge che spetta al legislatore predisporre gli strumenti idonei alla realizzazione ed attuazione del diritto, affinché la sua affermazione non si traduca in una mera previsione programmatica, ma venga riempita di contenuto concreto e reale. (punto 4- considerato in diritto).
I tagli praticati negli anni ai finanziamenti programmati per il SSN hanno prodotto effetti reali sul complesso dei diritti dei pazienti, e sono sotto gli occhi di tutti.
A partire dai nuovi Livelli Essenziali di Assistenza, che sono ancora in buona parte tutti sulla carta e i motivi sono proprio legati alle coperture economiche, sulle quali a distanza di anni si stanno ancora confrontando il Ministero della Salute e il MEF.
Se con il Nuovo Patto per la Salute dovesse accadere lo stesso per il finanziamento 2020 e 2021 del SSN, ad essere immediatamente disinnescati sarebbero, tra le altre cose, proprio gli incrementi della spesa per il personale previsti nell’emendamento sblocca assunzioni contenuto nel Decreto Calabria attualmente in discussione in Parlamento. L’emendamento infatti aggancia l’aumento della spesa per il personale proprio agli incrementi del Fondo sanitario.
Praticamente: niente incrementi del Fondo sanitario, niente incremento di spesa per il personale. Ciò avrebbe delle ripercussioni dirette sulla garanzia dei LEA e quindi sul diritto alla Salute. Ma non basta. In caso di riduzione o mancato incremento del Fondo Sanitario per gli anni 2020 e 2021, sarà disinnescata anche l’abolizione del Superticket previsto all’art. 14 del nuovo Patto per la salute, dove è introdotto un meccanismo analogo a quella dell’aumento della spesa per il personale: niente incremento del Fondo Sanitario, niente abrogazione del Superticket. Anche questo produrrà un effetto sull’accessibilità alle cure da parte dei cittadini e quindi sul loro diritto alla salute.
Proprio per scongiurare queste possibilità è necessario modificare l’art. 1, e di conseguenza l’ultimo articolo del Patto per la Salute 2019-2021, sottraendo la Salute dei cittadini e il Servizio Sanitario Nazionale dall’essere ancora una volta bancomat in nome dell’equilibrio di finanza pubblica. Il Servizio Sanitario Nazionale ha già ampiamente dato. Bene ha fatto il Ministro della Salute a rifiutare qualsiasi eventualità di tagli ai finanziamenti programmati e approvati in Legge di Bilancio, bene hanno fatto le Regioni a sollevare il problema. Ora si dia un segnale di vera discontinuità rispetto al passato e si giunga nel più breve tempo possibile alla sottoscrizione del nuovo Patto per la Salute. Il SSN ha estremo bisogno di innovarsi e cambiare per rispondere di più e meglio ai vecchi e nuovi bisogni delle comunità.
Articoli correlati
Operatori sanitari ancora vittime di aggressioni. Violenze negli ospedali di Roma, Siracusa e Napoli
Le vittime sono due infermieri, una guardia medica e un chirurgo in servizio al Pronto Soccorso. «C'è rabbia e timore per non poter svolgere il lavoro in tranquillità. Non abbiamo nessuna tutela sotto il profilo della sicurezza» ha dichiarato la dottoressa aggredita a Siracusa
In Italia tanti medici ma troppo anziani, l’allarme lanciato dal rapporto “State of Health in the EU”
Nel 2017 più della metà dei medici italiani in attività aveva un'età pari o superiore a 55 anni, la percentuale più elevata di Europa
Nasce la Consulta permanente delle professioni sanitarie. Speranza: «Luogo di confronto e dialogo»
Anelli (FNOMCeO): «Soddisfazione e orgoglio». Mangiacavalli (FNOPI): «Bene, ma non vi siano professioni di serie A e di serie B». Orlandi (FNCF): «Atto importante e necessario nell'interesse della salute di tutti». Cossolo (Federfarma): «Luogo di incontro e confronto». Beux (TSRM PSTRP): «Grande opportunità, ora dimostriamo di saperla cogliere»
Il 2020 sarà l’anno di infermieri e ostetriche. Oms: «Nel mondo ne serviranno 9 milioni entro il 2030»
Non va meglio in Italia dove la carenza è stimata in oltre 50mila unità. Il 12 maggio 2020 sarà celebrata la giornata internazionale dell’infermiere e il 200º anniversario della nascita di Florence Nightingale
Ambulatorio infermieristico per la gestione delle cronicità, l’esperimento dell’Asl di Bari
«Rafforzata l’attenzione sul territorio» ha spiegato Antonio Sanguedolce, direttore generale dell’Asl di Bari ai microfoni di Sanità Informazione. Protagonisti infermieri e medici di medicina generale: «Stiamo sperimentando un nuovo approccio»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

Spese sanitarie in contanti e sgravi fiscali, cosa cambia per i professionisti della sanità

I pareri del fiscalista esperto in materia sanitaria Francesco Paolo Cirillo e del Tesoriere Sumai Napoli Luigi Sodano
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...