Voci della Sanità 25 Giugno 2021 16:58

Osteopatia, De Poli (Udc): «Riconoscimento non rimanga a metà, ora definire programma di formazione»

In un video-messaggio al VI Congresso del ROI (Registro Osteopati italiani) De Poli ha messo in evidenza «l’importanza della funzione degli osteopati per la tutela della salute dei cittadini»

«Sono oltre 24 milioni gli italiani che attualmente convivono con malattie croniche. Secondo l’Oms, l’80% della spesa pubblica per la salute è indirizzata a cure e gestione di questo tipo di pazienti. L’osteopatia può rappresentare un valido sostegno al sistema sanitario nella sfida alla cronicità ma a patto che gli italiani possano accedere ai trattamenti sanitari degli osteopati al pari delle altre professioni sanitarie. Su questo fronte, molto è stato fatto (l’approvazione della legge n.3/2018 nella scorsa legislatura) ma molto rimane ancora da fare». È quanto ha affermato il senatore UDC Antonio De Poli in un video-messaggio al VI Congresso del ROI (Registro Osteopati italiani).

«Il riconoscimento professionale dell’osteopata non può e non deve rimanere a metà – ha messo in evidenza De Poli -. La legge ha riconosciuto, infatti, gli osteopati come professionisti della salute e, pertanto, è stato compiuto un passo in avanti. Ora la parola spetta al MIUR (Ministero dell’Istruzione) e al CUN (Consiglio universitario nazionale). È indispensabile procedere ora alla definizione del programma di formazione universitaria», ha concluso De Poli che ha messo in evidenza «l’importanza della funzione degli osteopati per la tutela della salute dei cittadini».

Articoli correlati
Sanità, De Poli (Udc): «Governo intervenga su carenza medici e anestesisti, valutare specializzandi in corsia per fronteggiare emergenza»
«L’allarme sulla carenza di medici e anestesisti lanciato dal presidente Domenico Crisarà, presidente dell’Ordine dei medici di Padova, è l’ennesimo SOS che arriva dal mondo di chi lavora nelle corsie. Da anni questa denuncia è rimasta inascoltata e oggi ne paghiamo le conseguenze. La pandemia ha messo in evidenza ciò che noi, purtroppo, denunciamo da […]
Adoe: «La formazione della maggior parte degli osteopati non corrisponde agli standard»
di Luigi Ciullo, presidente Adoe (Associazione degli osteopati esclusivi)
di Luigi Ciullo, presidente Adoe (Associazione degli osteopati esclusivi)
L’osteopata è (da oggi) un professionista sanitario
Ad annunciarlo sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza. Sciomachen (ROI): «Un giorno storico. Ora istituire un percorso di laurea universitario ad hoc e stabilire l’iter per l’equipollenza dei titoli»
di Isabella Faggiano
#bastaunafirma, il ROI lancia campagna social per la creazione del profilo professionale di osteopata
In attesa di una normativa di riferimento, la categoria degli osteopati permane in una situazione di incertezza, aggravata dalla pandemia e dalle misure straordinarie adottate per gestire l’emergenza sanitaria
Osteopati, raggiunto l’accordo per la definizione del profilo professionale ma manca il decreto attuativo
Sciomachen (ROI): «Il Miur istituirà il percorso di laurea triennale in osteopatia. A completare l’iter verso il riconoscimento tra le professioni sanitarie sarà, poi, l’equipollenza dei titoli degli osteopati che già praticano la professione»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 30 luglio, sono 196.654.595 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 4.199.164 i decessi. Ad oggi, oltre 4 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dall...
Covid-19, che fare se...?

Posso bere alcolici prima o dopo il vaccino anti-Covid?

Sbronzarsi nei giorni a cavallo della vaccinazione può compromettere la risposta immunitaria e, dunque, depotenziare gli effetti del vaccino?
Salute

Guida al Green pass, può essere revocato? Serve anche ai ragazzi? Le risposte di Cittadinanzattiva

Chi ne è esentato? E cosa deve fare chi è guarito? Intervista a Isabella Mori, Responsabile del servizio tutela di Cittadinanzattiva