Voci della Sanità 15 Maggio 2019

Oral Cancer Day: un controllo può salvarti la vita. Fino al 14 giugno visite gratuite presso gli studi dentistici ANDI

Con 9.000 nuovi casi all’anno il tumore del cavo orale è una delle neoplasie più diffuse in Italia; eppure non esiste ancora un’adeguata cultura di prevenzione e diagnosi precoce. È proprio in questa direzione che va la tredicesima edizione dell’Oral Cancer Day che ha visto i dentisti ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) impegnati in 60 […]

Con 9.000 nuovi casi all’anno il tumore del cavo orale è una delle neoplasie più diffuse in Italia; eppure non esiste ancora un’adeguata cultura di prevenzione e diagnosi precoce. È proprio in questa direzione che va la tredicesima edizione dell’Oral Cancer Day che ha visto i dentisti ANDI (Associazione Nazionale Dentisti Italiani) impegnati in 60 piazze italiane per incontrare i cittadini e promuovere la cultura della prevenzione con una campagna di informazione e sensibilizzazione su una patologia spesso trascurata. Anche a Napoli è stato distribuito materiale informativo sulla patologia, con indicazioni pratiche su come riconoscerla, prevenirla e a chi rivolgersi in caso di dubbi.

La diagnosi precoce, infatti, permette di curare efficacemente i soggetti colpiti, con un indice di remissione della malattia tra l’80 e il 90% dei casi, garantendo contemporaneamente una minor invasività degli interventi e un sensibile miglioramento della qualità della vita.

Un’iniziativa che non si limita ad una sola giornata d’informazione, ma che si trasforma in un vero e proprio mese della prevenzione del tumore del cavo orale: dal 13 maggio al 14 giugno, i dentisti ANDI aderenti, saranno a disposizione dei cittadini per visite gratuite nei propri studi. Per individuare lo studio ANDI più vicino e prenotare una visita basterà consultare il sito www.oralcancerday.it, oppure telefonare al numero verde 800 058 444

“Sottoporsi a un controllo eseguito da uno specialista – spiega la Dott.ssa Giuliana Luciano, Presidente Andi Napoli – può salvare la vita. Spesso arrivano in studio pazienti con situazioni oramai compromesse o in stato molto avanzato. Eppure bastano 5 minuti per fare un controllo e capire se una lesione debba considerarsi allarmante o meno”.

Per fare questo i dentisti ANDI seguono adeguati e specifici corsi di formazione: “anche quest’anno, il prossimo 24 maggio – prosegue Giuliana Luciano – avremo una giornata di formazione in collaborazione con le Università Federico II e Vanvitelli, il Cardarelli e l’Ordine dei Medici per formare quelli che definiamo i “dentisti sentinella”: il ruolo del dentista, infatti, è quello di saper riconoscere i warning di una lesione del cavo orale per poi indirizzare il cittadino verso il centro specializzato più adeguato”.

Un valido aiuto arriva anche dalla tecnologia: una nuova APP, DoctOral, realizzata grazie al contributo della SIPMO (Società Italiana di Patologia e Medicina Orale) dedicata esclusivamente agli operatori del settore sanitario e agli studenti di Medicina e di Odontoiatria, contiene un percorso guidato per la diagnosi di lesioni del cavo orale e la gestione odontoiatrica del paziente.

Rivolgendosi ai dentisti ANDI, i cittadini potranno anche ricevere gratuitamente indicazioni sugli stili di vita da adottare per garantirsi una corretta salute orale. “Insomma – conclude la Presidente napoletana ANDI – come dice un vecchio adagio, prevenire è sempre meglio che curare, ancor più a Napoli, dove, a fronte delle campagne per la prevenzione del tumore al seno ed al colon retto promosse da Regione ed AASSLL, non esiste un vero e proprio screening per il tumore del cavo orale”.

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...