OMCeO, Enti e Territori 13 settembre 2016

OMCeO Potenza: «Un corso può costare sino a mille euro. Formazione gratuita per giovani medici»

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare […]

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare in soccorso dei giovani medici che – come spiega il presidente dell`Ordine regionale, Rocco Paternò – sono in questo momento in forte difficoltà. Una specie di “patto intergenerazionale”, consapevoli  del fatto che «quando il medico si è fatto un nome tutto è più semplice. Ma in questa fase, con gli enti pubblici che riducono le assunzioni e la sanità privata che si affida agli specialisti già affermati, un giovane fa davvero molta fatica». L`iniziativa – cui ha aderito anche l`Ordine regionale dei medici della Basilicata – nasce dalla collaborazione con il Gruppo Consulcesi, che si occupa di assistenza legale alla categoria e che – spiega Paternò – ha assistito diversi medici che durante il corso di specializzazione avrebbero dovuto ricevere un`adeguata remunerazione, come previsto dalle direttive europee. E ora questa iniziativa per aiutare i medici sotto i 35 anni, quelli che più soffrono. «Nuove e importanti sfide si profilano all`orizzonte per la nostra categoria – spiega Paternò- e interessano in particolar modo i giovani medici che si affacciano alla professione. I colleghi si confrontano oggi con criticità relative al conseguimento dei crediti formativi, alla tutela legale della propria attività, al mancato rispetto della direttiva comunitaria sull`orario di lavoro o al mancato rimborso per il periodo di specializzazione ’78-2006 ». Per questo serve un concreto aiuto. Perché, tanto per fare un esempio, la formazione obbligatoria ha costi molto elevati. Ci sono corsi che possono costare dai cinquecento ai mille euro. «E un medico deve arrivare a 50 crediti annui. E già ora l`Ordine regionale cerca di farne il più possibile gratis. Ma grazie a questa convenzione l`aiuto per i primi due anni è davvero notevole» . «Non siamo sordi alle richieste di aiuto che riceviamo dai medici, in particolare dai più giovani – spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e per questo mettiamo in campo subito soluzioni pratiche e concrete».

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Numero chiuso, irregolarità? Avvocato Saurini (Consulcesi): «Vogliamo realizzare sogno di tanti giovani»
«Violazioni dell’anonimato, utilizzo di telefonini: tutti gli anni purtroppo si ripetono difformità materiali e burocratiche, ecco cosa fare» così Sara Saurini, legale del network di riferimento per la tutela dei medici
Specializzandi, Lorefice (M5S): «Basta fughe di cervelli, ora priorità è cambiare il sistema di formazione post-laurea»
La Presidente della Commissione Affari Sociali della Camera plaude all’annuncio del Ministro Giulia Grillo della creazione di un gruppo di lavoro sul tema: «L’Italia che abbiamo in mente non può fare a meno delle sue migliori menti, nell’interesse di tutti»
Ex specializzandi, a Firenze rimborsi per 15 milioni. L’avvocato Tortorella: «L’evoluzione giurisprudenziale prosegue, cause più veloci»
«Com’è giusto pagare le tasse, così è giusto che lo Stato rispetti i diritti» la voce dei medici rimborsati dopo anni di formazione specialistica non riconosciuta economicamente
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila