Voci della Sanità 13 Settembre 2016

OMCeO Potenza: «Un corso può costare sino a mille euro. Formazione gratuita per giovani medici»

I primi due anni, per un giovane medico, sono i più difficili. Si deve continuare a studiare, si fa formazione (a pagamento), si lavora e spesso senza adeguato compenso. «E non è così insolito ritrovarsi in tribunale per difendersi da una denuncia. Indispensabile quindi diventa avere anche una difesa legale». Nasce così l`esigenza di andare in soccorso dei giovani medici che – come spiega il presidente dell`Ordine regionale, Rocco Paternò – sono in questo momento in forte difficoltà. Una specie di “patto intergenerazionale”, consapevoli  del fatto che «quando il medico si è fatto un nome tutto è più semplice. Ma in questa fase, con gli enti pubblici che riducono le assunzioni e la sanità privata che si affida agli specialisti già affermati, un giovane fa davvero molta fatica». L`iniziativa – cui ha aderito anche l`Ordine regionale dei medici della Basilicata – nasce dalla collaborazione con il Gruppo Consulcesi, che si occupa di assistenza legale alla categoria e che – spiega Paternò – ha assistito diversi medici che durante il corso di specializzazione avrebbero dovuto ricevere un`adeguata remunerazione, come previsto dalle direttive europee. E ora questa iniziativa per aiutare i medici sotto i 35 anni, quelli che più soffrono. «Nuove e importanti sfide si profilano all`orizzonte per la nostra categoria – spiega Paternò- e interessano in particolar modo i giovani medici che si affacciano alla professione. I colleghi si confrontano oggi con criticità relative al conseguimento dei crediti formativi, alla tutela legale della propria attività, al mancato rispetto della direttiva comunitaria sull`orario di lavoro o al mancato rimborso per il periodo di specializzazione ’78-2006 ». Per questo serve un concreto aiuto. Perché, tanto per fare un esempio, la formazione obbligatoria ha costi molto elevati. Ci sono corsi che possono costare dai cinquecento ai mille euro. «E un medico deve arrivare a 50 crediti annui. E già ora l`Ordine regionale cerca di farne il più possibile gratis. Ma grazie a questa convenzione l`aiuto per i primi due anni è davvero notevole» . «Non siamo sordi alle richieste di aiuto che riceviamo dai medici, in particolare dai più giovani – spiega il presidente di Consulcesi Group, Massimo Tortorella – e per questo mettiamo in campo subito soluzioni pratiche e concrete».

Articoli correlati
Covid, in Italia 45mila persone sorde non riescono a comunicare con il medico
Il 3 dicembre è la Giornata Internazionale delle persone con Disabilità. Il problema riguarda 7 milioni di persone con gravi difficoltà nella comunicazione e nell’interazione sociale. In collaborazione con Associazione Emergenza Sordi, Consulcesi lancia corso per migliorare dialogo in caso di necessità
Carenza medici: in Legge di Bilancio ripescaggio per esclusi al test che hanno fatto ricorso
Presentato l’emendamento a firma dell’onorevole Vito De Filippo: con il provvedimento potranno entrare alla Facoltà di Medicina i candidati che hanno presentato ricorso al Tar. Consulcesi: «C’è tempo solo fino all’11 dicembre per l’azione legale»
Aggressioni, l’allarme di Consulcesi: «Accendere riflettori anche su violenza operatori sanitari. Il 70% sono donne»
Il Presidente Massimo Tortorella: «Tutelare gli operatori sanitari sempre in prima linea». Telefono Rosso: la linea dedicata che risponde al numero 800.620.525
Covid-19, Tortorella (Consulcesi): «Chiamata alle armi per medici ma chiediamo rispetto per ex specializzandi e nuove regole all’Università»
Oggi scadono i termini del bando per arruolare personale da impiegare negli ospedali più in difficoltà. Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Sosteniamo l’iniziativa del Governo con una campagna senza precedenti per la pandemia con la forza del più grande big data italiano, ma pretendiamo il rispetto degli specialisti non pagati e di chi fa ricorso per entrare a Medicina: subito la soluzione con l’approvazione della nuova Manovra finanziaria»
«Abbiamo bisogno di giovani con zoccoli sanitari, non sneakers colorate». La provocazione social di Consulcesi
Il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella: «Migliaia di ragazzi hanno fatto la fila fuori agli Atenei dopo aver studiato e fatto sacrifici e meritano una selezione meritocratica e intanto il Covid ha messo in evidenza la mancanza di specialisti: Parlamento verso una nuova sanatoria per l’ondata di ricorsi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 4 dicembre, sono 65.277.100 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.507.323 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 4 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli