OMCeO, Enti e Territori 8 febbraio 2019

Nursing Up cambia logo e offre nuovi servizi: «Siamo vicini agli infermieri anche fuori dal lavoro»

Restyling del logo e nuovi servizi a disposizione degli infermieri raccontati in un video online: queste le novità 2019 del sindacato di categoria Nursing Up, che intende affiancare alle sue battaglie storiche strumenti innovativi e di supporto ai professionisti della salute, e anche una rinnovata veste grafica. “Per i vent’anni di vita abbiamo deciso di […]

Restyling del logo e nuovi servizi a disposizione degli infermieri raccontati in un video online: queste le novità 2019 del sindacato di categoria Nursing Up, che intende affiancare alle sue battaglie storiche strumenti innovativi e di supporto ai professionisti della salute, e anche una rinnovata veste grafica. “Per i vent’anni di vita abbiamo deciso di fare un restyling del logo per esprimere un’identità più attuale e al passo con i tempi, un simbolo di innovazione ed evoluzione verso la trasformazione digitale. Cambia il logo, ma i valori, le lotte e le battaglie che portiamo avanti strenuamente a tutela degli infermieri italiani rimangono le stesse, sempre difendendo i diritti delle lavoratrici e dei lavoratori che fanno parte della nostra organizzazione”. Così Antonio De Palma, presidente del Nursing Up, in occasione della presentazione dei nuovi servizi 2019 e della nuova veste grafica.

“Chi si iscrive a un sindacato  pensa che non ci siano servizi gratuiti, invece – spiega – non è così. Nursing Up ne ha costruito una vasta gamma intorno alle esigenze dei nostri associati perché abbiamo voluto ripensare il ruolo del sindacato di oggi con lo scopo di avvicinarci il più possibile a chi lavora con i ritmi frenetici attuali. E gli infermieri lo sanno bene, impegnati in turni h24, sette giorni su sette, senza tempo da dedicare agli imprevisti del quotidiano. Così ci è venuto in mente di creare un piccolo grande sistema di welfare da proporgli, il tutto incluso nella quota di iscrizione al sindacato. Praticamente per gli associati i servizi sono gratis”.

I Servizi targati Nursing Up

In primis c’è la polizza Rc professionale colpa grave con un massimale annuo di 10 mln per ogni associato (5 mln per singolo sinistro), con retroattività e ultraattività a 10 anni. Assolve agli obblighi previsti dalla Legge Gelli per i professionisti sanitari dipendenti. Ma la novità 2019 è sicuramente la polizza per la casa Argo Global, uno strumento eccezionale in grado di far fronte anche ai danni procurati alla propria abitazione dagli eventi atmosferici avversi, ormai divenuti ricorrenti, e tanto altro.

Quali sono gli altri vantaggi che il sindacato riserva ai suoi iscritti? Nursing Up mette loro a disposizione una vera e propria Centrale nazionale di assistenza dedicata, e lo fa grazie alla partnership con IMA Italia Assistance. Attraverso un numero verde (800.292999) si possono richiedere interventi di emergenza fino a 250 euro con un limite di due volte l’anno. Chi si può chiamare? L’idraulico, il vetraio, il fabbro, l’elettricista, il tecnico del gas.

E non solo, perché è possibile ottenere nel rispetto delle condizioni di polizza: un consulto medico telefonico h24; l’invio di un medico generico; il monitoraggio del ricovero in ospedale; il rientro al domicilio a seguito di dimissione ospedaliera; il servizio della spesa a casa a seguito di infortunio; e, se si è malati o infortunati sul lavoro, l’invio di una babysitter e la custodia degli animali.

L’altra importante polizza inclusa nell’iscrizione a Nursing Up è la Tutela legale ITAS MUTUA, che prevede un numero di sinistri annui illimitato e un massimale per singolo sinistro di 6.000 euro. Con essa l’assicurato potrà usufruire del rimborso di: spese per la difesa penale colposa, contravvenzionale e dolosa per delitti e contravvenzioni compiute dall’associato nello svolgimento della propria attività; spese legali per opposizione verso sanzione amministrativa, per richiedere il risarcimento danni extracontrattuali subiti per fatti illeciti da terzi; per controversie di lavoro.

Con l’adesione, che per gli iscritti Nursing Up è gratuita ed esclusivamente riservata a loro, si entra a far parte della società di mutuo soccorso che fa a capo all’ENAIOS, Ente nazionale assistenza infermieri ed operatori della salute. Ecco alcune delle tutele previste:

–        20.000 euro in caso di morte da infortunio durante l’attività lavorativa;

–        40.000 euro in caso di invalidità permanente da infortunio durante l’attività lavorativa;

–        15.000 euro quale estensione della precedente garanzia in caso di contagio da Hiv, Epatite B ed Epatite C di origine traumatica oppure da evento fortuito ed accidentale durante lo svolgimento dell’attività lavorativa;

–        10.000 euro per invalidità permanente da malattia;

–        26 euro al giorno per ricovero da infortunio professionale o malattia indennizzabile per un massimo di 180 giorni a decorrere dal sesto giorno di degenza.

Rientra nella polizza anche la prevenzione sanitaria. In pratica vengono rimborsate le spese per gli esami clinici, come la mammografia e la relativa ecografia (fino ad un massimale di 100 euro ad assicurato) e, in caso di intervento chirurgico per isterectomia parziale, è previsto un indennizzo di mille euro, che diventano tremila in caso di isterectomia totale o mastectomia totale uni o bilaterale oppure per ricostruzione. Tutto chiaro? Per chi vuole mettere in cantiere un bambino, c’è anche l’amniocentesi rimborsabile, così come il b-test.

Ma la prevenzione non riguarda solo il gentil sesso. Ci sono vantaggi anche per gli uomini. Come il rimborso degli esami clinici e strumentali per la diagnosi, la cura e lo screening della patologia prostatica. E tremila euro di indennizzo in caso di intervento di resezione totale o mastectomia. La società liquida anche il rimborso delle spese sostenute per l’analisi clinica della fertilità. E non basta ancora perché, in caso di inabilità permanente e totale al lavoro, c’è la possibilità di ottenere un sussidio una tantum di diecimila euro, sempre nel rigoroso rispetto delle condizioni di polizza.

Enaios ti va a pagare pure le bollette

In caso di infortunio o malattia e se serve un pediatra ma non si riesce a trovarlo, la società invierà un pediatra convenzionato a casa dell’assistito. Ma non solo, è prevista anche un’assistenza fisioterapica specializzata post-ricovero e il noleggio dei presidi ortopedici, o la presenza di una collaboratrice familiare, sempre in seguito a malattia o infortunio. Così come la consegna dei farmaci a domicilio e il comodo Taxi transfer ‘over 14’, per accompagnare i bambini a scuola o alle attività extrascolastiche.

E nel caso il socio fosse impossibilitato a uscire perché infortunato, Enaios andrebbe persino a pagare le bollette al posto suo. Inoltre, tra i servizi 2019, è stato confermato anche quest’anno l’innovativo Servizio Conciergerie, in grado di fornire informazioni sanitarie specifiche su: Centri di fecondazione assistita, Centri per la diagnosi prenatale e quelli specializzati in adozioni internazionali, nonché strutture di riabilitazione e Istituti di cura per gli anziani e per le cure palliative.

Contro gli eventi atmosferici avversi la polizza casa Argo Global

Lo strumento innovativo per eccellenza che sarà a disposizione degli iscritti Nursing Up 2019 è la polizza Argo Global per la casa e la RCT della vita privata, che da sola ha un valore pari a 160 euro, se acquistata singolarmente. Cosa copre? Incendio, esplosione e scoppio anche a mezzo di ordigni, eventi atmosferici avversi, allagamenti dovuti a danni da acqua condotta, e tanto altro.

La copertura RCT della vita privata comprende, solo a titolo esemplificativo, danni procurati da: caduta di antenna TV, incendio (danni a terzi), consumo di cibi e/o bevande in casa dell’assicurato che provochino intossicazioni o avvelenamento, infortunio cagionato ad ospiti a seguito di cadute, cadute all’esterno di oggetti (vedi alla voce ‘vasi dalla finestra’). E l’abitazione indennizzata può anche essere quella presa in affitto fuori sede dal figlio studente. Mentre molto utile potrebbe rivelarsi la RC verso i collaboratori ai servizi domestici, ad es. baby sitters, colf e badanti.

Inoltre la polizza Argo Global interviene qualora l’associato abbia un figlio con meno di 14 anni che ha fatto un danno volontario (atti di cui i genitori devono rispondere per legge), oppure se un animale domestico di sua proprietà procura danni a terzi. Tra le evenienze previste c’è persino l’uso e la guida di veicoli non a motore, come biciclette, natanti e surf. Neanche quando l’iscritto o un membro della sua famiglia camminano per strada, le coperture li lasceranno soli.

Per prendere visione di tutti casi in cui è previsto un rimborso, è fondamentale consultare le condizioni di polizza sul sito www.nursingup.it. La lista è davvero lunga, e allora perché aspettare? L’adesione ai servizi è molto semplice: basta un clic. Nursing Up è dalla parte degli infermieri sempre, anche fuori dal lavoro.

Articoli correlati
Manifesto Fine Vita, infermieri in prima fila. Mangiacavalli (Fnopi): «Vogliamo firmare e partecipare a decisioni»
«Dignità, ascolto e rispetto, valori alla base del sapere e dell'agire infermieristico. Diamo avvio a rete per accesso alle cure palliative e terapia del dolore». Così la presidente Fnopi Barbara Mangiacavalli
Fine vita, ecco il Manifesto Interreligioso: garantisce cure, dignità e supporto religioso nelle strutture sanitarie
Il Manifesto Interreligioso dei Diritti nei Percorsi di Fine Vita firmato oggi a Roma è costituito da nove punti ed è stato esposto da Angelo Tanese (Direttore generale Asl Roma 1) Pier Francesco Meneghini (Presidente Gmc – Università Cattolica del Sacro Cuore) e Maria Angela Falà (Presidente del Tavolo interreligioso di Roma). Presente anche Giulia Grillo
Stupra donna in coma, FNOPI: “Non è stato un infermiere ma un practical nurse”
Non è stato un infermiere ad aver stuprato e ingravidato una donna in coma in una struttura sanitaria di Phoenix, in Arizona. “Si tratta di un practical nurse, un operatore generico, non certo un infermiere iscritto a un albo professionale, con anni di università alle spalle e un severo codice deontologico da rispettare”. È questa […]
Operazione “Mondo Sepolto”, la FNOPI: «Nessun infermiere coinvolto, il buon nome della professione va tutelato»
La Federazione interviene sui recenti fatti di cronaca accaduti a Bologna: «Ancora una volta la professione è stata coinvolta erroneamente in notizie inerenti fatti inaccettabili, che violano, prima ancora delle leggi, il codice etico.
Infermieri e intramoenia, come funziona in Italia? Cavaliere (CID): «Più autonomia per fidelizzare paziente e combattere lavoro nero»
«L’infermiere può svolgere attività intramuraria solo in equipe, chiediamo riconoscimento e tariffe adeguate alle nostre competenze», l’appello di Bruno Cavaliere, presidente del Comitato Infermieri Dirigenti
di Serena Santi e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Taglio pensioni e quota 100, che succede ai medici iscritti all’Enpam? Parla il vicepresidente Malagnino

Ad agosto le prime uscite dei dipendenti pubblici con 62 anni di età e 38 di contributi. Secondo i sindacati, saranno circa mille i medici che ogni anno approfitteranno della riforma pensionistica, c...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...