OMCeO, Enti e Territori 6 settembre 2018

Naso (Messina) al via il primo Congresso Nazionale Inter-Accademico di Rinologia e Citologia Nasale

È noto come molte specie animali attraverso la percezione degli odori riescano a procacciarsi il cibo, a ricercare la compagna, a delimitare il proprio territorio e a scoprire la presenza di un predatore nemico. Il cervello umano, invece, si è sviluppato maggiormente nel lobo frontale a scapito dei bulbi olfattivi portando di conseguenza a una […]

È noto come molte specie animali attraverso la percezione degli odori riescano a procacciarsi il cibo, a ricercare la compagna, a delimitare il proprio territorio e a scoprire la presenza di un predatore nemico. Il cervello umano, invece, si è sviluppato maggiormente nel lobo frontale a scapito dei bulbi olfattivi portando di conseguenza a una minore capacità di percepire e riconoscere gli odori perché evolutivamente una maggiore intelligenza ha reso meno necessario basarsi sui sensi, compreso l’olfatto, per sopravvivere. Eppure, nonostante nell’uomo abbia perso qualche importante prerogativa, il naso ha mantenuto la principale ovvero ci consente di respirare e quindi di vivere.

“A dispetto di ciò, le malattie che coinvolgono il naso, riniti, sinusiti, poliposi, ecc. ecc., sono spesso relegate a disturbi minori”, afferma Massimo Landi, Presidente AICNA, Accademia Italiana Di Citologia Nasale, “mentre in realtà la qualità di vita del paziente con sintomatologia nasale non è buona: la cattiva respirazione impedisce di dormire bene con conseguenti ridotte prestazioni scolastiche e lavorative o di fare attività fisica”.

Per ridare il giusto valore e la giusta considerazione a questo organo, si svolgerà a Naso, in provincia di Messina, dal 5 all’8 settembre, il primo Congresso Nazionale Inter-Accademico delle Accademie di Rinologia e Citologia Nasale.

“Al Congresso si parlerà del naso a 360 gradi sia per quanto riguarda le aree mediche che quelle chirurgiche”, continua Landi, “e particolare rilevanza avrà lo studio della citologia nasale, metodica molto utile per un precoce inquadramento delle patologie nasali nella prima infanzia, periodo nel quale molte si originano, evitando un’evoluzione della malattia”. Secondo l’OMS, nel 2020 il 50% dei bambini sarà allergico ma, già oggi in pediatria, si stima che la rinite allergica sia compresa tra il 10 e il 20% andando ad aumentare nella popolazione adulta. Occorre poi considerare che la rinite allergica è spesso l’anticamera dell’asma nelle età successive ed è pertanto importante il suo corretto inquadramento per valutare gravità ed evoluzione”.

“Proprio perché il naso è spesso dimenticato e ridotto al rango della Cenerentola del corpo umano”, chiarisce Matteo Gelardi, Presidente IAR, Accademia Italiana di Rinologia, “anche i pazienti sono portati a sottovalutare i suoi disturbi anche se tutti, almeno una volta nella vita, hanno un episodio di rinite.  

Occorre ricordare che il naso non funziona mai al 100% in entrambe le narici; a regolare il funzionamento è il ciclo nasale fisiologico con alternanza di attività e riposo e decontaminazione delle cavità nasali della durata di circa 4-6 ore, condizionata anche dalla posizione del nostro corpo. La decontaminazione è una sorta di pausa di cui il naso ha necessità vista la sua continua attività di filtro di circa i 15 mila litri di aria che mediamente vengono respirati ogni giorno. A seconda di dove si vive e il periodo dell’anno, la mucosa nasale si trova a combattere (virus, batteri, smog, pollini, polvere, ecc. ecc.). Per questo necessita di un momento di tregua, tempo necessario per “decontaminarsi”. 

Il ciclo nasale fisiologico serve a comprendere perché è importante impiegare in modo corretto, nei tempi e nei modi, i decongestionanti nasali e gli spray nasali in generale. I decongestionanti, se somministrati contemporaneamente in entrambe le cavità nasali, fanno saltare questo ciclo fisiologico portando nel giro di qualche settimana alla rinite medicamentosa, caratterizzata dalla chiusura contemporanea di entrambe le cavità nasali. Quindi i decongestionanti non vanno usati per più di una settimana e mai contemporaneamente in entrambe le narici.

Un altro errore comune è nel modo di somministrazione degli spray nasali in generale che può portare a episodi di sanguinamento (epistassi). Infatti, nella porzione anteriore del setto nasale è presente una piccola regione chiamata locus valsalvae dove i vasi sanguigni si incrociano ed è una zona molto suscettibile alle emorragie dovute a impatto traumatico dei dispositivi medici. Per evitare epistassi (sanguinamenti) è bene evitare di traumatizzare la mucosa del setto nasale durante il trattamento con lo spray nasale”.

 

QUI IL PROGRAMMA DEL CONGRESSO

Articoli correlati
Cure palliative pediatriche al centro del Congresso della Fondazione Maruzza Lefebvre D’Ovidio Onlus
Il dolore è purtroppo un sintomo frequente nei bambini malati, sia in situazioni di ospedalizzazione che nei bambini non ricoverati. La valutazione corretta del dolore e la sua gestione ottimale sono considerate principi essenziali nella pratica pediatrica. Di questo e di altre tematiche si parlerà a Roma, dal 24 al 27 ottobre, durante il “4th […]
Catania, al via il congresso: “I progressi della terapia antiinfettiva”
Potrebbe sembrare un controsenso o una vera e propria utopia, ma non è fantasioso dover ancora parlare di resistenza agli antibiotici. Anzi quello che è diventato un vero e proprio fenomeno, rappresenta una delle questioni più importanti per la sanità a livello mondiale. È solo uno dei numerosi argomenti che verranno trattati nel corso di […]
Al via il 24° Congresso Nazionale Anaao Assomed: a Roma quattro giorni di dibattito sugli aspetti più critici della professione
Sabato 30 giugno i gruppi dirigenti nazionali saranno rinnovati. «Ci aspettiamo - afferma l'Anaao - che l'agenda del nuovo Ministro metta al primo posto la salvaguardia di un sistema sanitario pubblico e nazionale, equo, sicuro ed universalistico»
Tumori ginecologici, le nuove frontiere della chirurgia mininvasiva
Le novità chirurgiche mininvasive per la cura dei tumori ginecologici e dell’endometriosi. Saranno questi i temi del Corso teorico-pratico di chirurgia laparoscopica avanzata che si terrà lunedì 28 e martedì 29 maggio nelle sale dell’ospedale “Sacro Cuore – Don Calabria” di Negrar, nel Veronese. Una decina di esperti dell’International School of Surgical Anatomy si confronteranno […]
«Patologie nasali peggiorano qualità vita, spray validi per prevenire infezioni» l’intervista a Matteo Gelardi Presidente AICNA
«L’OMS sostiene che entro il 2020 il 50% dei bambini soffrirà di allergie: una diagnostica semplice ed efficace è la soluzione» il Presidente dell’Accademia Italiana di Citologia Nasale ai microfoni di Sanità Informazione racconta la nascita di questa branca della otorinolaringoiatria
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila