Voci della Sanità 6 Settembre 2018 10:57

Naso (Messina) al via il primo Congresso Nazionale Inter-Accademico di Rinologia e Citologia Nasale

È noto come molte specie animali attraverso la percezione degli odori riescano a procacciarsi il cibo, a ricercare la compagna, a delimitare il proprio territorio e a scoprire la presenza di un predatore nemico. Il cervello umano, invece, si è sviluppato maggiormente nel lobo frontale a scapito dei bulbi olfattivi portando di conseguenza a una […]

È noto come molte specie animali attraverso la percezione degli odori riescano a procacciarsi il cibo, a ricercare la compagna, a delimitare il proprio territorio e a scoprire la presenza di un predatore nemico. Il cervello umano, invece, si è sviluppato maggiormente nel lobo frontale a scapito dei bulbi olfattivi portando di conseguenza a una minore capacità di percepire e riconoscere gli odori perché evolutivamente una maggiore intelligenza ha reso meno necessario basarsi sui sensi, compreso l’olfatto, per sopravvivere. Eppure, nonostante nell’uomo abbia perso qualche importante prerogativa, il naso ha mantenuto la principale ovvero ci consente di respirare e quindi di vivere.

“A dispetto di ciò, le malattie che coinvolgono il naso, riniti, sinusiti, poliposi, ecc. ecc., sono spesso relegate a disturbi minori”, afferma Massimo Landi, Presidente AICNA, Accademia Italiana Di Citologia Nasale, “mentre in realtà la qualità di vita del paziente con sintomatologia nasale non è buona: la cattiva respirazione impedisce di dormire bene con conseguenti ridotte prestazioni scolastiche e lavorative o di fare attività fisica”.

Per ridare il giusto valore e la giusta considerazione a questo organo, si svolgerà a Naso, in provincia di Messina, dal 5 all’8 settembre, il primo Congresso Nazionale Inter-Accademico delle Accademie di Rinologia e Citologia Nasale.

“Al Congresso si parlerà del naso a 360 gradi sia per quanto riguarda le aree mediche che quelle chirurgiche”, continua Landi, “e particolare rilevanza avrà lo studio della citologia nasale, metodica molto utile per un precoce inquadramento delle patologie nasali nella prima infanzia, periodo nel quale molte si originano, evitando un’evoluzione della malattia”. Secondo l’OMS, nel 2020 il 50% dei bambini sarà allergico ma, già oggi in pediatria, si stima che la rinite allergica sia compresa tra il 10 e il 20% andando ad aumentare nella popolazione adulta. Occorre poi considerare che la rinite allergica è spesso l’anticamera dell’asma nelle età successive ed è pertanto importante il suo corretto inquadramento per valutare gravità ed evoluzione”.

“Proprio perché il naso è spesso dimenticato e ridotto al rango della Cenerentola del corpo umano”, chiarisce Matteo Gelardi, Presidente IAR, Accademia Italiana di Rinologia, “anche i pazienti sono portati a sottovalutare i suoi disturbi anche se tutti, almeno una volta nella vita, hanno un episodio di rinite.  

Occorre ricordare che il naso non funziona mai al 100% in entrambe le narici; a regolare il funzionamento è il ciclo nasale fisiologico con alternanza di attività e riposo e decontaminazione delle cavità nasali della durata di circa 4-6 ore, condizionata anche dalla posizione del nostro corpo. La decontaminazione è una sorta di pausa di cui il naso ha necessità vista la sua continua attività di filtro di circa i 15 mila litri di aria che mediamente vengono respirati ogni giorno. A seconda di dove si vive e il periodo dell’anno, la mucosa nasale si trova a combattere (virus, batteri, smog, pollini, polvere, ecc. ecc.). Per questo necessita di un momento di tregua, tempo necessario per “decontaminarsi”. 

Il ciclo nasale fisiologico serve a comprendere perché è importante impiegare in modo corretto, nei tempi e nei modi, i decongestionanti nasali e gli spray nasali in generale. I decongestionanti, se somministrati contemporaneamente in entrambe le cavità nasali, fanno saltare questo ciclo fisiologico portando nel giro di qualche settimana alla rinite medicamentosa, caratterizzata dalla chiusura contemporanea di entrambe le cavità nasali. Quindi i decongestionanti non vanno usati per più di una settimana e mai contemporaneamente in entrambe le narici.

Un altro errore comune è nel modo di somministrazione degli spray nasali in generale che può portare a episodi di sanguinamento (epistassi). Infatti, nella porzione anteriore del setto nasale è presente una piccola regione chiamata locus valsalvae dove i vasi sanguigni si incrociano ed è una zona molto suscettibile alle emorragie dovute a impatto traumatico dei dispositivi medici. Per evitare epistassi (sanguinamenti) è bene evitare di traumatizzare la mucosa del setto nasale durante il trattamento con lo spray nasale”.

 

QUI IL PROGRAMMA DEL CONGRESSO

Articoli correlati
Congresso MMG, Cricelli: «Organizzare conferenza della medicina generale e delle cure territoriali nel SSN»
«Il Congresso SIMG cade in un momento cruciale della vita del nostro SSN e della nostra professione. Sarà l’occasione per proporre entro il primo semestre del 2022 l’organizzazione della prima Conferenza nazionale della medicina generale e delle cure territoriali nel SSN e nel sistema Paese Italia» sottolinea il Prof. Claudio Cricelli, Presidente SIMG
Innovazione e continuità, si apre a Montecatini il congresso dei radiologi
Lo sguardo aperto sulle giovani leve della radiologia, l’obiettivo di formare una nuova classe dirigente che sappia coniugare la tradizione di un sindacato di specificità con i nuovi orizzonti aperti dal PNRR, la volontà di andare verso un servizio sanitario comune europeo. E’ un laboratorio di idee e di interscambio il congresso dei radiologi che […]
Chirurgia, Basile (Sic): «Recuperare il milione di interventi saltati per la pandemia»
Istituito tavolo tecnico al Ministero della salute per recuperare gli interventi chirurgici sospesi durante la pandemia. Il presidente della Società italiana di chirurgia: «Abbiamo bisogno di soluzioni per poter garantire in tempi brevi l’operazione ad ogni paziente»
Congresso Nazionale Ame, il Presidente Grimaldi: «Rafforzare rete territoriale con innovazioni tecnologiche»
Il neopresidente dell’Associazione Nazionale Medici Endocrinologi (AME) indica priorità, prospettive e nuove frontiere emerse dall’attività congressuale. Inoltre, traccia la linea da seguire per riorganizzare una nuova rete territoriale
Al via il Congresso virtuale SOI, Piovella: «Con la pandemia 6 milioni di visite e 500mila interventi in meno»
Il presidente sottolinea l’impegno della Società oftalmologica italiana e incoraggia l’utilizzo dei tamponi antigenici rapidi per tracciare gli eventuali positivi e convincere i pazienti a prenotare le visite oculistiche
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 26 novembre, sono 260.208.307 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.185.296 i decessi. Ad oggi, oltre 7,54 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano