Voci della Sanità 22 Ottobre 2022 20:15

Misiti (Collegio Chirurghi): «Buon lavoro a Schillaci. Ora stop a numero chiuso e rivedere legge Gelli-Bianco»

Per l’ex deputato pentastellato altra priorità è quella di «rivedere la rete dell’emergenza-urgenza con una organizzazione che permette al cittadino di tutto il territorio nazionale di godere degli stessi diritti e ed assistenza»

«Con il giuramento dei Ministri materialmente parte l’azione di Governo del centro-destra guidato dall’On. Meloni. Il percorso sarà irto di difficoltà che si spera, da cittadini italiani, possano essere affrontati e se possibile risolti. In campo sanitario il nuovo Ministro alla Salute il prof. Schillaci, medico e già Rettore della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Tor Vergata, e il Ministro dell’Università On. Bernini avrebbero non pochi argomenti su cui definire il campo d’azione». Lo scrive in una nota Massimo Misiti, Segretario del Collegio Chirurghi.

«Fermamente convinto che l’argomento sanità non abbia bandiere di partito, oltre che augurare buon lavoro ai nuovi Ministri penso possa essere utile un ricordo di alcune problematiche che attendono ancora soluzioni».

«La prima è il censimento e la definizione del fabbisogno dei medici nei vari ambiti con copertura dei ruoli vacanti e/o necessari al buon funzionamento dei reparti e dei servizi, di conseguenza risulta impensabile avere il giusto numero di medici e personale sanitario, e per aver questo è necessario partire dalla formazione universitaria e dai corsi di specializzazione che non devono essere a numero chiuso».

«I medici ed il personale sanitario sono da anni in attesa dei decreti attuativi della Legge Gelli-Bianco che va rivista, migliorata e resa meno dipendente dalle compagnie assicurative, le quali facendo cartello stanno alimentando un sommerso legato alla medicina difensiva che costa 10 miliardi di euro all’anno e che sta allontanando i giovani medici dalle specialità chirurgiche e dal percorso dell’emergenza-urgenza».

«Specializzazione, quella legata alle emergenze, che da anni non vede la copertura completa dei posti messi a bando. È necessario, nonché fondamentale, rivedere la rete dell’emergenza-urgenza con una organizzazione che permette al cittadino di tutto il territorio nazionale di godere degli stessi diritti e ed assistenza ed in tale percorso devono essere incluse le strutture appartenenti alla rete dei privati convenzionati con il sistema nazionale sanitario. Vanno ridefinite le strutture sanitarie ed il loro ruolo sul territorio, non si possono creare strutture, scatole vuote, che non abbiano personale sufficiente a soddisfare le necessità dei cittadini, e ciò per compiacere i percorsi della vecchia politica, con un ospedale per ogni campanile».

«La sanità e le prestazioni non devono essere solo un conteggio economico basato sul guadagno ottenuto dalla prestazione stessa. Bisogna dare il giusto peso all’atto medico e sanitario non ancora definiti, ed aggiornare i DRG che sono fermi da 11 anni nonostante lo sforzo di poche persone meritevoli. Va rivista la rete degli screening oncologici e delle patologie materno-infantili, senza dimenticare il PEIMAF che è obbligatorio da anni ma ancora non tutti gli ospedali ne sono ancora forniti. Queste sono alcune delle problematiche, necessità, che si spera possano trovare soluzione in una sanità priva di bandiere ma ricca di soluzioni per gli italiani».

Articoli correlati
Sanità, Misiti (M5S): «Verso revisione DRG entro fine anno, per chirurghi sarà più facile eseguire interventi innovativi»
«Il sistema DRG ad oggi risulterebbe privo di circa 4800 codici corrispondenti a tecniche e tipi di interventi, in tutte le branche chirurgiche, che necessitano di essere inseriti nell’elenco» ricorda il deputato M5S Massimo Misiti. Ora Agenas si è impegnata a portare a termine il processo entro la fine del 2021
Sanità in Calabria, Misiti (M5S): «Carenza personale sanitario aggrava situazione già difficile. Basta spettacolarizzazione dei media»
Misiti contesta la narrazione dei media che spesso parlano «di una sanità calabrese che non ha nulla da offrire, al pari di un territorio sottosviluppato». Secondo il deputato e medico M5S «non si può di certo negare che l’attrattiva per i giovani professionisti, medici, infermieri e oss sia pressoché nulla» e dunque bisogna «cambiare paradigma»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Intramoenia, parla il Presidente del Collegio Chirurghi Filippo la Torre: «Nessun collegamento con liste d’attesa, dibattito in corso è fuorviante»
«L’attività medica libero professionale è assolutamente marginale, basta colpevolizzare i camici bianchi», afferma La Torre che apre a meccanismi di controllo: «Regolamentiamo le parcelle e riorganizziamo le strutture». Il deputato Misiti (M5S): «Problema è legato a esami strumentali, non al gesto chirurgico. Serve digitalizzazione delle liste»
Aggressioni ai medici, La Torre (CIC): «Sono anche colpa di mancato turn over. Necessario modificare figura operatore sanitario»
Per il presidente del Collegio Italiano dei Chirurghi, che ha organizzato cun convegno sul tema, il fenomeno è collegato anche a «un momento di particolare criticità» che sta vivendo il sistema sanitario. Il deputato-ortopedico Misiti (M5S): «Maggioranza ha dovere di raccogliere suggerimenti che arriveranno sul tema»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa