OMCeO, Enti e Territori 27 settembre 2016

Ludopatia: Regione Lombardia e Comune di Milano mettono sul piatto 3 milioni di euro

“Tre milioni di euro per finanziare 68 progetti contro la ludopatia su tutto il territorio regionale, che hanno coinvolto 1.542 soggetti, tra cui oltre 700 Comuni, 258 associazioni del terzo settore, 319 tra scuole, parrocchie, centri anziani, 45 associazioni professionali, 15 associazioni per la tutela dei consumatori”. Questi i numeri illustrati da Viviana Beccalossi, assessore […]

“Tre milioni di euro per finanziare 68 progetti contro la ludopatia su tutto il territorio regionale, che hanno coinvolto 1.542 soggetti, tra cui oltre 700 Comuni, 258 associazioni del terzo settore, 319 tra scuole, parrocchie, centri anziani, 45 associazioni professionali, 15 associazioni per la tutela dei consumatori”. Questi i numeri illustrati da Viviana Beccalossi, assessore regionale al Territorio, Urbanistica, Difesa del Suolo e Città metropolitana, a margine del convegno ‘Milano contro il gioco d’azzardo patologico’, al quale ha preso parte anche l’assessore del Comune di Milano Pierfrancesco Majorino.

“Una piaga sociale, quella della ludopatia, che distrugge ogni anno migliaia di famiglie che recentemente don Antonio Mazzi non ha esitato a definire l’eroina del terzo millennio – continua Viviana Beccalossi -. Una definizione che condivido pienamente. Un fenomeno sempre più in crescita e che sia Regione Lombardia, sia il Comune di Milano, mettendo da parte ogni appartenenza politica, stanno affrontando con assoluta serietà e grande determinazione, investendo anche importanti risorse economiche”. I dati sul fenomeno sono a dir poco allarmanti. Un recente studio effettuato in Lombardia dall’associazione ‘Semi di melo’, centro per la formazione e la ricerca sull’infanzia e l’adolescenza, rivela che quasi il 60 per cento dei giovani delle scuole superiori ha già provato a giocare e il 15,5 di essi lo fa almeno una volta alla settimana. «Il fenomeno, inoltre, coinvolge uno studente su tre già fin dalle medie. Giusto dunque non abbassare la guardia – conclude l’assessore regionale – e proseguire l’impegno ad ogni livello istituzionale. Il Comune di Milano sta facendo la propria parte. E’ necessario che tutti i Comuni lombardi facciano lo stesso”.

Articoli correlati
Ludopatia: arrivano 100 milioni per prevenzione e cure. ISS: sono “patologici” 1,5 milioni di italiani
Bonaccini (Regioni): «Fondo per prevenzione e riabilitazione». Intanto in Italia i giocatori preferiscono le slot, è il risultato che emerge dall'indagine congiunta tra Istituto Superiore di Sanità e Agenzie dei Monopoli
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone
Gioco d’azzardo, l’Emilia-Romagna corre ai ripari
Sono sempre di più le persone che soffrono del disturbo da gioco d’azzardo e che devono fare i conti con i rischi e le conseguenze che comporta: dai problemi psicologici e comportamentali fino ad arrivare all’indebitamento. Il gioco d’azzardo, infatti, è un problema serio quando da passatempo diventa dipendenza. E quando diventa dipendenza è una malattia, […]
Valle D’Aosta, gioco d’azzardo: assessorato Sanità promuove piano contro ludopatia
Il progetto, presentato in Consiglio Regionale, anticipa un “progetto più vasto per la trattazione della ludopatia” annuncia l’assessore Vierin
Lombardia, rete ospedaliera esempio virtuoso, ma difficile recuperare costi cure anticipate
Gli ospedali lombardi in prima linea nell’accoglienza di pazienti extracomunitari, soprattutto migranti. Lo testimonia l’ingente credito vantato nei confronti dello Stato italiano per l’anticipo delle prestazioni sanitarie erogate: 150 milioni di euro secondo le stime della Regione. Difficile però rientrare della cifra: lo stato paga a singhiozzo e in ritardo e, secondo il segretario della […]
Lombardia, l’Assessore Gallera (Welfare): «Positivo ampliamento LEA, ma risorse insufficienti»
È una visione in chiaroscuro quella dell’assessore al welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera sui nuovi Livelli Essenziali di Assistenza (LEA), recentemente approvati dalla Conferenza delle Regioni: «L’ampliamento dei LEA con l’inserimento di nuove patologie nella copertura del Servizio sanitario nazionale e con l’aggiornamento del Piano nazionale vaccini, è certamente un elemento positivo ed è […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...