Voci della Sanità 9 Novembre 2017 13:06

Lotto di acciughe a rischio istamina. Ritirate dal Ministero

Il Ministero della Salute ha richiamato il lotto di produzione SK343A dei filetti di acciughe in olio di oliva da 80 grammi della marca Athena commercializzato da Europsin Italia. Il Ministero ha infatti rilevato la presenza di istamina oltre il limite consentito. Si chiede ai cittadini di non consumare il prodotto e di riportarlo presso […]

Il Ministero della Salute ha richiamato il lotto di produzione SK343A dei filetti di acciughe in olio di oliva da 80 grammi della marca Athena commercializzato da Europsin Italia. Il Ministero ha infatti rilevato la presenza di istamina oltre il limite consentito. Si chiede ai cittadini di non consumare il prodotto e di riportarlo presso il punto vendita.

Articoli correlati
Palermo, mangiano tonno rosso avariato: otto intossicati
Due donne palermitane sono arrivate all’ospedale Civico di Palermo in gravi condizioni per un’intossicazione alimentare. Come riporta Repubblica, madre e figlia si sono sentite male dopo aver mangiato a pranzo del tonno rosso acquistato a Palermo da un ambulante in piazza Torrelunga. Ma non è tutto. Altre sei persone sono state ricoverate all’ospedale Cervello per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM