OMCeO, Enti e Territori 9 novembre 2017

Lotto di acciughe a rischio istamina. Ritirate dal Ministero

Il Ministero della Salute ha richiamato il lotto di produzione SK343A dei filetti di acciughe in olio di oliva da 80 grammi della marca Athena commercializzato da Europsin Italia. Il Ministero ha infatti rilevato la presenza di istamina oltre il limite consentito. Si chiede ai cittadini di non consumare il prodotto e di riportarlo presso […]

Il Ministero della Salute ha richiamato il lotto di produzione SK343A dei filetti di acciughe in olio di oliva da 80 grammi della marca Athena commercializzato da Europsin Italia. Il Ministero ha infatti rilevato la presenza di istamina oltre il limite consentito. Si chiede ai cittadini di non consumare il prodotto e di riportarlo presso il punto vendita.

Articoli correlati
Palermo, mangiano tonno rosso avariato: otto intossicati
Due donne palermitane sono arrivate all’ospedale Civico di Palermo in gravi condizioni per un’intossicazione alimentare. Come riporta Repubblica, madre e figlia si sono sentite male dopo aver mangiato a pranzo del tonno rosso acquistato a Palermo da un ambulante in piazza Torrelunga. Ma non è tutto. Altre sei persone sono state ricoverate all’ospedale Cervello per […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila