Voci della Sanità 26 Gennaio 2023 17:35

Legge equo compenso, Conte (OPLazio): «Bene l’approvazione alla Camera, ma si intervenga sui soggetti mediatori»

«Il testo della legge non interviene su tutte quelle tipologie di rapporto in cui tra le parti si inserisce un terzo soggetto che, in qualità di soggetto mediatore, trattiene una parte del compenso del professionista»

Legge equo compenso, Conte (OPLazio): «Bene l’approvazione alla Camera, ma si intervenga sui soggetti mediatori»

«Accogliamo con molta soddisfazione l’approvazione da parte della Camera dei deputati della proposta di legge n.338, che disciplina la materia dell’equo compenso per le prestazioni rese dai professionisti». Lo dichiara Federico Conte, presidente dell’Ordine degli Psicologi del Lazio, in una nota.

«Il tema della debolezza del professionista nella contrattazione della propria prestazione è un problema molto avvertito e diffuso, soprattutto tra i lavoratori più giovani, nell’ambito del mondo sanitario e non solo. La criticità di questa circostanza si palesa soprattutto quando il lavoratore, confrontandosi con una committenza definibile come “forte” per natura, dimensioni o fatturato, è sottoposto una forma di concorrenza al ribasso che lo induce a svalutare il valore della propria prestazione. Questa dinamica produce evidentemente un effetto distorsivo non solo sul compenso del professionista, ma sulla qualità della stessa opera prestata. Questo intervento legislativo, nel definire in modo più puntuale i margini della contrattazione, si muove quindi nella giusta direzione».

«Aggiungiamo però un’osservazione – prosegue Conte – che ci auguriamo venga recepita nel passaggio del provvedimento al Senato. Il testo della legge, nella formulazione attuale, non interviene su tutte quelle tipologie di rapporto in cui tra le parti si inserisce un terzo soggetto che, in qualità di soggetto mediatore, trattiene una parte del compenso del professionista. È il caso ad esempio del privato convenzionato, che coinvolge migliaia di professionisti nell’ambito sociale e sanitario. Crediamo che un provvedimento determinato ad affrontare in modo risolutivo le anomalie nella contrattazione della libera professione debba prendere in considerazione anche questa fattispecie».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...