Voci della Sanità 20 Settembre 2022 14:48

Lecce capitale della nutrizione clinica per il Congresso Nazionale SINuC

Il 5° Congresso Nazionale della Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo si svolgerà a Lecce dal 27 al 29 settembre prossimi

Dall’oncologia alla nutrizione come strumento di prevenzione, dalla restrizione calorica all’invecchiamento sino ai regimi nutrizionali per i pazienti chirurgici e i dispositivi per la nutrizione artificiale sono solo alcuni degli argomenti al centro delle questioni legate alla nutrizione clinica.

Tra alimentazione e nutrizione c’è ancora confusione e quando si aggiunge l’aggettivo ‘clinica’ la situazione si complica. C’è un richiamo forte alla divulgazione di alcuni concetti al grande pubblico nel DNA al 5° Congresso Nazionale della Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo che si svolgerà a Lecce dal 27 al 29 settembre prossimi (www.sinuc2022.it).

Lalimentazione umana è lAtto mediante il quale lindividuo apporta energia e nutrienti allorganismo attraverso lassunzione di alimenti naturali; scelta e consumo consapevole da parte dellindividuo di alimenti e bevande nelle loro varie combinazioni. È influenzata da fattori biologici e non biologici (relazionali, psicologici, sensoriali, socio culturali etc.).

La nutrizione invece indica il complesso dei processi biologici che consentono o condizionano la crescita, lo sviluppo e lintegrità dellorganismo vivente (animale o vegetale) in relazione alle disponibilità di energia, nutrienti e altre sostanze dinteresse nutrizionale.

«Lo scorso anno abbiamo comunque trovato il modo di dialogare con la comunità scientifica grazie ad un format inedito, il TG MED che ci ha permesso di fare formazione e nello stesso tempo stabilire una interazione in tempo reale. Ma siamo felici di tornare ad incontrarci per discutere le novità scientifiche» spiega il Professor Maurizio Muscaritoli, Presidente della SINuC.

Tre giorni di relazioni ma anche una attenzione alla formazione, come da sempre nelle corde della società scientifica con 3 i corsi in programma: uno sulla ristorazione ospedaliera come strumento sia di prevenzione della malnutrizione che terapeutico. Un altro sui device sulla nutrizione enterale e parenterale che possono presentare insidie nell’utilizzo e che necessitano quindi di una serie di competenze tecniche per il loro utilizzo. E infine il corso congiunto con la SIFO (la Società Italiana di Farmacia Ospedaliera) che esplorerà il ruolo del farmacista all’interno dei percorsi di nutrizione clinica.

«È evidente come la nutrizione clinica sia una specialità squisitamente di team che vede per la sua riuscita la necessità di una stretta collaborazione con le diverse figure professionali. E che avrà un ruolo sempre più centrale nel raggiungimento degli outcome. Oncologia, malattie croniche, ma anche invecchiamento di successo e chirurgia sono gli ambiti che sempre più avranno bisogno di un sostegno nutrizionale» sottolinea ancora Muscaritoli.

Dobbiamo inoltre effettuare un contrasto alle fake news e fare una divulgazione al grande pubblico su temi di attualità: ormai chiunque parla di digiuno intermittente, fonti proteiche, conosce l’importanza della massa muscolare o il significato del termine intolleranza alimentare. Si tratta di temi ‘mainstream’ ma per comprendere le conseguenze sulla salute dei comportamenti alimentari è necessaria una forma di ‘health literacy’, una alfabetizzazione dei temi scientifici che attengono alla nutrizione.

Il cuore del Congresso Nazionale rimane comunque di alto livello scientifico con temi che vanno dall’esposoma alla ICUAW, la sindrome di deperimento acquisita in terapia intensiva e che la pandemia ha reso molto visibile, sino alla preabilitazione chirurgica e agli strumenti per affrontare le più comuni malattie degenerative.

 

Articoli correlati
Nutrizione clinica, un paziente oncologico su cinque muore per carenze alimentari
Dal corso di formazione di Nutrizione Medica – Unione Italiana Food emerge che il 75% dei pazienti neoplastici è malnutrito al momento della diagnosi
La nutrizione clinica nelle terapie intensive Covid. Intervista a Pietro Vecchiarelli (Siaarti)
Il rianimatore: «In terapia intensiva il paziente perde la sua massa magra. Superata la fase critica della malattia seguire un programma di nutrizione clinica sarà fondamentale per “ricostruire” la propria forma fisica»
di Isabella Faggiano
Roma, nasce Commissione OMCeO su ruoli e competenze in ambito nutrizionale
«Il medico è l'unico formato per valutare la complessità di un quadro clinico-nutrizionale, individuare forme di patologia sub-cliniche ed evitare che la prescrizione di un regime nutrizionale peggiori una condizione esistente come disturbi epatici, renali, oncologici» sottolinea Maurizio Muscaritoli, Presidente SINuC
Covid19, pubblicate le raccomandazioni SINUC-SIAARTI per il trattamento nutrizionale dei pazienti
«Le caratteristiche cliniche dei pazienti critici COVID-19 evidenziano una diffusa malnutrizione» sottolinea il documento messo a punto dalla Società Italiana di Nutrizione Clinica e Metabolismo (SINuC) e dalla Società Italiana di Anestesia Analgesia, Rianimazione e Terapia Intensiva (SIAARTI)
Malnutrizione, Molfino (Sinuc): «Percorsi nutrizionali nelle Asl per aiutare a combattere cancro e altre patologie»
Al Congresso della Società italiana di Nutrizione clinica è stata ribadita l’importanza di combattere la malnutrizione: «Essere malnutrito significa avere meno chance di risposta a molte terapie in particolare in campo oncologico: i dati sono ormai molto solidi» sottolinea Alessio Molfino, docente di Medicina interna de La Sapienza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi