Voci della Sanità 8 Luglio 2021 13:04

Lavoratori malati oncologi, calendarizzata in Commissione Lavoro proposta per estendere diritti

«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma […]

«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi
malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma in una nota Enrica Segneri, deputata del Movimento cinque stelle e componente della commissione Lavoro.

«Soprattutto nel caso di patologie gravissime – spiega la parlamentare in una nota – le tutele oggi previste dall’ordinamento giuridico sono insufficienti. Alla luce di ciò, è necessario rafforzare il diritto al lavoro e alla retribuzione dei malati gravi, in particolare di quelli oncologici. La mia pdl prevede che il governo adotti le misure necessarie volte ad ampliare le tutele e garantire l’effettiva omogeneità di trattamento tra tutti i lavoratori, dipendenti pubblici e privati nonchè autonomi e liberi professionisti, affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie che provocano una temporanea inabilità lavorativa al 100 per cento».

L’esponente del M5s aggiunge: «Il testo prevede di escludere dal computo del periodo di comporto, cioè il periodo di tempo massimo concesso al dipendente in malattia per non essere licenziato, i giorni di ricovero ospedaliero o di day hospital per terapie salvavita e i giorni di assenza causati dagli effetti collaterali delle medesime terapie, debitamente documentate. Ancora – conclude Segneri – per i lavoratori autonomi affetti da malattie oncologiche, la proposta prevede l’aumento del periodo previsto per il riconoscimento dell’indennità di malattia. È necessario sottoscrivere un nuovo patto sociale, più equo e solidale e la mia proposta di legge viaggia proprio in questa direzione».

Articoli correlati
Tumori, M5S al fianco di “Una stanza per un sorriso”: «Lavoro associazioni è fondamentale»
Restituire un sorriso alle donne che affrontano, con la chemioterapia, tutti i disagi della cura e della malattia. Con questo scopo le volontarie dell’associazione “Una stanza per un sorriso” portano avanti la loro attività. Ne hanno parlato, al Senato, la presidente e la vicepresidente dell’associazione “Una stanza per un sorriso” Rosanna Galantucci e Amelia Sgobba […]
Disabilità, D’Arrando (M5S): «Bene legge delega ma budget di salute e altri ddl proseguano iter»
«Accogliamo con favore l’approvazione da parte del Consiglio dei ministri del disegno di legge delega in materia di disabilità per riformare e riorganizzare la normativa in questo ambito. Si tratta di una delle riforme previste dal PNRR e ci auguriamo possa essere l’occasione giusta per venire incontro alle richieste di famiglie, associazioni e cittadini con […]
Disturbi comportamento alimentare, M5S: «Pandemia ha acuito problema, serve spazio autonomo nei LEA»
Le parlamentari del MoVimento 5 stelle Celeste D’Arrando, Marta Grande e Azzurra Cancelleri hanno partecipato a una manifestazione davanti al Ministero della Salute con associazione e famiglie coinvolte dal problema
Alzheimer, M5S: Fondo per le demenze primo passo, ora PNRR per garantire prossimità delle cure
«La Giornata mondiale dell’Alzheimer ci ricorda l’importanza di investire nella ricerca e nell’assistenza, di attuare interventi concreti che possano migliorare la qualità della vita di così tante persone» sottolineano i deputati pentastellati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 2 dicembre, sono 263.601.780 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.226.923 i decessi. Ad oggi, oltre 8 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

Covid-19, tre categorie per 10 potenziali terapie contro il virus

La Commissione Europea sta definendo una rosa di 10 potenziali terapie per il Covid-19. Come agiscono questi farmaci? Quando è possibile somministrali? A chi? Risponde, a Sanità Informaz...
di Isabella Faggiano