Voci della Sanità 19 Ottobre 2020

Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Al lavoro per ridurre al minimo fase transitoria»

La normativa approvata dal Consiglio dei Ministri prevede una radicale semplificazione dell’accesso all’esercizio delle professioni con lo svolgimento del necessario tirocinio pratico-valutativo nei corsi di laurea

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il collegato al bilancio sulle lauree abilitanti, dopo un lungo percorso di discussione in parlamento di circa due anni. La normativa prevede una radicale semplificazione dell’accesso all’esercizio delle professioni con lo svolgimento del necessario tirocinio pratico-valutativo nei corsi di laurea. L’esame conclusivo, rappresentato dalla sessione di laurea del corso di studi costituirà la sede nella quale espletare l’esame di Stato di abilitazione all’esercizio della professione.  Il nuovo modello di abilitazione si applicherà alle lauree magistrali a ciclo unico in Odontoiatria e protesi dentaria, in Farmacia e farmacia industriale, in Medicina veterinaria.

«Questa proposta si inserisce nel più ampio quadro di valorizzazione dei giovani a tutti i livelli e in tutti i settori con la finalità di una loro più diretta ed efficace collocazione nel mercato del lavoro. Da due anni sto lavorando con impegno a questo processo di riforma – ha dichiarato Manuel Tuzi –. Il cambiamento descritto sarà operativo presumibilmente non prima di 12 mesi: l’abilitazione partirà, infatti, dall’anno successivo all’approvazione del disegno di legge. Tutti coloro che affronteranno l’abilitazione in questa fase transitoria dovranno comunque attenersi alle modalità già esistenti. In sede di conversione come deputato lavorerò per ridurre al minimo la durata di questa fase transitoria e per mettere al centro del testo una revisione dell’esame di abilitazione da avvocato».

Articoli correlati
Legge di Bilancio, Misiti (M5S): «Pronto emendamento per estendere premialità alle professioni sanitarie»
«Nella manovra ci saranno 4200 contratti di specialistica in più. Di fatto ci stiamo avviando verso un intervento strutturale». E sulla Calabria: «Sono mortificato, soprattutto da medico, nel vedere la mia regione in queste condizioni»
Manovra 2021, Nocerino (M5S): «75 milioni a fondo caregiver, prossimo step è legge»
«In sede di conversione in Parlamento della manovra, presenteremo degli emendamenti per chiedere al governo di aumentare ulteriormente le risorse del fondo per il Caregiver familiare» annuncia la senatrice del Movimento Cinque Stelle Simona Nocerino
Specializzandi, Tuzi (M5S): «Il Miur agisca e renda note le tempistiche per i contratti degli aspiranti medici»
«La vita di oltre 23mila specializzandi è in attesa della giustizia amministrativa e delle sentenze di merito, questa condizione obbligherà i nostri medici ad aspettare senza poter conoscere il loro futuro» sottolinea il deputato M5S Manuel Tuzi
Riforma RSA, M5S: «Perplessità su nomina Mons. Paglia. Ora coinvolgere medici di famiglia e assistenti sociali»
«Non è in discussione l’elevato profilo morale e culturale del Mons. Paglia» sottolineano i deputati pentastellati della Commissione Affari Sociali che però ribadiscono: «Il Servizio sanitario nazionale è e deve rimanere laico e pubblico»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 novembre, sono 60.997.052 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.432.299 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 27 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli