Voci della Sanità 11 Novembre 2021 12:07

Italy at INSAR, il gotha della ricerca italiana sull’autismo si riunisce a Como

Il 12 e 13 novembre decine di ricercatori e specialisti si ritroveranno in città per il Workshop organizzato dalla Fondazione VSM

La ricerca italiana nell’ambito dei Disturbi dello spettro autistico si dà appuntamento a Como. Il 12 e 13 novembre il capoluogo lariano ospiterà, infatti, la seconda edizione di Italy at INSAR, Workshop organizzato dalla Fondazione VSM di Villa Santa Maria con il patrocinio della Fondazione Alessandro Volta che riunirà in città oltre venti dei più qualificati ricercatori italiani impegnati in questo complesso contesto.

L’evento, che fa riferimento al più importante appuntamento mondiale per chi si occupa di autismo (il congresso annuale INSAR della International Society for Autism Research), è stato organizzato per la prima volta due anni fa con l’obiettivo di mettere in rete competenze interdisciplinari, favorire lo scambio di informazioni tra specialisti di diversi ambiti e promuovere la condivisione di progetti cooperativi sulle origini e il trattamento dei Disturbi dello spettro autistico. Questa seconda edizione sarà caratterizzata dalla partecipazione di ricercatori specializzati in Neuropsichiatria infantile, Psicologia, Gastroenterologia, Fisioterapia, Ingegneria biomedica, Neuropsicomotricità, Fisiatria, Neuroscienze, Biotecnologia e Neurologia.

Il Programma dell’evento, che si svolgerà presso l’hotel Hilton Como Lake di Como, prevede cinque sessioni. Le prime due, che si svolgeranno venerdì 12 novembre dalle 14.30 alle 18, saranno moderate dal professor Cristiano Termine, Associato di Neuropsichiatria Infantile all’Università degli Studi dell’Insubria (Varese), e dal professor Enzo Grossi, Direttore Scientifico della Fondazione VSM di Villa Santa Maria. A seguire è prevista la Lettura Magistrale su La farmacoterapia dell’autismo: stato dell’arte e nuove prospettive del professor Antonio Persico, Ordinario di Neuropsichiatria Infantile all’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia e Global Senior Leader dell’INSAR per l’Italia.

Le altre tre sessioni si svolgeranno sabato 13 novembre dalle 9 alle 16 e saranno moderate dal professor Filippo Muratori, Direttore delle attività cliniche e di ricerca sui disturbi dello spettro autistico presso la Fondazione IRCCS Stella Maris di Calambrone (Pisa), dalla dottoressa Mariarosa Ferrario, Responsabile dell’Unità Operativa di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza dell’ASST Valle Olona (Varese), e dal professo Grossi.

«L’ambizione di questo workshop è stata fin dal principio quella di favorire la nascita dal basso di una rete di interscambio che permettesse di creare collegamenti laterali volti a promuovere un salto di qualità nella comprensione dell’autismo – spiega il professor Enzo Grossi -. Già con la prima edizione avevamo coinvolto un numero alto di esperti provenienti da diversi ambiti. Il fatto che quest’anno la platea si sia ulteriormente ampliata, sia per quanto riguarda il numero di ricercatori sia per quanto riguarda quello delle specialità coinvolte, ci fa guardare con ottimismo alla possibilità di valorizzare le diverse competenze e alzare il livello della ricerca in un ambito delicato come quello dei Disturbi dello spettro autistico, nel quale la nostra Fondazione opera con il preciso scopo di incentivare l’eccellenza e l’alta specialità e di favorire la nascita e lo sviluppo di progetti che coinvolgano Villa Santa Maria SCS (Centro Multiservizi di Neuropsichiatria dell’infanzia e dell’adolescenza con sede in Tavernerio) e i suoi operatori».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Con il Festival In & Out Stato, istituzioni e imprenditori per dare un futuro ai ragazzi autistici
Madrina della tre giorni, la Presidente del Senato Maria Elisabetta Casellati che ha promesso più attenzione per garantire più cure e assistenza, ma anche formazione e lavoro. Un percorso avviato anche da Regione Lombardia con il piano per l’autismo e dal comune di Milano con il manifesto per l’autismo
Autismo, i tribunali siciliani riconoscono i diritti dei bambini ad avere terapie adeguate
I ricorrenti hanno ottenuto il riconoscimento del diritto al trattamento riabilitativo cognitivo comportamentale con metodologia ABA (Applied Behavior Analysis)
Autismo, il caso dei 77 milioni bloccati. Marino (ANGSA): «Ministero sordo alle nostre richieste»
Il presidente dell’Associazione Nazionale genitori Persone con autismo, Giovanni Marino, contesta il Ministero: «Da un anno chiediamo di modificare la norma per sbloccare i fondi ma è tutto fermo». E mette nel mirino le regioni: «I trattamenti nell’autismo sono nei LEA ma non tutte le Regioni li erogano»
di Francesco Torre
Chi trova un amico trova un tesoro, con la Banca del tempo Sociale è 2 aprile tutto l’anno
Dieci studenti di una scuola superiore dedicano due ore del loro tempo libero alla settimana a ragazzi autistici coetanei, insieme giocano a calcio, ascoltano musica, raccontano barzellette e chiacchierano, proprio come fanno gli amici. È questo ciò che accade nel progetto messo a punto dalla fondazione I bambini delle Fate di Franco Antonello in 12 città italiane e che coinvolge scuole, imprenditori e associazioni con la convinzione che nessun ragazzo autistico deve essere lasciato solo
Giornata dell’Autismo 22. Tecnologia interattiva e attività motoria per migliorare la vita dei bambini
Nasce all’ASST Santi Paolo e Carlo di Milano in collaborazione con il Politecnico di Milano e l’associazione KOALA il progetto SENSEi per stimolare il bambino con disturbi dello spettro autistico al fine di ottenere un miglioramento delle competenze sensoriali e cognitive
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi