Voci della Sanità 5 Settembre 2022 12:17

Innovazione, riforma SSN e PNRR, Cisl Medici Umbria e Simedet ne parlano a Perugia

All’incontro, organizzato dallo CISL Medici Umbria, interverranno fra gli altri l’assessore regionale alla Sanità Luca Coletto 

Gli scenari della sanità nel futuro post covid in Umbria e Italia. Questo il filo rosso del convegno che si terrà a Perugia nella Sala Ugo Mercati dell’Ospedale di Perugia e organizzato da CISL Medici Umbria, con il patrocinio della SIMEDET, Società italiana di medicina diagnostica e terapeutica.

Un confronto che vedrà la partecipazione, tra gli altri, dell’assessore alla Sanità della Regione Umbria Luca Coletto e del direttore generale dell’Ospedale di Perugia dott. De Filippis, si snoderà su molti temi, quali l’innovazione, la riforma del servizio sanitario nazionale, le opportunità messe a disposizione del Pnrr e il lavoro interprofessionale dei Professionisti della Salute.

Il dott. Manuel Monti, responsabile scientifico del Convegno, nel presentare il convegno ha ricordato che, grazie alle risorse del PNRR, diventa fondamentale fare investimenti che permettano di potenziare la medicina del territorio, avvicinando veramente i servizi al cittadino e garantendo un equo accesso alle cure su tutto il territorio nazionale. «Ciò deve avvenire- continua Monti- attraverso un cambiamento della mentalità anche di tutti i professionisti sanitari che devono lavorare in equipe, dando vita ad un sistema elastico che si adatti a seconda delle esigenze e dei bisogni di salute». 

Il Segretario Generale della CISL MEDICI Tullo Ostilio Moschini  ha ribadito come «con il Covid la sanità è cambiata completamente. Ora – sottolinea Moschini –  si dovrà progettare e rendere operativa l’ integrazione ospedali e territorio implementando i propri ruoli secondo una sanità solidale ed efficiente. Per questo motivo abbiamo deciso di organizzare questo convegno in questo momento così importante e delicato; come CISL MEDICI siamo in prima fila per discutere, in maniera costruttiva, l’attuazione del nuovo Piano Sanitario Regionale e creare le migliori condizioni per avere una sanità di alto livello». 

Tra i partecipanti anche il Presidente Nazionale della SIMEDET dott. Fernando Capuano che sottolinea l’importanza del lavoro multidisciplinare ed interprofessionale coinvolgendo nella riforma del sistema sanitario pubblico tutti i professionisti sanitari che da anni sono in prima linea per garantire le cure a tutta la popolazione.

Il convegno ECM si terrà il giorno 28 Settembre alle ore 14.30 e l’iscrizione gratuita deve avvenire attraverso l’invio di una mail alla segreteria scientifica: cislmedici.umbria@cisl.it. 

Articoli correlati
“La sanità digitale come strumento di prevenzione del rischio clinico”: esperti a confronto al Santo Spirito
Nel convegno promosso dall'Asl Roma 1 si parlerà di e-health e di tutte le tecnologie dell’informazione e della comunicazione (ICT) necessarie per far funzionare il sistema sanitario in sicurezza e qualità, riducendo i rischi collegati ai processi sempre più complessi ed interprofessionali.
“La riforma della sanità post-pandemia”, al centro del convegno Cisl-Simedet anche il nuovo Piano sanitario umbro
«La sanità digitale con la piattaforma nazionale e regionale ci consentirà di conoscere meglio le domande di salute dei pazienti cronici e ridurrà gli accessi inappropriati ai Pronto soccorso» ha spiegato il presidente della Simedet Fernando Capuano
Il Calendario dei vaccini per la vita, a Firenze l’evento Simedet: «Sviluppare programmi di formazione ed informazione»
L'evento il 27 settembre a Firenze, a cura dell’Azienda Ospedaliero Universitaria Careggi e della Simedet, Società italiana di Medicina Diagnostica e Terapeutica
Pronto soccorso in crisi, la ricetta di Monti (Dir. PS): «Occorre forte coordinamento ospedale-territorio»
«Oggi molte persone si rivolgono al Pronto soccorso perché si trovano in difficoltà, noi dobbiamo dare una riposta» spiega Manuel Monti, Direttore del Pronto soccorso dell’ospedale di Gubbio-Gualdo Tadino
di Francesco Torre
Vaiolo delle scimmie, Borgese (Simedet): «Ecco perchè sbaglia chi dice che gli omosessuali sono più a rischio»
«L’AIDS come la MPXV (malattia da Monkeypox virus), sono malattie legate a comportamenti a rischio e il coinvolgimento iniziale della comunità gay è da considerarsi esclusivamente fortuito» spiega Leonardo Borgese della Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi