OMCeO, Enti e Territori 28 giugno 2018

Infermieri Nursing Up lanciano l’allarme: «Nessuno tocchi i master degli specialisti»

Il sindacato degli infermieri Nursing Up si schiera a difesa dei master universitari per formare i Professionisti Specialisti e ciò avviene dopo aver appreso che stanno giungendo ai Ministri dell’Istruzione e della Salute, richieste diverse, che vorrebbero in qualche modo mettere in discussione la validità dei suddetti titoli di studio sino ad oggi rilasciati legittimamente […]

Il sindacato degli infermieri Nursing Up si schiera a difesa dei master universitari per formare i Professionisti Specialisti e ciò avviene dopo aver appreso che stanno giungendo ai Ministri dell’Istruzione e della Salute, richieste diverse, che vorrebbero in qualche modo mettere in discussione la validità dei suddetti titoli di studio sino ad oggi rilasciati legittimamente dalle università, con riferimento a specifici profili specialistici e nel rispetto della legge n. 43/2006.

Per trattare la problematica, Nursing Up ha chiesto un incontro urgente al Ministro dell’Istruzione Università e Ricerca, Marco Busetti; al Ministro della Salute, Giulia Grillo; al Presidente della Conferenza Regioni, Stefano Bonaccini; al Presidente del Comitato di Settore Regioni Sanità; ai componenti dell’Osservatorio Nazionale Professioni Sanitarie e al Presidente della Fnopi.

Nella missiva la sigla di categoria fa riferimento alle previsioni del CCNL del comparto della sanità pubblica sottoscritto definitivamente il 21 maggio 2018 richiamando l’attenzione sulla prevista istituzione della nuova figura di ‘Professionista Specialista’, alla quale si accede previo possesso del master specialistico di primo livello, di cui all’articolo 6 della legge n. 43/2006.

A tal riguardo, «giova rammentare – riferisce il sindacato in una nota – che la materia dei master per le professioni sanitarie non mediche, allo stato, viene normata specificatamente dall’articolo 1), punto 6) lett c) della legge n. 43/2006. Il contenuto di tale previsione non pone dubbi interpretativi: “(…) c) professionisti specialisti in possesso del master di primo livello per le funzioni specialistiche rilasciato dall’università ai sensi dell’articolo 3, comma 8, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’università e della ricerca scientifica e tecnologica 3 novembre 1999, n. 509, e dell’articolo 3, comma 9, del regolamento di cui al decreto del Ministro dell’istruzione, dell’università e della ricerca 22 ottobre 2004, n. 270 (…)”».

Nursing Up sottolinea che, secondo la normativa vigente, sono le università ad istituire autonomamente percorsi di master finalizzati alla specializzazione del personale delle Professioni Sanitarie, ai sensi delle previsioni di cui alla legge n. 43/2006. E infatti sono migliaia i professionisti infermieri che hanno frequentato tali corsi in tutta Italia conseguendo i relativi titoli di specializzazione.

Ma ora che il nuovo CCNL prevede l’istituzione del Professionista Specialista, Nursing Up non vorrebbe mai che, passando alle concrete individuazioni dei master specialistici di primo livello considerati utili ai fini contrattuali, si andassero ad escludere dalle selezioni coloro che hanno acquisito master fino alla data odierna, rilasciati in applicazione, come già ripetuto, dell’articolo 6 della legge 43/2006.

«In tal senso, atteso il grave clima di incertezza legato al timore di una illogica ed ingiustificata esclusione dalle selezioni destinate agli specialisti nelle aziende sanitarie italiane, l’O.S. rappresenta l’esigenza di fugare ogni dubbio nei confronti dei potenziali interessati».

«Risulta evidente – prosegue la nota – che, in presenza di una specifica norma di legge che regola la materia, qualsiasi eventuale diversa decisione finalizzata a tracciare le linee guida per i corsi universitari ai fini dell’acquisizione dei master relativi alle singole specializzazioni sulle quali il Nursing Up si aspetta di essere consultato, in qualità di organizzazione sindacale, non potrà che avere valore ultra attivo, lasciando quindi validi ed efficaci, ai fini dell’ammissione alle selezioni bandite dalle pubbliche amministrazioni, tutti i titoli conseguiti antecedentemente, in quanto rilasciati dalle università ai sensi dell’ art 1), punto 6) lett c) della legge n 43/2006».

Articoli correlati
Gli infermieri Nursing Up al ministro Grillo: «Se non ci sono fondi per sostenere Ccnl il Governo riapra contrattazioni»
«Anche il ministro Grillo riconosce ufficialmente quello che noi abbiamo sottolineato e continuiamo a sottolineare da lungo tempo, cioè che non ci sono i fondi per sostenere i contratti: allora ad un certo punto, se non ci sono le risorse, questi contratti nazionali di lavoro che contratti sono? Possono essere considerati tali? Non è meglio […]
ECM, Bovenga (CoGeAPS): «I medici non conoscono le regole del gioco, occorre ‘aggiornarsi sull’aggiornamento’»
«La prima regola è conoscere le regole del gioco». L’intervista a tutto campo al presidente nazionale del Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie
Pazienti a rischio suicidio, come prevenire e superare shock. Innamorati (psicoterapeuta): «Occorre formazione per tutti reparti»
«Non bisogna pensare che solo i pazienti ricoverati in psichiatria possono compiere gesti estremi, per questo tutti i medici e gli operatori – di qualsiasi settore - devono essere preparati» ai microfoni di Sanità Informazione Marco Innamorati, psicologo e psicoterapeuta
Spagna, tesi di master copiata: lascia il ministro della Sanità Carmen Montòn
È il secondo membro dell’esecutivo Sanchez a lasciare dopo 100 giorni. Già nominata la sostituta: María Luisa Carcedo, attualmente alla guida della Commissione per combattere la povertà infantile
Contratto, parla Carlo Palermo (Anaao): «Per firmare va sbloccata Retribuzione Individuale di Anzianità. Ecco come fare…»
Dai nodi da scogliere per arrivare a sbloccare il contratto alle soluzioni per rispondere alla carenza di specialisti, passando per le “autodimissioni” dei medici ospedalieri fino al taglio delle pensioni d’oro: l’intervista a tutto tondo al segretario nazionale di Anaao Assomed
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Diritto

Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi

C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’e...
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila