Voci della Sanità 27 Ottobre 2022 15:40

Il mondo della sanità si ritrova ad Arezzo per la IV Conferenza nazionale sulla fragilità e vulnerabilità

I rappresentanti delle Federazioni Nazionali degli Ordini delle Professioni Sanitarie, delle istituzioni, della cittadinanza a confronto sulla gestione proattiva delle fragilità, anche grazie agli strumenti delle tecnologie digitali

Dopo l’ultima tappa  a distanza del corso “Il manager della Privacy nella sanità del PNRR” che si svolgerà il 2 novembre, come riferisce l’avvocato Laila Perciballi – anello di raccordo tra il mondo dell’avvocatura romana, la sanità e la cittadinanza –  si  arriverà in presenza alla “IV Conferenza nazionale sulla fragilità e sulla vulnerabilità” quale giornata conclusiva di un percorso di crescita disegnato  per il “superamento delle disuguaglianze” e per una “gestione proattiva delle fragilità in un contesto interprofessionale” anche attraverso gli strumenti della sanità digitale.

«Gli incontri che hanno contraddistinto il corso – riferisce l’avvocato Laila Perciballi, responsabile scientifico – sono stati una vera occasione di confronto tra tutte le professioni della sanità, dell’avvocatura e della cittadinanza  con cui si è  cercato di dare concretezza ai tanti obiettivi individuati nel Piano di Rinascita e Resilienza, affrontando con interventi di professionisti di chiara fama e competenza temi di grande attualità».

Il corso realizzato dal Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Roma – grazie alla volontà di Antonino Galletti, Presidente dell’Ordine degli Avvocati di Roma, la Consigliera Cristina Tamburro della Commissione Privacy e la Consigliera Donatella Ceré della Commissione sanità e grazie al contributo organizzativo e strategico della Presidente Giorgia Artiano della Fondazione Gutenberg e Vasco Giannotti del Forum Risk ha raggiunto oltre 6mila persone, tra professionisti della sanità, avvocati e persone.

Tra i temi l’introduzione delle nuove tecnologie digitali in sanità, uno dei principali obiettivi delle istituzioni italiane ed europee, ma anche il costo dell’assistenza sanitaria tradizionale destinato a diventare insostenibile e che,  quindi, è necessario riuscire ad adottare misure che riescano a contenere la spesa senza pregiudicare il livello di assistenza.  Inoltre le malattie croniche sempre più diffuse e una popolazione sempre più anziana richiedono una trasformazione epocale con il passaggio da una medicina basata sulla diagnosi e sui trattamenti alla medicina delle 4P (Predittiva, Preventiva, Personalizzata e Partecipativa). Altro tema è la crescente diffusione della Tecnologia dell’Informazione e Comunicazione (ICT) nel Servizio Sanitario Nazionale (Fascicolo Sanitario Elettronico, Cartella Clinica Elettronica, Telemedicina, Sistemi di Supporto alle Decisioni Cliniche, Stampa 3D, Intelligenza Artificiale, Chirurgia Robotica, App Biomedicali, Realtà Aumentata, ecc.) che richiede il superamento di ostacoli non solo strutturali, ma soprattutto culturali.

Per questo il corso ha cercato di rispondere ai bisogni di un’adeguata formazione e di un continuo aggiornamento dei professionisti sanitari, degli avvocati, delle persone  per diffondere informazioni chiare ed affidabili, per sensibilizzare sulla crescita nel mondo delle tecnologie digitali  per il superamento delle disuguaglianze e per una gestione proattiva delle fragilità in un contesto interprofessionale  che ci porterà ad approdare più consapevoli e preparati alla “IV Conferenza nazionale sulla fragilità e sulla vulnerabilità”, promossa da FNO TSRM PSTRP e SIMEDET, con il patrocinio e la partecipazione della FNOMCeO, della FNOPI, della FNOPO, del CNOAS,  della FNOVI, della FOFI, della ONB, della FNCF e del CNOP; ma anche della Fish, di AssoUtenti, di Movimento Consumatori e di Assd.

Cittadinanza digitale, accesso al servizio sanitario nazionale, alfabetizzazione informatica e privacy del dato sanitario sono, dunque,  alcuni dei temi che sono stati trattati nel corso  “Il manager della privacy nella sanità del PNRR” che vedrà svilupparsi le prossime fondamentali tappe il 2 novembre ed il 23 novembre ad Arezzo.

Il due novembre dunque costituisce una giornata importante di avvicinamento alla Conferenza. Non a caso, l’iniziativa è intitolata “diritto di “cittadinanza digitale” ed accesso al SSN, quali nuove opportunità delle tecnologie e della telemedicina” ed è aperta a tutti. 

Gli eventi.

Il 23 novembre, poi, ci troveremo  dalle 9.00 alle 13.00 e dalle 14.18 alle 18.00 in presenza ad Arezzo, per la IV Conferenza nazionale sulla fragilità e sulla vulnerabilità che si compone di due moduli quello della mattina e quello del pomeriggio per un totale di  8 ECM. Nel modulo del pomeriggio si inserisce, anche in modalità webinar  per gli avvocati romani la sessione “La cura della salute passa attraverso la cura del dato”.

Tutti gli eventi trasmessi in diretta streaming sul canale YouTube dell’Ordine degli Avvocati di Roma possono essere rivisti attraverso i link ai precedenti appuntamenti:

«La pandemia ha messo a dura prova il sistema sanitario italiano – sottolinea l’avvocato Laila Perciballi – portandone sotto i riflettori le fragilità: disparità a livello socioeconomico e demografico nell’accesso ai servizi, tempi di attesa elevati per le  prestazioni, poche risorse e competenze digitali sia da parte della cittadinanza sia da parte degli stessi professionisti sanitari. Il nostro Paese ha sofferto per gli scarsi investimenti in Sanità Digitale, ben al di sotto della media europea. Con questo corso  ci siamo voluti rendere protagonisti di una sfida: iniziare una rivoluzione culturale per porre le basi di un sistema sanitario sostenibile, resiliente, equo e che provi a sfruttare pienamente i benefici che il digitale offre al personale sanitario e alle persone, anche grazie al PNRR e sempre nel rispetto della Privacy».

Articoli correlati
“Il Manager della Privacy nella sanità del PNRR”, i presidenti di Federazione della sanità a confronto su opportunità e criticità delle tecnologie digitali
L’incontro, riferisce l’avvocato Laila Perciballi - anello di raccordo tra il mondo dell’avvocatura romana, la sanità e la cittadinanza - sarà visibile sul canale YouTube dell’Ordine degli Avvocati di Roma. L’evento si concentra su tre dei sei pilastri del Next Generation EU: digitalizzazione, innovazione, competitività, istruzione e ricerca, salute
Costo energia in sanità, anche Movimento Consumatori e Assoutenti chiedono interventi urgenti
«L’aumento del gas e dell’energia non deve compromettere i bilanci delle strutture sanitarie pubbliche e private», afferma l’avvocato Laila Perciballi, consulente alla sanità delle due associazioni
Costi energia per la sanità, anche MoVimento Consumatori e Assoutenti chiedono di intervenire
«L’aumento del gas e dell’energia non deve compromettere i bilanci delle strutture sanitarie pubbliche e private», afferma l’avvocato Laila Perciballi, consulente alla sanità delle due associazioni
Tessera sanitaria, Movimento consumatori e Assoutenti: «Senza microchip cittadini privati di alcuni servizi»
«La scelta del Governo è in assoluto contrasto con la rivoluzione digitale in atto nella Pubblica Amministrazione» spiega l'avvocato Laila Perciballi, referente per la sanità delle due associazioni
“Il ruolo degli Ordini ai tempi della pandemia”, i presidenti di Federazione della sanità a confronto su opportunità e criticità delle nuove norme
L’incontro, previsto per il 23 febbraio, andrà in diretta streaming sul canale Youtube dell’Ordine degli Avvocati di Roma. L’avvocato Perciballi (FNO TSRM PSTRP): «Metteremo a confronto le opportunità e le criticità delle regole introdotte, anche negli aspetti di etica, deontologia e responsabilità professionale». Tra i relatori il sottosegretario alla Salute Andrea Costa
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 25 novembre 2022, sono 640.506.327 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.627.987 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino d...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa