Voci della Sanità 30 Ottobre 2019

Gli infermieri incontrano il presidente del Comitato di Settore. De Palma (Nursing Up): «Venturi coerente e coraggioso, riordini il SSN»»

Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici […]

Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici e ora anche Nursing Up esprime la sua posizione.

«Noi infermieri, con i dovuti distinguo su tutta la questione relativa alle comparazioni economiche – sottolinea De Palma – preferiamo il comportamento diretto e coerente di Venturi a quello di tanti politici che invece ci accolgono nei loro uffici per fare belle promesse onde poi dimenticarsene quando le luci dei riflettori si spengono. Ci chiediamo quanto siano seri quelli che si negano appena possibile quando non c’è pericolo che la gente venga a conoscenza del loro atteggiamento da banderuole. Ebbene sappiano questi politici che sarà nostra premura informare tutti gli infermieri, la base associativa e le altre persone interessate, sul loro comportamento, perché gli infermieri non hanno tempo da perdere dietro a promesse non mantenute, delle quali avremo modo di dare contezza non appena possibile. Anche perché un tale comportamento da parte di chi gestisce il potere in questo momento storico è da stigmatizzare, affinché i nostri iscritti e la categoria intera, che conta ben 450mila professionisti, diventino ago della bilancia quando si andrà alle urne e ci sarà da decidere chi li deve rappresentare politicamente, sempre nel rispetto del diritto di ogni professionista sanitario a fare le sue scelte».

«In ogni caso preferiamo, anche se restiamo in contrasto con alcune tra le cose dette, la modalità adottata da Venturi, la sua coerenza e linearità delle posizioni in quanto, a nostro parere, si tratta di una persona innovativa, una persona che ha avuto il coraggio di opporsi alle caste – attacca De Palma – e soprattutto di dire la verità e cioè che il potenziale legittimo degli infermieri è elevatissimo, che la legge consentirebbe agli stessi di svolgere pratiche che attualmente non possono eseguire perché ci sono altre categorie, le cosiddette ‘caste’, che sollevano scudi ogni volta. Invece Venturi ha avuto il coraggio di parlare assumendosi la responsabilità di essere sottoposto a forti attacchi personali. Ciò detto e pur non condividente in toto tutte le sue dichiarazioni, riteniamo che sia uno dei pochi che ha avuto il coraggio concreto di dare la sua disponibilità. Una disponibilità che sperimenteremo andando avanti, perché abbiamo avuto un incontro finalizzato proprio a valutare la sua volontà, in qualità di presidente del Comitato di Settore, di avviare ogni strumento utile per riformare l’organizzazione nelle Aziende sanitarie locali nell’ottica di dare finalmente agli infermieri il ruolo che meritano».

«Anche su questo avremo modo di dire la nostra – prosegue ancora De Palma – anche valutando come e se evolveranno i lavori della Commissione paritetica istituita presso l’Aran da mesi, ma infruttuosamente fino ad ora. Al presidente del Comitato di Settore abbiamo chiesto di dare indicazioni affinché le Regioni ci sostengano nella volontà di revisionare l’organizzazione dell’ordinamento professionale del contratto in maniera tale da valorizzare le professioni sanitarie, da consentire loro la libera professione. Perché solo valorizzandole si dà al cittadino maggiore garanzia sulla qualità delle presentazioni, quindi è giusto far fare agli infermieri ciò che vengono formati per fare, e dal momento che la sanità dovrebbe essere un ambito fluido, dove in assenza di specifiche riserve dettate dal legislatore in maniera puntuale e formale, in tema di esercizio di funzioni professionali, non esistono appannaggi di questa o altra categoria professionale, e le competenze dei professionisti vengono delineate dai profili professionali, dai codici deontologici e dalla formazione acquisita».

«Questo significa che non ci sono ambiti, tranne i pochi specificatamente previsti da determinate norme di diritto, riservati ad una o l’altra professione – ribadisce De Palma – quindi nessuna levata di scudi si giustifica se non legittimata da ordinamenti formalmente declinati. Tutto il resto,  ivi comprese le consuete  levate di scudi da parte di chi parla di invasione di campo ogni volta che si fa cenno alle competenze degli infermieri – conclude il presidente Nursing Up – sono approcci sbagliati perché non è questo ciò di cui si parla, ma si tratta piuttosto di dare attuazione alle previsioni della Legge 42 del 99 e quindi lasciar fare agli infermieri quello che il proprio Codice deontologico, i profili professionali, gli ordinamenti didattici dei corsi di formazione che hanno effettuato li abilita a fare».

Articoli correlati
Coronavirus, Nursing Up: «Oltre 10mila firme sulla petizione online per aiutare gli infermieri in trincea»
Sono oltre 10mila le firme raccolte dalla petizione del sindacato Nursing Up, che ha lanciato un appello online il 16 marzo scorso sulla situazione organizzativa degli infermieri in trincea sull’orlo del collasso. «In queste ore continuiamo a ricevere da parte di infermieri impegnati nelle attività di contrasto al Coronavirus nelle aziende sanitarie delle regioni del […]
Coronavirus, Nursing Up a Sileri: «Autorizzate gli infermieri a fare il tampone orale o Drive Thru»
Si fanno pochi test per il personale sanitario, tra cui si contano 6.205 contagiati, e monta la rabbia degli infermieri impegnati in trincea contro il Coronavirus, che avrebbero diritto a controlli continui per sentirsi meno a rischio e svolgere con serenità i loro compiti di presa in carico e cura dei pazienti. Per questo il […]
Coronavirus, online il bando della Protezione civile per reclutare 500 infermieri
La task force “Infermieri per COVID” è destinata alle Regioni più in difficoltà. Possono partecipare al bando infermieri dipendenti del Ssn, di strutture non accreditate e liberi professionisti. Mangiacavalli (Fnopi): «Ora serve la grande risposta degli infermieri»
Coronavirus, lo psicologo: «L’incubo peggiore di chi lavora in ospedale è contagiare i propri cari»
Piero Gaspa cura il progetto di sostegno psicologico per il personale sanitario in prima linea nell'emergenza al San Giovanni Addolorata di Roma: «Non c’è stato sentore di una crisi, ma serve a prevenire e ovviare al sovraccarico emotivo. Medici e professionisti sanitari soffrono un accumulo di tensione, lavoriamo per evitare che diventi patologico»
Infermiera suicida al San Gerardo di Monza. Fnopi: «COVID-19 colpisce anche così»
La Federazione degli infermieri piange la scomparsa di una giovane collega: «L’episodio terribile, purtroppo, non è il primo dall’inizio dell’emergenza. È sotto gli occhi di tutti la condizione e lo stress a cui i nostri professionisti sono sottoposti. Ne riparleremo quando l’emergenza sarà passata»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 aprile, sono 860.793 i casi di Coronavirus in tutto il mondo, 42.354 i decessi e 178.378 le persone che sono guarite. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I CASI IN ITALIA Bollettino delle ...
Salute

Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa

L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a dist...
Lavoro

Coronavirus, lo psicologo: «Personale sanitario svilupperà disturbi post traumatici. Attivare subito supporto psicologico»

«Non sentono ancora ciò che stanno provando, lo capiranno più avanti. Parte del personale sanitario ne uscirà ancora più fortificato, ma quelli che non sono in grado di sopportare un carico emoti...