Voci della Sanità 30 Ottobre 2019 16:46

Gli infermieri incontrano il presidente del Comitato di Settore. De Palma (Nursing Up): «Venturi coerente e coraggioso, riordini il SSN»»

Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici […]

Questo pomeriggio il presidente del sindacato degli infermieri Nursing Up Antonio De Palma ha incontrato il presidente del Comitato di Settore Sergio Venturi. Dall’incontro è emersa una sinergia in particolare sul tema della valorizzazione dei professionisti sanitari all’interno del Servizio sanitario nazionale. Sull’argomento Venturi è di recente intervenuto pubblicamente destando polemiche da parte dei medici e ora anche Nursing Up esprime la sua posizione.

«Noi infermieri, con i dovuti distinguo su tutta la questione relativa alle comparazioni economiche – sottolinea De Palma – preferiamo il comportamento diretto e coerente di Venturi a quello di tanti politici che invece ci accolgono nei loro uffici per fare belle promesse onde poi dimenticarsene quando le luci dei riflettori si spengono. Ci chiediamo quanto siano seri quelli che si negano appena possibile quando non c’è pericolo che la gente venga a conoscenza del loro atteggiamento da banderuole. Ebbene sappiano questi politici che sarà nostra premura informare tutti gli infermieri, la base associativa e le altre persone interessate, sul loro comportamento, perché gli infermieri non hanno tempo da perdere dietro a promesse non mantenute, delle quali avremo modo di dare contezza non appena possibile. Anche perché un tale comportamento da parte di chi gestisce il potere in questo momento storico è da stigmatizzare, affinché i nostri iscritti e la categoria intera, che conta ben 450mila professionisti, diventino ago della bilancia quando si andrà alle urne e ci sarà da decidere chi li deve rappresentare politicamente, sempre nel rispetto del diritto di ogni professionista sanitario a fare le sue scelte».

«In ogni caso preferiamo, anche se restiamo in contrasto con alcune tra le cose dette, la modalità adottata da Venturi, la sua coerenza e linearità delle posizioni in quanto, a nostro parere, si tratta di una persona innovativa, una persona che ha avuto il coraggio di opporsi alle caste – attacca De Palma – e soprattutto di dire la verità e cioè che il potenziale legittimo degli infermieri è elevatissimo, che la legge consentirebbe agli stessi di svolgere pratiche che attualmente non possono eseguire perché ci sono altre categorie, le cosiddette ‘caste’, che sollevano scudi ogni volta. Invece Venturi ha avuto il coraggio di parlare assumendosi la responsabilità di essere sottoposto a forti attacchi personali. Ciò detto e pur non condividente in toto tutte le sue dichiarazioni, riteniamo che sia uno dei pochi che ha avuto il coraggio concreto di dare la sua disponibilità. Una disponibilità che sperimenteremo andando avanti, perché abbiamo avuto un incontro finalizzato proprio a valutare la sua volontà, in qualità di presidente del Comitato di Settore, di avviare ogni strumento utile per riformare l’organizzazione nelle Aziende sanitarie locali nell’ottica di dare finalmente agli infermieri il ruolo che meritano».

«Anche su questo avremo modo di dire la nostra – prosegue ancora De Palma – anche valutando come e se evolveranno i lavori della Commissione paritetica istituita presso l’Aran da mesi, ma infruttuosamente fino ad ora. Al presidente del Comitato di Settore abbiamo chiesto di dare indicazioni affinché le Regioni ci sostengano nella volontà di revisionare l’organizzazione dell’ordinamento professionale del contratto in maniera tale da valorizzare le professioni sanitarie, da consentire loro la libera professione. Perché solo valorizzandole si dà al cittadino maggiore garanzia sulla qualità delle presentazioni, quindi è giusto far fare agli infermieri ciò che vengono formati per fare, e dal momento che la sanità dovrebbe essere un ambito fluido, dove in assenza di specifiche riserve dettate dal legislatore in maniera puntuale e formale, in tema di esercizio di funzioni professionali, non esistono appannaggi di questa o altra categoria professionale, e le competenze dei professionisti vengono delineate dai profili professionali, dai codici deontologici e dalla formazione acquisita».

«Questo significa che non ci sono ambiti, tranne i pochi specificatamente previsti da determinate norme di diritto, riservati ad una o l’altra professione – ribadisce De Palma – quindi nessuna levata di scudi si giustifica se non legittimata da ordinamenti formalmente declinati. Tutto il resto,  ivi comprese le consuete  levate di scudi da parte di chi parla di invasione di campo ogni volta che si fa cenno alle competenze degli infermieri – conclude il presidente Nursing Up – sono approcci sbagliati perché non è questo ciò di cui si parla, ma si tratta piuttosto di dare attuazione alle previsioni della Legge 42 del 99 e quindi lasciar fare agli infermieri quello che il proprio Codice deontologico, i profili professionali, gli ordinamenti didattici dei corsi di formazione che hanno effettuato li abilita a fare».

Articoli correlati
Vaccini, Fials: «AAA cercasi infermieri: in Italia è caccia ai professionisti ma assunzioni col contagocce o a tempo»
La denuncia della Federazione Italiana Autonomie Locali e Sanità. «Ecco una panoramica di quello che sta succedendo»
Gli infermieri non si candidano al bando “vaccinatori”. Nursing Up: «Target sbagliato, stipendio basso e zero garanzie»
A metà dicembre Arcuri promise un bando per 12mila infermieri come forza straordinaria per i vaccini. Ma sono arrivate solo 3.980 candidature. De Palma (Nursing Up) spiega perché: solo 1200 euro di stipendio, precarietà e richiesta di esclusiva
Recovery Plan. Le richieste di farmacisti, veterinari, infermieri e assistenti sociali: «Occasione da non sprecare»
In audizione in Commissione Affari Sociali alla Camera i rappresentanti di CNOAS, FNOPI, FNOVI e FOFI
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Volo in mongolfiera per dire «2020 volte grazie agli infermieri»
L’iniziativa è stata organizzata dalla Balloon Team Italia Srl in collaborazione con l’Ordine delle Professioni Infermieristiche Interprovinciale Firenze-Pistoia
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 marzo, sono 115.618.088 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.569.422 i decessi. Ad oggi, oltre 275,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Diritto

Se l’operatore sanitario non è vaccinato può essere licenziato? E in caso di contagio sul lavoro, l’INAIL paga? Le risposte dell’esperto

La campagna vaccinale contro il Covid-19 continua tra mille difficoltà. Cosa succede al lavoratore che rifiuta di vaccinarsi? L’azienda può prendere provvedimenti? Parla l’av...