OMCeO, Enti e Territori 24 aprile 2017

SIGM su nuovo Concorso Nazionale Specializzazioni: «Troppe incognite. Serve più chiarezza»

«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente […]

«In un orizzonte di completo silenzio da parte del MIUR la nostra Associazione s’interroga su quale sia lo stato dell’arte per il prossimo concorso SSM2017, dalle reali tempistiche per la pubblicazione del bando alla realizzabilità delle auspicate modifiche e semplificazioni sulle procedure concorsuali che la nostra Associazione, assieme al Comitato Nazionale Aspiranti Specializzandi, ha reiteratamente presentato alle Istituzioni» affermano i Giovani Medici (SIGM), in riferimento all’incontro col Ministro Sen. Fedeli dello scorso 9 febbraio e grazie alla recente petizione online lanciata nelle scorse settimane dallo CNAS.

L’obiettivo: risolvere le criticità ormai ben conosciute e facilmente risolvibili, ovvero:

1) criticità prioritarie, risolvibili senza modifiche della normativa, applicabili sin da questa edizione (SSM2017, a.a. 2016/17)

2) criticità richiedenti una modifica del decreto n. 48 del 20 aprile 2015 [scarica].

«Questa stessa attenzione è stata lo stimolo per realizzare negli ultimi mesi incontri locali di confronto in molti Atenei italiani nonché per organizzare partecipatissimi Tweet Mob grazie a cui migliaia di aspiranti specializzandi sono stati sensibilizzati a prestare attenzione e ad essere parte attiva di un processo collettivo di miglioramento di una conquista dal valore irrinunciabile quale il concorso di accesso su base nazionale» dichiarano i Giovani Medici (SIGM).

Va ricordato, a tal proposito, anche la realizzazione di iniziative trasversali aventi questi obiettivi in seno al Consiglio Nazionale degli Studenti Universitari con la recente mozione presentata dalla rappresentante SIGM.

Arrivati a fine aprile, pertanto, gli scenari possibili sembrano due:

  1. a) un concorso che rispetti le tempistiche dello scorso anno (prove prima dell’estate e presa di servizio in inverno) ma che mantenga le vecchie modalità;
  2. b) un concorso posticipato (prove a settembre) ma con un nuovo regolamento che recepisca le proposte di modifiche avanzate (mantenendo al contempo invariati termini della presa di servizio per il 1 novembre 2017).

Sicuramente, inoltre, resta da chiarire quale sia il numero complessivo di contratti finanziabili per il corrente anno: ciò sarà possibile a seguito della ricognizione da parte del MIUR dei posti finanziabili dalle singole regioni e che dovranno essere sommati al contingente ministeriale già stanziato frutto della programmazione triennale 2015/2017 (N.d.R. i circa 6100 contratti governativi annuali potranno essere rinegoziati a partire dal prossimo anno con la finanziaria 2018 a valere sul prossimo triennio). Segnaliamo che lo scorso anno la ricognizione era stata fatta a febbraio 2016 mentre sembrerebbe che per il corrente iter pre-concorsuale la missiva del MIUR alle Regioni sia partita solo di recente. Ricordiamo, inoltre, come sempre possibile quanto mal utilizzato sia l’utilizzo da parte delle Regioni del Fondo Sociale Europeo da parte delle regioni in regola per poterne attingere (tra le quali si distingue solo la Sicilia al momento).

Sarebbe, inoltre, auspicabile una distribuzione dei contratti sul territorio nazionale che tenga conto, oltre che del fabbisogno delle regioni, anche di criteri oggettivi e trasparenti di accreditamento delle scuole di specializzazioni.

Difatti, nonostante i ritardi che ne hanno accompagnato la scrittura, è stato oramai ultimato il nuovo regolamento di accreditamento delle reti formative regionali previste dal riordino dettato dal DI 68/2015 (che superando l’autoreferenzialità dell’attuale regolamento di accreditamento delle Scuole di Specializzazione garantirebbe un nuovo scenario frutto dell’integrazione delle migliori unità operative del mondo dell’università e delle aziende ospedaliere dei Servizi Sanitari Regionali in grado di erogare formazione). Tale regolamento sarebbe fondamentale per garantire ai medici specializzandi di operare e formarsi in strutture accreditate sulla base di indicatori quantitativi, misurabili e trasparenti ma, purtroppo, si trova da un periodo imprecisato ancora al Ministero della Salute e, nonostante quanto auspicato di recente anche dal SIGM, non risultano ancora chiare le tempistiche di applicazione dello stesso (di certo sarà necessario un passaggio al Consiglio Superiore di Sanità, come da prassi, che difatti sta attendendo il testo ancora fermo all’ufficio di gabinetto del Ministero).

Potrebbe essere utile, a questo punto, un allineamento dei due iter: 1) lavorare a un immediato miglioramento e semplificazione del bando di concorso SSM 2017, posticipare le prove a patto di mantenere inalterata la presa di servizio al 1 novembre 2017; 2) applicare immediatamente il nuovo regolamento per l’accreditamento delle UU.OO afferenti alle reti formative regionali al fine di utilizzare queste settimane per predisporre a livello centrale l’acquisizione delle informazioni necessarie.

In un sol colpo, se solo lo volesse, MIUR e Salute potrebbero garantire già da quest’anno accademico un concorso più equo e giusto, in primis lavorando per aggregare le sedi (troppe le oltre 450 dello scorso anno) in sede unica nazionale o tre sedi macro-regionali, assieme a una migliore formazione specialistica post-lauream di cui la sanità italiana ha sempre più bisogno.

«Se tale scenario per un qualsiasi motivo non fosse percorribile la nostra richiesta al MIUR – ricordano i Giovani Medici SIGM – resta quella di garantire chiarezza e dedicare attenzione (cosa che non si sta in atto facendo) alle migliaia di giovani medici aspiranti specializzandi che devono poter preparare il proprio futuro sulla base di un percorso sicuro e ben strutturato».

Articoli correlati
Riforma numero chiuso, Guicciardi (FederSpecializzandi): «Modello francese dà troppa discrezionalità ai professori»
Il presidente dell’associazione si dice contrario all’abolizione dell’accesso programmato alle facoltà di Medicina senza l’aumento delle borse di specializzazione. Guicciardi ha dubbi anche sul sistema utilizzato in Francia, con uno sbarramento alla fine del primo anno: «Sorgerebbe il problema della trasparenza e dell’equità. Anche la Francia lo sta rimettendo in discussione»
Numero chiuso a Medicina, Salvini rilancia l’abolizione. E sposa la proposta del rettore Unife Zauli che vuole sperimentare lo stop ai test
Il vicepremier, sui social, sottolinea: «Via il numero chiuso a Medicina: diritto allo studio e al lavoro per tanti ragazzi, diritto alla salute per tanti Italiani. Sono d'accordo!». Il Magnifico Rettore dell’ateneo di Ferrara propone che dal prossimo anno accademico la soglia di sbarramento non sia più il test d'ingresso, ma finire tutti gli esami del primo semestre del primo anno con una media non inferiore al 27
Abolizione Numero Chiuso, Consulcesi: «Alle parole seguano i fatti»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Bene le parole del vicepremier Salvini, ma e si cambino le regole fin dal prossimo anno accademico»
Numero chiuso e imbuto formativo, sempre più difficile diventare medico. In 10 anni 10mila medici via dall’Italia
Mestiere “a rischio estinzione” per il network legale Consulcesi. Il Presidente Massimo Tortorella: «Ancora troppa incertezza sul destino degli studenti. Ci saranno più posti a disposizione? Si passerà a un sistema alla francese? Servono risposte certe subito». Atenei in crisi: dal 2008 a oggi i docenti sono scesi da 63.228 a 53.801
Riforma numero chiuso, Fioramonti (Viceministro Miur): «Medicina sia sbocco finale di un percorso integrato»
Il delegato all’Università di Viale Trastevere parla della riforma del test di accesso a Medicina: «La modalità su cui cominciamo a riflettere è quella di un primo anno o di un percorso iniziale integrato tra varie discipline così che la medicina non sia più un percorso isolato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...