Voci della Sanità 2 Dicembre 2021 13:59

Giornata della disabilità, FNO TSRM PSTRP: «Domiciliarità cure azione vincente a favore dei più fragili»

«Siamo convinti – spiega la Federazione delle professioni sanitarie TSRM PSTRP – che questi temi necessitino di continua attenzione da parte dei decisori politici e delle istituzioni con programmi di prevenzione su tutto il territorio per la popolazione di riferimento che potrebbero facilitare il benessere delle persone con disabilità»

Il 3 dicembre ricorre la Giornata internazionale dei diritti delle persone con disabilità per promuovere l’inclusione delle persone con disabilità e combattere ogni forma di discriminazione. Occasione per le professioni sanitarie afferenti la FNO TSRM e PSTRP per ribadire, in linea con la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, adottata nel 2006 dalle Nazioni unite, il principio di uguaglianza e la necessità di garantire loro la piena ed effettiva partecipazione alla vita politica, sociale, economica e culturale della società.

I dati ONU sono molto chiari: l’80% delle persone con disabilità vive nei Paesi in via di sviluppo, il 46% delle persone di età pari o superiore a 60 anni ha una disabilità, una donna su cinque sperimenta una disabilità nel corso della sua vita, un bambino su 10 vive con una disabilità, il 15% della popolazione mondiale viva con una disabilità, un quinto della popolazione dell’UE e l’epidemia di COVID-19 sta avendo un impatto amplificato sulle persone con disabilità.

Questa giornata nasce nel 1981, istituita dall’Organizzazione delle Nazioni unite per sensibilizzare l’abbattimento di ogni ostacolo, a partire dall’istruzione, per un’inclusione totale a livello economico e politico e l’abolizione di ogni barriera architettonica delle persone con disabilità.

Tema a cui, nel 2021, la Commissione europea ha prestato attenzione adottando la strategia sui diritti delle persone con disabilità 2021-2030. Anche l’Italia, attraverso il PNRR italiano, ha dedicato attenzione a questo tema attraverso la missione 5 “Inclusione e coesione”, quale asse strategico per il superamento di ogni divario, tema trasversale a tutte le missioni.

Durante il recente 2° Congresso nazionale della FNO TSRM e PSTRP, dal titolo “L’esperienza pandemica per riformare il sistema salute. Il contributo delle professioni sanitarie” ha focalizzato, anche, quel che ciascuna delle 19 professioni sanitarie può dare sul tema, spaziando dal campo della prevenzione delle disabilità sensoriali (come ipovisione e sordità), passando per quelle motorie e cognitive fino alla cure domiciliari e alla medicina territoriale; dall’informazione/formazione per la salute all’applicazione di nuove tecnologie nell’interesse esclusivo delle persone; dall’attuare la parità tra i generi (con l’obiettivo di far emergere e rimuovere qualsiasi forma di discriminazione all’interno dei nostri organismi e tra le nostre professioni) al rispetto e alla valorizzazione delle diversità e al superamento degli stereotipi nell’ottica di un generale miglioramento del benessere negli ambienti di lavoro e di vita.

Siamo convinti che questi temi necessitano di continua attenzione da parte dei decisori politici e delle istituzioni con programmi di prevenzione su tutto il territorio per la popolazione di riferimento che potrebbero facilitare il benessere delle persone con disabilità e le conseguenze rispetto a traumi e malattie croniche. La domiciliarità delle cure diventa l’azione vincente a favore dei più fragili, acquistando un valore sociale non solo per la dimensione individuale ma anche familiare e di comunità.

Aspetti, questi, che la FNO TSRM e PSTRP ha ben evidenziato nella sua Costituzione etica e nel nuovo logo, di prossima adozione, che all’elemento figurativo esprime, da una parte, la competenza tecnica e, dall’altra, le doti umane nella cura della persona assistita: caratteristiche che identificano le 19 professioni ad essa afferenti garantendo nelle tre aree rappresentate (tecnico sanitaria, della riabilitazione e della prevenzione) la presa in carico della persona assistita nella sua interezza.

Il futuro della medicina non può prescindere dai concetti di multi e interdisciplinarietà, di medicina di genere, di medicina di iniziativa, di tecnologie al servizio di una sempre migliore qualità della vita, con il contributo di tutte le 19 professioni sanitarie rappresentante dalla FNO TSRM e PSTRP, tutte a fianco della persona assistita, soprattutto per quelle con disabilità, delle loro famiglie, dei caregiver, delle comunità di appartenenza.

Oggi, in linea con le parole di António Guterres (Segretario generale delle Nazioni unite), vogliamo celebrare questa giornata ribadendo il nostro impegno: «Esorto tutti i Paesi ad attuare pienamente la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, ad aumentare l’accessibilità e a rimuovere le barriere legali, sociali, economiche e di altro tipo, con la partecipazione attiva delle persone con disabilità e delle organizzazioni che le rappresentano». 

 

Articoli correlati
“Abili, disabili, ma tutti diversamente abili”: in viaggio con Paola Binetti per la conquista dei diritti dei disabili
Erika Stefani, ministro per le Disabilità: «L’inclusione, specie nel mondo del lavoro, non può essere prevista soltanto da una legge. Serve una nuova visione della disabilità, un rinnovato approccio culturale. L’attività legislativa deve essere seguita da campagne di comunicazione e di sensibilizzazione efficaci»
La storia di Nadia, l’influencer siciliana che abbatte (in moto) le barriere della disabilità
«Fin dall’adolescenza mi sono scontrata con i miei limiti, poi ho deciso di superarli. Oggi il mio intento è aiutare anche gli altri a farlo»
Fno Tsrm Pstrp, un position paper per ripristinare la presenza dei padri e dei partner in ospedale
Il position paper evidenzia il disagio delle madri e dei padri che sono costretti a sopportare ancora una volta, nonostante i due anni trascorsi, una separazione fra madri, neonate e neonati
Disabilità, D’Arrando (M5S): «Dopo la legge delega è il momento del Codice unico e del Budget di salute»
Alla Camera è stata approvata all’unanimità la legge delega che tra le altre cose semplifica la valutazione di disabilità e introduce il Garante. Per la deputata Celeste D’Arrando, da sempre in prima linea su questi temi, ora occorre il budget di salute «strumento resiliente che si adatta ai diversi contesti socio-sanitari»
di Francesco Torre
Giornata disabilità, l’Italia verso la legge delega. Ecco cosa cambierà
Cutrera (FISH): «Con questa legge sarà possibile definire un progetto individuale di vita che dovrà, necessariamente, coinvolgere la persona disabile. Maggiore sarà l’autonomia garantita, minore sarà la necessità di assistenza»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 21 gennaio, sono 342.684.472 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.574.860 i decessi. Ad oggi, oltre 9,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre