Voci della Sanità 30 Settembre 2019 18:37

Giornata del migrante, Amsi e Co-mai: «Grazie a Papa Francesco, con lui il mondo è sempre più umano, dialogante, aperto e solidale»

Il fondatore di Amsi e Co-mai Foad Aodi al mondo politico e istituzionale: «Urge passare dalle parole ai fatti e alla concretezza anche per lo Ius Soli temperato». E lancia 7 punti

L’associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-mai) e il movimento internazionale Transculturale inter professionale  “Uniti per Unire” ringraziano Papa Francesco per le parole pronunciate nella Giornata Mondiale del Migrante: «Non è da solo in questa battaglia nobile e lo diciamo da cristiani, musulmani, ebrei, ortodossi, laici e tutti quelli che appartengono al nostro mondo internazionale interreligioso» sottolinea una nota.

«Sicuramente siamo molto delusi e stanchi dalle dichiarazioni del mondo politico e istituzionale che fa molto poco di concreto oltre le dichiarazioni e le proposte, da una parte con aperture e promesse d’integrazione dall’atra  parte chiusura e proposte con slogan di rimandare tutti a casa senza solidarietà e umanità» sottolinea Foad Aodi, fondatore Amsi e Co-mai e Membro Gdl Salute Globale Fnomceo  che aggiunge: «Il nostro appello si rivolge al mondo politico e istituzionale e al nuovo Governo Conte, sicuramente più aperto e disponibile alla questione delle politiche d’integrazione e della cooperazione internazionale, ma  bisogna iniziare a concretizzare le proposte di legge e la politica dei ‘due binari’ che da anni proponiamo: da una parte la sicurezza per tutti e d’altra parte  politiche per l’integrazione, solidarietà, cooperazione internazionale e accordi bilaterali». Aodi lancia le 7 priorità nel manifesto “Buona Immigrazione”  e “Buona Sanità internazionale” al Governo Italiano e ai ministri competenti.

Ecco i 7 punti:

#Accordi bilaterali con i paesi dei migranti e rifugiati con più cooperazione internazionale per aiutarli sia a casa loro che in Italia;

#Concretizzare lo Ius Soli temperato senza slogan mediatici che vanno avanti ormai da più di 15 anni sia pro che contro danneggiando l’integrazione dei nostri figli sia italiani che di origine straniera;

#Legge d’immigrazione europea coinvolgendo tutti i paesi europei;

#Politiche d’integrazione per cittadini e professionisti di origine straniera in Italia nel mondo della scuola, università, lavoro, sanità compresi concorsi senza obbligo per la cittadinanza;

#Combattere il razzismo, la discriminazione, i pregiudizi con campagne di informazione e comunicazione sui giornali, tv e presso scuole, università, chiese, moschee e sinagoghe;

#Politiche a favore dell’assistenza sanitaria per i migranti e rifugiati e i loro bambini e minorenni non accompagnati compreso la circoncisione preventiva per combattere ogni forma di cura e circoncisione “fai da te” e clandestina che mette a rischio la loro vita;

#Politiche a favore del dialogo, la conoscenza e la storia delle religioni senza chiusure, paure e pregiudizi.

Articoli correlati
Migranti e salute, presentata l’edizione 2020 del Corriere della Salute di Sanità di Frontiera
Siamo davvero invasi dai migranti? Chi viene nel nostro Paese ci ruba il lavoro? Sono dei privilegiati e hanno accesso a servizi preclusi, invece, agli italiani? Sono queste alcune delle domande a cui l’edizione 2020 de “Il Corriere della Salute di tutti”, la rivista di Sanità di Frontiera, intende dare una risposta
Amsi: eletto Direttivo e organigramma internazionale con conferme e new entry
L'Ufficio di presidenza Amsi conta ben 150 professionisti della sanità di origine straniera e il Comitato Scientifico più di 100 esperti italiani e di origine straniera a favore di Un'Unione Mondiale nella Sanità (UMS)
Covid-19, stretta sulla movida: discoteche chiuse e mascherine obbligatorie anche all’aperto
In Italia aumentano i contagi e scende l'età media dei contagiati, con forme anche severe. Le disposizioni per contenere la diffusione del virus
Migranti, interrogazione di Regimenti (Lega) a Commissione Ue: «Salute pubblica a rischio, valuti blocco navale per gestire flussi»
In una interrogazione alla Commissione Regimenti chiede anche di «affrontare la questione degli sbarchi nei Paesi del Mediterraneo in coordinazione col Consiglio, con riferimento al pericolo costituito dai migranti contagiosi», risultati positivi al Covid-19
Chi saranno i medici scolastici? Pensionati, giovani, pediatri o stranieri. Le proposte dal mondo della sanità
Se per Cricelli (Simg) la soluzione è richiamare i medici in pensione, Mazzacane (Cisl Medici) punta sui camici grigi. Secondo Magi (Sumai) i pediatri di libera scelta sono l’opzione ideale e Aodi (Amsi) vede un’opportunità per i medici di origine straniera. Mangiacavalli (Fnopi) chiede invece l’istituzione dell’infermiere scolastico
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 aprile, sono 139.109.041 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.986.608 i decessi. Ad oggi, oltre 840,94 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...