OMCeO, Enti e Territori 7 Giugno 2018

Foad Aodi: «Lavorare alla creazione d’un Ospedale nel III Municipio»

La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, […]

La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, forse l’unico che in Italia che comprende iscritti di tutte le professioni e delle piu’ varie nazionalità, culture e  fedi religiose.

Aperta da un’introduzione del Dottor Kamran Paknegaad, Segretario Generale dell’AMSI, Associazione Medici d’origine Straniera in Italia, attiva sin dal 2000 a favore della cooperazione internazionale e con una rete di sportelli e  ambulatori aperti a tutti i pazienti, la discussione ha dato spazio anche a candidati – di tutti i partiti – alle prossime elezioni amministrative romane (III e VIII Municipio) del 10 giugno. «Abbiamo voluto dare  modo di presentare proposte concrete ai candidati di tutti i gruppi politici» – ha spiegato il professor Foad Aodi, fondatore del  Movimento internazionale Uniti per Unire e dell’ AMSI – confrontandole con le nostre, espresse soprattutto nei Progetti “Buona immigrazione” e “Buona sanità”, per concretizzare i princìpi-base del nostro movimento. Che non guarda al colore politico di individui e  gruppi, ma alla capacità di portare avanti iniziative valide per la collettività; linea che confermiamo nei confronti anche del nuovo Governo, nei confronti  del quale non abbiamo pregiudizi, ma attendiamo la prova dei fatti».

«In una realtà come questa del III Municipio, vasta area compresa tra i quartieri Nomentano, Tufello-Val Melaina, Rebibbia-San Basilio e altri, tuttora sprovvista d’ un ospedale – prosegue Aodi – proponiamo appunto la creazione d’un nuovo ospedale, insieme a una rete di strutture di primo soccorso: iniziativa che potrebbe far perno sullo stesso Municipio». Un Municipio – hanno ricordato un po’ tutti i candidati, provenienti dalle liste piu’ varie (PD, Cinque Stelle, Lega Nord, LeU, Italia in Comune, liste civiche, ecc…) di 205.000 abitanti, piu’ grande d’una città come Parma: dove il 43% delle famiglie è composto d’un solo individuo, e il 36% della popolazione è fatto di  anziani. Rafforzare almeno le strutture già esistenti (come quella di Via Lampedusa), realizzare una “Casa della Salute” secondo il recente piano della Giunta regionale, installare i defibrillatori in tutti gli impianti sportivi, pubblici e e privati, secondo il Decreto Balduzzi sulla sanità entrato in vigore nel 2017, creare nuovi spazi aggregativi per gli anziani: queste le principali proposte avanzate dai candidati. E, per l’immigrazione e le piu’ varie situazioni di disagio sociale (violenze contro le donne, famiglie con minori in stato d’ indigenza, ecc…), potenziare fortemente i mediatori culturali e tutta la rete dei servizi sociali.

Il sindaco di Latina e Vice presidente del movimento politico “Italia in Comune” Damiano Colletta, ha illustrato il nuovo movimento politico “Italia in Comune”, sorta di nuovo “partito della società civile e dei sindaci”, volto a far politica senza mai perder di vista il contatto col territorio e la gente, forte già dell’adesione dei primi cittadini di città come Parma, Cerveteri e altre. «Al neoministro dell’ Interno, Salvini –  ha precisato, in chiusura, Foad Aodi – pur senza ostilità preconcette, ricordiamo, a proposito della sua ultima uscita contro la Tunisia, che l’accordo bilaterale esistente fra Italia e Tunisia per la gestione dell’immigrazione è proprio quello che funziona meglio; per potenziare la buona immigrazione, allora, ben vengano non solo accordi internazionali come questo, ma anche una vera legge europea sull’immigrazione e l’impegno con serità e di comprovata capacità delle ONG coinvolte».

Articoli correlati
Carenza specialisti, Foad Aodi (Amsi e Omceo Roma): «Meno 60mila specialisti nel 2025, investire sui giovani medici e stabilizzare i colleghi stranieri presenti in Italia»
Si parlerà anche della carenza di medici specialisti e di Medicina Generale, e delle possibili soluzioni, al tavolo tecnico di prossima istituzione presso il Ministero della Salute, che coinvolgerà la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo) e l’Associazione Medici stranieri in Italia (Amsi), e che sarà dedicato a Sanità e […]
Salute pubblica, al Liceo Orazio il dibattito sulla bellezza del Servizio Sanitario Nazionale
Al termine del confronto sarà proiettato il Io, Daniel Blake di Ken Loach, vincitore della Palma d’oro al Festival de Cannes 2016
Circoncisione rituale, Aodi-Magi-Sileri: «Salviamo i bambini, serve inserimento nei LEA o legge ad hoc. Intervenga il Ministro»
All’appello lanciato da Foad Aodi, Presidente dell’Associazione Medici di origine straniera in Italia e consigliere dell’OMCeO Roma, aderisce anche il Presidente della Commissione Sanità del Senato Pierpaolo Sileri: «Gli ultimi casi secondo me sono una sottostima, perché probabilmente ci sono stati molti altri casi con complicanze senza morti». Il presidente dell’Ordine dei Medici di Roma: «Dobbiamo dare modo a tanti bambini di essere salvaguardati da complicanze che possono essere mortali»
Circoncisione in casa, muore bimbo di quattro mesi a Scandiano. Aodi (Amsi): «Serve legge per autorizzare strutture pubbliche a praticarla a costi accessibili»
La tragedia nel comune in provincia di Reggio Emilia: la procura ha aperto un fascicolo per omicidio colposo. Sul tema è intervenuta anche la titolare della salute: «Esistono protocolli e medici che possono aiutare le famiglie a fare le cose al meglio. Non fatelo in casa, non rischiate!». Ogni anno in Italia tra i 4mila e i 5mila i bambini vengono circoncisi per motivi culturali, religiosi o igienici. Il 35% degli interventi è clandestino. Fnomceo aderisce ad appello Aodi: «Quella rituale sia inserita subito nei Lea»
Sanità, Foad Aodi (OMCeO Roma): «Bene delibera regionale Lombardia per garantire il pediatra e le cure ai figli degli immigrati senza permesso di soggiorno»
Il consigliere dell’OMCeO di Roma e Coordinatore Area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri e Area Riabilitazione dell’OMCeO di Roma Foad Aodi commenta la notizia della delibera regionale in Lombardia che garantisce le cure ai figli degli immigrati senza permesso di soggiorno fino all’età di 18 anni argomento che in passato ha sempre creato […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Equivalenza titoli, TAR Lazio accoglie ricorso ANEP. L’avvocato Croce (Consulcesi & Partners): «Risultato apre strada anche alle altre figure»

Questo provvedimento impone l’avvio di iniziative dirette a far sì che si proceda all’individuazione dei criteri e delle modalità per il riconoscimento dell’equivalenza dei titoli conseguiti c...
Lavoro

Massofisioterapisti e fisioterapisti: uguali o diversi? La posizione di Beux (TSRM e PSTRP)

Alessandro Beux (TSRM e PSTRP): «Iscrizione solo per quelli che hanno conseguito titolo prima 1999»
Formazione

Il presidente del Parlamento Ue Antonio Tajani: «Formazione obbligatoria ECM, l’Europa vigila e premia solo chi si aggiorna»

ESCLUSIVA | Il Presidente dell’Europarlamento, in visita a Roma al Gruppo Consulcesi, si è schierato al fianco dei medici che attendono la remunerazione della specializzazione: «Lo Stato deve semp...