OMCeO, Enti e Territori 7 giugno 2018

Foad Aodi: «Lavorare alla creazione d’un Ospedale nel III Municipio»

La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, […]

La crescita dei servizi sanitari e sociali in uno stretto rapporto col territorio e la popolazione, il rapporto con gli immigrati, la cooperazione internazionale, la collaborazione tra medici e altri professionisti della sanità, giornalisti  e altre figure professionali: questi i temi dibattuti nella riunione, tenutasi a Roma, del Direttivo del Movimento internazionale “Uniti per Unire”, forse l’unico che in Italia che comprende iscritti di tutte le professioni e delle piu’ varie nazionalità, culture e  fedi religiose.

Aperta da un’introduzione del Dottor Kamran Paknegaad, Segretario Generale dell’AMSI, Associazione Medici d’origine Straniera in Italia, attiva sin dal 2000 a favore della cooperazione internazionale e con una rete di sportelli e  ambulatori aperti a tutti i pazienti, la discussione ha dato spazio anche a candidati – di tutti i partiti – alle prossime elezioni amministrative romane (III e VIII Municipio) del 10 giugno. «Abbiamo voluto dare  modo di presentare proposte concrete ai candidati di tutti i gruppi politici» – ha spiegato il professor Foad Aodi, fondatore del  Movimento internazionale Uniti per Unire e dell’ AMSI – confrontandole con le nostre, espresse soprattutto nei Progetti “Buona immigrazione” e “Buona sanità”, per concretizzare i princìpi-base del nostro movimento. Che non guarda al colore politico di individui e  gruppi, ma alla capacità di portare avanti iniziative valide per la collettività; linea che confermiamo nei confronti anche del nuovo Governo, nei confronti  del quale non abbiamo pregiudizi, ma attendiamo la prova dei fatti».

«In una realtà come questa del III Municipio, vasta area compresa tra i quartieri Nomentano, Tufello-Val Melaina, Rebibbia-San Basilio e altri, tuttora sprovvista d’ un ospedale – prosegue Aodi – proponiamo appunto la creazione d’un nuovo ospedale, insieme a una rete di strutture di primo soccorso: iniziativa che potrebbe far perno sullo stesso Municipio». Un Municipio – hanno ricordato un po’ tutti i candidati, provenienti dalle liste piu’ varie (PD, Cinque Stelle, Lega Nord, LeU, Italia in Comune, liste civiche, ecc…) di 205.000 abitanti, piu’ grande d’una città come Parma: dove il 43% delle famiglie è composto d’un solo individuo, e il 36% della popolazione è fatto di  anziani. Rafforzare almeno le strutture già esistenti (come quella di Via Lampedusa), realizzare una “Casa della Salute” secondo il recente piano della Giunta regionale, installare i defibrillatori in tutti gli impianti sportivi, pubblici e e privati, secondo il Decreto Balduzzi sulla sanità entrato in vigore nel 2017, creare nuovi spazi aggregativi per gli anziani: queste le principali proposte avanzate dai candidati. E, per l’immigrazione e le piu’ varie situazioni di disagio sociale (violenze contro le donne, famiglie con minori in stato d’ indigenza, ecc…), potenziare fortemente i mediatori culturali e tutta la rete dei servizi sociali.

Il sindaco di Latina e Vice presidente del movimento politico “Italia in Comune” Damiano Colletta, ha illustrato il nuovo movimento politico “Italia in Comune”, sorta di nuovo “partito della società civile e dei sindaci”, volto a far politica senza mai perder di vista il contatto col territorio e la gente, forte già dell’adesione dei primi cittadini di città come Parma, Cerveteri e altre. «Al neoministro dell’ Interno, Salvini –  ha precisato, in chiusura, Foad Aodi – pur senza ostilità preconcette, ricordiamo, a proposito della sua ultima uscita contro la Tunisia, che l’accordo bilaterale esistente fra Italia e Tunisia per la gestione dell’immigrazione è proprio quello che funziona meglio; per potenziare la buona immigrazione, allora, ben vengano non solo accordi internazionali come questo, ma anche una vera legge europea sull’immigrazione e l’impegno con serità e di comprovata capacità delle ONG coinvolte».

Articoli correlati
Tribunale della Salute, Foad Aodi (OMCeO Roma) aderisce alla petizione: «Proposta coraggiosa. Più il medico lavora in serenità più è tutelato il diritto alla salute»
Il presidente di Amsi (Associazione medici di origine straniera in Italia) sottolinea: «I medici italiani sono considerati tra i migliori, non permettiamo di macchiarne l'immagine e la credibilità». Intanto la raccolta firme ha superato le 12mila adesioni
Co-mai, Omega e Amsi lanciano il convegno: “Libia ieri, oggi, domani”
Si terrà il prossimo giovedì 17 gennaio – presso il Circolo della Marina di Roma – il convegno: “Libia: ieri, oggi domani”, organizzato dall’Osservatorio Mediterraneo di Geopolitica e Antropologia (Omega). L’incontro, organizzato con la collaborazione dell’ordine dei giornalisti di Roma e patrocinato dalla “Comunità del Mondo arabo in Italia” (Co-Mai), dal Movimento Internazionale “Uniti per […]
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
#Natale Multiculturale, Aodi e Quintavalle (Amsi): «Creare punti d’ascolto per combattere solitudine, paura e violenza»
Grande successo, per la manifestazione #Natale Multiculturale organizzata da Amsi, Uniti per Unire, Asl Roma 4, Asl Roma 5, UMEM, Cili-Italia, Emergenza Sorrisi, AMLI, Cara Italia e con la partecipazione e il patrocinio dell’OMCEO di Roma e del III Municipio . La paura dell’altro che non conosciamo e il presunto stigma della diversità si vincono solo […]
L’Omceo Roma rafforza la collaborazione con la Palestina: richiesto supporto per cardiochirurgia pediatrica
Si è tenuto questa mattina, presso la sede di via De Rossi, l’incontro tra il presidente dell’Ordine provinciale di Roma dei Medici-Chirurghi e degli Odontoiatri (OMCeO), Antonio Magi, e l’Ambasciatrice della Palestina Mai Alkaila. Con loro il consigliere dell’Ordine Foad Aodi, coordinatore dell’area Rapporti con i Comuni e Affari Esteri, e l’addetto culturale dell’ambasciata a Roma, […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano