OMCeO, Enti e Territori 21 Febbraio 2019

FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici

Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]

Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione degli albi dei periti e dei consulenti tecnici ex art. 15, Legge 8 marzo 2017, n. 24, in attuazione dell’art. 14 del Protocollo d’intesa tra CSM, CNF e FNOMCeO già firmato lo scorso 24 maggio 2018. L’obiettivo è l’applicazione della legge 24/2017 in materia di responsabilità sanitaria e, in particolare, la revisione e tenuta degli albi dei periti e dei consulenti tecnici presso i Tribunali.

In attesa della firma ufficiale presso la Buvette del Consiglio Superiore della Magistratura, la FNOPO e la FNO TSRM PSTRP hanno organizzato il Convegno dal titolo “L’attuazione dell’art. 15 della legge 24/2017: il professionista sanitario come perito nella consulenza tecnica d’ufficio e nella conciliazione” che si svolgerà venerdì 22 febbraio presso il Centro Congresso Frentani di Roma. L’evento ha l’obiettivo di illustrare la natura delle proposte dell’Accordo che è stato sottoposto all’attenzione della VII Commissione del CSM e recepito e approvato in plenum. Il documento è frutto del lavoro del Tavolo tecnico nazionale, interdisciplinare e inter-istituzionale, istituito a partire dal gennaio 2018 tra le due Federazioni e le Società scientifiche di settore, anche medico legali, alla presenza di giuristi e consulenti legali. In seno al Tavolo tecnico è stata condivisa l’elaborazione della proposta di Accordo da presentare al CSM e CNF, nel quale sono stati previsti criteri omogenei per l’individuazione dei professionisti e l’individuazione di indicatori strutturalmente omogenei e riferiti ai criteri qualitativi dei professionisti, afferenti agli albi istituiti dalla Legge 3/2018, sulla base dei quali possono essere affidati gli incarichi di consulenza tecnica d’ufficio e di perito presso i tribunali, a esperti nelle discipline specialistiche riferite a tutte le professioni sanitarie.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

«Alla luce dei contenziosi medico legali che vedono da una parte cittadini che reputano di aver subìto un danno e dall’altra i professionisti sanitari che si vedono chiamati a rispondere del loro operato, nonché della sempre più diffusa medicina difensiva, ci sembrava necessario e doveroso poter esprimere il nostro parere in tema di individuazione dei criteri con i quali sono scelti consulenti e periti per le consulenze tecniche – affermano i componenti dei Comitati centrali FNOPO e FNO TSRM PSTRP -. La firma dell’Accordo con il Consiglio Nazionale Forense e il Consiglio Superiore della Magistratura è un grandissimo successo per le professioni – spiegano ancora i componenti dei due Comitati centrali -. Un risultato che portiamo a casa grazie alla costituzione di un gruppo di lavoro composito multidisciplinare, nel quale è stato importante il confronto e l’apporto di tutti. Grazie all’accordo che sigleremo a marzo – continuano i rappresentanti nazionali delle due Federazioni – i tribunali italiani e i professionisti sanitari potranno avere un riferimento unico e validato dalle più alte rappresentanze per l’individuazione del professionista giusto al posto giusto. Una tutela che, come verrà ampiamente spiegato da parte dei giuristi, dei docenti e dei consulenti durante il convegno, consentirà agli Ordini territoriali di avere gli strumenti idonei per la valutazione delle candidature».

Articoli correlati
Avvocato Pittella: «Responsabilità civile e tutela assicurativa, le ultime novità messe in moto dalla Legge Gelli»
«La Gelli-Bianco fa progressi importanti da tanti punti di vista», spiega Domenico Pittella, consigliere giuridico CIC, ma i problemi non mancano: «Mancano i decreti attuativi in materia di definizione della polizza assicurativa standard tipo in capo alle strutture sanitarie»
Pittella (PD): «Mia priorità abbattere numero dei contenziosi per i medici. Intervento su Legge Gelli»
«C’è un tema che riguarda la responsabilità penale del medico che probabilmente andrà rivisto», spiega il senatore del Partito Democratico, Giovanni Pittella che lancia la proposta di un articolo unico di modifica insieme al collega Misiti
Responsabilità professionale, Gelli: «Entro l’autunno avremo i decreti attuativi legge 24»
Il testo dei quattro decreti è stato elaborato dal MISE e ha ricevuto il parere positivo da parte del MEF e del ministero della Salute. Il padre della legge Gelli: «Ora manca concertazione. Accolto il 90% delle nostre proposte»
Sicurezza delle cure a rischio, Catalini (Ospedale Camerino): «Pochi posti letto». Cambiato il rapporto medico-paziente
Le carenze sono evidenti soprattutto nei pronto soccorso. «Abbiamo circa 3 posti letto per mille abitanti – spiega Giambattista Catalini, direttore dell'unità operativa di Chirurgia generale del Presidio Ospedaliero di Camerino. Se la Germania è tra gli 8,2 e gli 8,4 mentre altri sono addirittura a 13, vuol dire che forse stiamo un po’ troppo strozzando la possibilità di ricezione per le cure successive»
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Carenza medici e formazione ECM, Magi a Codici: «Pronti al confronto e a certificare»
Il presidente Omceo Roma, Antonio Magi risponde alle accuse lanciate dall’associazione Codici riguardo ad un “allarmismo bluff” da parte della categoria dei medici. Dalla carenza di personale all’aggiornamento professionale, la replica dei camici bianchi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Lo psicologo di famiglia è un diritto riconosciuto dalla legge. Alle Regioni il compito di trovare accordi con gli MMG

La norma inserita nel Dl Calabria. Lazzari (Cnop): «Gli psicologi saranno al servizio dei cittadini anche nell’ambito delle cure primarie, accanto ai medici di medicina generale ed ai pediatri di l...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Contratto medici e unificazione fondi: ecco cosa sta succedendo all’Aran

Il nuovo pomo della discordia è l’unificazione dei fondi della dirigenza medica, sanitaria non medica e delle professioni sanitarie. Palermo (Anaao-Assomed): «A guadagnarci sono i medici». Quici ...
Formazione

«Numero chiuso non sarà abolito, ma dal 2021 il test sarà dopo il primo anno». Parla il relatore della riforma Manuel Tuzi (M5S)

Il deputato Cinque Stelle, medico specializzando, presenterà a breve il testo base della riforma che andrà in discussione a settembre a Montecitorio. Accesso al primo anno comune a diverse facoltà ...