OMCeO, Enti e Territori 21 Febbraio 2019

FNOPO e TSRM PSTRP presentano accordo con il CSM su albi periti e consulenti tecnici

Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione […]

Il prossimo 12 marzo la Federazione degli Ordini della Professione di Ostetrica (FNOPO) e la Federazione degli Ordini dei Tecnici Sanitari di Radiologia Medica e delle Professioni Sanitarie Tecniche, della Riabilitazione e della Prevenzione (FNO TSRM PSTRP) firmeranno l’Accordo con il Consiglio Superiore della Magistratura e il Consiglio Nazionale Forense per l’armonizzazione dei criteri e delle procedure di formazione degli albi dei periti e dei consulenti tecnici ex art. 15, Legge 8 marzo 2017, n. 24, in attuazione dell’art. 14 del Protocollo d’intesa tra CSM, CNF e FNOMCeO già firmato lo scorso 24 maggio 2018. L’obiettivo è l’applicazione della legge 24/2017 in materia di responsabilità sanitaria e, in particolare, la revisione e tenuta degli albi dei periti e dei consulenti tecnici presso i Tribunali.

In attesa della firma ufficiale presso la Buvette del Consiglio Superiore della Magistratura, la FNOPO e la FNO TSRM PSTRP hanno organizzato il Convegno dal titolo “L’attuazione dell’art. 15 della legge 24/2017: il professionista sanitario come perito nella consulenza tecnica d’ufficio e nella conciliazione” che si svolgerà venerdì 22 febbraio presso il Centro Congresso Frentani di Roma. L’evento ha l’obiettivo di illustrare la natura delle proposte dell’Accordo che è stato sottoposto all’attenzione della VII Commissione del CSM e recepito e approvato in plenum. Il documento è frutto del lavoro del Tavolo tecnico nazionale, interdisciplinare e inter-istituzionale, istituito a partire dal gennaio 2018 tra le due Federazioni e le Società scientifiche di settore, anche medico legali, alla presenza di giuristi e consulenti legali. In seno al Tavolo tecnico è stata condivisa l’elaborazione della proposta di Accordo da presentare al CSM e CNF, nel quale sono stati previsti criteri omogenei per l’individuazione dei professionisti e l’individuazione di indicatori strutturalmente omogenei e riferiti ai criteri qualitativi dei professionisti, afferenti agli albi istituiti dalla Legge 3/2018, sulla base dei quali possono essere affidati gli incarichi di consulenza tecnica d’ufficio e di perito presso i tribunali, a esperti nelle discipline specialistiche riferite a tutte le professioni sanitarie.

CONSULTA QUI IL PROGRAMMA

«Alla luce dei contenziosi medico legali che vedono da una parte cittadini che reputano di aver subìto un danno e dall’altra i professionisti sanitari che si vedono chiamati a rispondere del loro operato, nonché della sempre più diffusa medicina difensiva, ci sembrava necessario e doveroso poter esprimere il nostro parere in tema di individuazione dei criteri con i quali sono scelti consulenti e periti per le consulenze tecniche – affermano i componenti dei Comitati centrali FNOPO e FNO TSRM PSTRP -. La firma dell’Accordo con il Consiglio Nazionale Forense e il Consiglio Superiore della Magistratura è un grandissimo successo per le professioni – spiegano ancora i componenti dei due Comitati centrali -. Un risultato che portiamo a casa grazie alla costituzione di un gruppo di lavoro composito multidisciplinare, nel quale è stato importante il confronto e l’apporto di tutti. Grazie all’accordo che sigleremo a marzo – continuano i rappresentanti nazionali delle due Federazioni – i tribunali italiani e i professionisti sanitari potranno avere un riferimento unico e validato dalle più alte rappresentanze per l’individuazione del professionista giusto al posto giusto. Una tutela che, come verrà ampiamente spiegato da parte dei giuristi, dei docenti e dei consulenti durante il convegno, consentirà agli Ordini territoriali di avere gli strumenti idonei per la valutazione delle candidature».

Articoli correlati
Salute donne, FNOPO: «Welfare più efficiente e promozione dell’allattamento i veri sostegni alla maternità e alle donne»
«Non è attraverso bonus per l’acquisto di latte artificiale (in polvere o liquido) che si sostengono le famiglie. L’emendamento presentato dal ministro per la Famiglia, Lorenzo Fontana, al decreto legge Crescita (che prevede tra l’altro anche sconti per l’acquisto di pannolini e un incremento del bonus bébé) non fa un buon servizio alle neo-mamme, al nascituro e, […]
Fnopo: «Bene App “Mamma in salute”. Alla Grillo rinnoviamo richiesta di incontro per promozione della salute femminile»
La salute in gravidanza è un bene da garantire a tutte le donne con competenza, scientificità e professionalità. La FNOPO (Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica) plaude, quindi, alla recente iniziativa promossa dal Ministero della Salute nella giornata della Festa della mamma, con l’app “Mamma in salute”. «Nell’epoca della massima diffusione e uso […]
Responsabilità professionale, rischio clinico e gestione del contenzioso: torna l’annuale appuntamento alla Sapienza
«L’idea è quella di coinvolgere più professionalità e aprire un dialogo importantissimo fra specialisti e operatori tecnici che entrano nel merito della gestione del contenzioso e del rischio clinico» spiega Paola Frati, professore ordinario di Medicina legale alla Sapienza di Roma e Responsabile scientifico del convegno insieme al professor Vittorio Fineschi
Giornata Ostetriche, al via il “Virtual International Day of the Midwife”: 24 ore di eventi in diretta online da tutto il mondo
Pellegrini (ostetrica): «Un giorno dedicato alle donne, ma anche alla nostra professione. Chiediamo la diffusione del modello monoprofessionale, l’implementazione dei punti nascita per gravidanze a basso rischio ed il ritorno ad una formazione quinquennale»
di Isabella Faggiano
Responsabilità professionale, MISE al lavoro su decreti attuativi legge 24. Gelli: «Contenziosi in diminuzione con risk management»
«Nelle regioni dov’è applicata la Legge si riducono le controversie: finalmente c’è un governo del rischio in sanità e della sicurezza delle cure per i cittadini» ha sottolineato a Sanità Informazione Federico Gelli, relatore della Legge alla Camera e presidente della Fondazione Italia in Salute
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

ECM, finisce a Striscia la Notizia il caso dei medici non in regola. FNOMCeO: «Dal 2020 sanzioni per chi non sarà in regola»

Anche la popolare trasmissione di Canale 5 punta i riflettori sul caso dei tanti medici che non rispettano l’obbligo di legge sull’aggiornamento continuo in medicina. Gerry Scotti: “Pazienti pre...
Formazione

Obbligo ECM, Rosset (OMCeO Aosta): «La formazione tutela la salute pubblica. Con sentenza si esce dall’ambiguità»

«Il rispetto della formazione, la tutela della salute e l’obbligo di rispondere a quanto viene dettato dal legislatore, quindi a osservare la legge, sono cose assolutamente imprescindibili e che re...
di Giovanni Cedrone e Diana Romersi
Salute

Guarire dalla balbuzie si può: Chiara Comastri, psicologa ed ex balbuziente, ci spiega come agisce il metodo Psicodizione

Da balbuziente ad esperta di linguaggio: la psicologa Chiara Comastri si racconta a Sanità Informazione e rivela: «Con un approccio di tipo cognitivo comportamentale e un percorso preciso si possono...