Voci della Sanità 9 Aprile 2018 12:50

Fimmg Lombardia, Gabriella Levato è il nuovo Segretario generale regionale

Gabriella Levato, 53 anni, medico di famiglia a Cologno Monzese, guiderà la squadra della federazione dei medici di famiglia lombardi. È questo il risultato della votazione tenutasi ieri a Varese in cui è stato eletto Angelo Rossi (Segretario della FIMMG di Brescia) come Vice Segretario vicario, Guido Marinoni di Bergamo e Claudio Rovescala di Pavia rispettivamente come […]

Gabriella Levato, 53 anni, medico di famiglia a Cologno Monzese, guiderà la squadra della federazione dei medici di famiglia lombardi. È questo il risultato della votazione tenutasi ieri a Varese in cui è stato eletto Angelo Rossi (Segretario della FIMMG di Brescia) come Vice Segretario vicario, Guido Marinoni di Bergamo e Claudio Rovescala di Pavia rispettivamente come Vice Segretario e Segretario amministrativo.

Sono stati cooptati in esecutivo Tommasa  Maio, Segretario nazionale e regionale di FIMMG Continuità Assistenziale, e Fiorenzo Corti, Vice Segretario nazionale. Per la prima volta due donne al comando di una federazione regionale FIMMG.

Il mandato dell’esecutivo neo eletto scadrà il prossimo anno. Le sezioni provinciali, all’insegna del rinnovamento e del ricambio generazionale, si sono impegnate a  rinnovare i propri consigli direttivi  nei primi mesi del 2019, e a nominare  i componenti di un nuovo Consiglio Regionale di Fimmg Lombardia, , che sarà chiamato ad eleggere il prossimo esecutivo che, a norma di statuto, rimarrà in carica per quattro anni.

«Il primo pensiero di questo esecutivo, ha dichiarato Gabriella Levato, va ai giovani che frequentano il corso di formazione in medicina generale e che, nella nostra regione, appena ottenuto l’attestato entreranno in pochi mesi e  a pieno titolo nella medicina di famiglia. Il nostro impegno, per evitare il default della medicina territoriale sarà di marcare strette le istituzioni per aumentare il numero delle borse del corso di formazione. Se non riusciremo infatti a sostituire appieno il numero di colleghi  che nel giro di pochi anni andranno in pensione (entro il 2023 andranno in pensione, per il raggiungimento dei requisiti anagrafici, circa 1500 medici di famiglia su 6000) sarà difficile impedire il ritorno alla realtà delle medicina generale, con 5000 assistiti e oltre, magistralmente interpretata dal Albero Sordi nel “medico della mutua”. Lavoreremo inoltre per potenziare il ruolo dei medici di famiglia nella presa in carico delle patologie croniche, per  promuovere la dotazione negli studi medici della diagnostica strumentale (ecg, spirometria, retinografia, TAO, tele monitoraggio domiciliare) anche in telemedicina per offrire maggiori servizi ai cittadini lombardi in una logica di prossimità e per essere supportati nei nostri studi da personale non medico debitamente formato».

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Sanità italiana divisa a metà: 29 milioni di italiani in difficoltà con le cure
La sanità italiana sempre più divisa in due con ben 29 milioni di italiani che potrebbero avere serie difficoltà. Le performance sanitarie per il 2023 vedono infatti otto tra Regioni e Province autonome promosse, sette rimandate e sei bocciate. Sono i risultato del rapporto «Le performance regionali» del Crea Sanità, Centro per la ricerca economica applicata in sanità, presentato oggi a Roma
Diabete. Fand ai medici di famiglia: “Applicare la Nota 100 di Aifa”
I diabetologi denunciano la “mancata applicazione di quanto previsto in materia di compilazione del Piano Terapeutico da parte dei medici di medicina generale sul territorio sta provocando disagi ai pazienti” e invitano Fimmg e Simg a vigilare sui propri iscritti
di Redazione Sics
Come deve essere effettuata dal Provider la verifica dell’apprendimento?
La verifica dell’apprendimento può essere effettuata con diversi strumenti: quesiti a scelta multipla o a risposta aperta, esame orale, esame pratico, produzione di un documento, realizzazione di un progetto, ecc. Se vengono usati i quesiti, devono essere standardizzati in almeno 3 quesiti per ogni credito ECM erogato e nel caso si predispongono quesiti a scelta […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...