Voci della Sanità 13 Luglio 2017

Epatite C, OMCeO Roma denuncia un’organizzazione ucraina per turismo sanitario

Il  fenomeno  del  cosiddetto  “turismo  sanitario”  che  spinge  molti  pazienti  a  cercare  cure  e procurarsi  farmaci  in  altri  Paesi  desta  forte  preoccupazione  nel  mondo  medico,  sia  per  gli  aspetti  strettamente  connessi  alla  sicurezza  e  adeguatezza  dei trattamenti  e  dei  medicinali proposti, sia per le implicazioni commerciali e speculative. Per tali motivi l’Ordine provinciale di  Roma  dei Medici‐Chirurghi  e  degli  Odontoiatri (OMCeO)  ha  presentato  nei  giorni  scorsi denuncia‐querela  alla  competente  Procura  della  Repubblica  […]

Il  fenomeno  del  cosiddetto  “turismo  sanitario”  che  spinge  molti  pazienti  a  cercare  cure  e procurarsi  farmaci  in  altri  Paesi  desta  forte  preoccupazione  nel  mondo  medico,  sia  per  gli  aspetti  strettamente  connessi  alla  sicurezza  e  adeguatezza  dei trattamenti  e  dei  medicinali proposti, sia per le implicazioni commerciali e speculative. Per tali motivi l’Ordine provinciale
di  Roma  dei Medici‐Chirurghi  e  degli  Odontoiatri (OMCeO)  ha  presentato  nei  giorni  scorsi denuncia‐querela  alla  competente  Procura  della  Repubblica  contro  il  responsabile  della società  “Hepatos‐Kiev”  e  ha  chiesto  che  vengano  svolti  gli  opportuni  accertamenti  sulla legittimità dell’offerta terapeutica proposta dalla stessa organizzazione che opera tra l’Italia e l’Ucraina. La  denuncia  muove  dalla  segnalazione  all’Ordine  di  una  gastroenterologa‐epatologa  della Capitale, destinataria di una lettera della “Hepatos‐Kiev” in cui si pubblicizzava la possibilità di inviare  pazienti  affetti  da  epatite‐C  a  Kiev  per  accedere  alle  nuove  terapie,  offrendo  al contempo “adeguato emolumento”  per  ogni  paziente che lo  stesso medico avesse inviato a tale organizzazione.
«È  chiaro  che  ciò  va  contro  i  più  basilari  principi  della  deontologia  medica  –  evidenzia
Giuseppe Lavra che ha presentato la querela in qualità di presidente dell’Ordine di Roma – e rischia di  screditare chi  svolge ogni giorno il proprio lavoro in  scienza e coscienza. Inoltre, in  questo caso potrebbe ravvisarsi il reato di cui all’articolo 147, comma 5, del Decreto legislativo
n. 219 del 2006, cioè l’attuazione della direttiva 2001/83/CE relativa al codice comunitario sui medicinali  per  uso  umano,  come  pure  del  Codice  del  Farmaco  contemplato  dalla  direttiva 2003/94/CE».
La  normativa  in  vigore,  infatti,  sanziona  penalmente  la  condotta  di  concedere,  offrire  o promettere  premi,  vantaggi  pecuniari  o  in  natura,  in  violazione  dell’art.123,  comma  1  dello stesso decreto legislativo. Tale norma stabilisce che «Nel quadro dell’attività di informazione e presentazione dei medicinali svolta presso i medici o farmacista è vietato concedere, offrire o promettere  premi,  vantaggi  pecuniari  o  in  natura,  salvo  che  siano  di  valore  trascurabile  e  siano comunque collegabili all’attività espletata dal medico e dal farmacista».
L’Ordine di Roma, in quanto ente preposto alla tutela della salute dei cittadini, auspica quindi che venga posto in essere ogni necessario accertamento investigativo per riscontrare se siano ravvisabili più gravi fattispecie delittuose in danno della salute della collettività o del Servizio Sanitario Nazionale.  A  tal  fine  si  è  anche  costituito  parte  civile  nel  procedimento  promosso attraverso  un  suo  legale  di  fiducia. «Su  questo  e  altri  casi  analoghi  che  venissero  a  nostra conoscenza agiremo tempestivamente e istituzionalmente», avverte Lavra.

Articoli correlati
Covid-19 e HCV, la proposta: «Abbinare ai test sierologici gli screening per l’Epatite C»
«L’opportunità di effettuare questi test per rilevare la presenza di HCV non ha precedenti. Auspichiamo un Paese senza Covid, ma anche senza Epatite C. E per questo, più persone potremo curare, più ci avvicineremo all’obiettivo», evidenzia il Prof. Massimo Galli
Fase 2, Lazio osservato speciale. Magi (OMCeO Roma): «Regione in ‘zona arancione’, fare attenzione». Ma stop ai controlli a Termini
Nella regione leggero ma costante aumento di casi, colpa anche di un funerale che ha generato un cluster. Il presidente dell’Ordine dei Medici lancia l’allarme sulle liste d'attesa: «Rischiano di esplodere, serve un aumento dell’assistenza specialistica o a rimetterci saranno i più fragili»
Coronavirus, Magi (OMCeO Roma): «Nella Capitale situazione stabile. Partito il camper per assicurare l’assistenza sul territorio»
«Con l'unità mobile dell'Ordine dei medici cerchiamo di non ripetere l'errore che è stato fatto al Nord. A Nerola, centro focolaio, facciamo tamponi e test rapidi e se coincidono possiamo estenderli a tutti». Così il presidente Magi, che aggiunge: «Accelerare i tamponi ai medici per lavorare in sicurezza»
Equivalenza terapeutica dei farmaci anti-HCV, Galli: «Si potevano percorrere altre strade per abbattere i costi»
Presentato al Senato il documento di farmacologia che arriva dopo le decisioni dell’Aifa. Gli esperti d’accordo: «Occorre più confronto»
di Tommaso Caldarelli
Lotta all’epatite C, l’Italia fa un passo indietro. Andreoni (Simit): «Servono nuove strategie per far emergere il sommerso»
«Bisogna puntare sul coinvolgimento dei Medici di Medicina Generale e sulle farmacie, che devono diventare punto di informazione e screening» aggiunge Salvatore Petta, segretario dell'Associazione Italiana per lo Studio del Fegato
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 maggio, sono 5.814.885 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 360.412 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA   Bollettino delle ore 18:00 del 29 ma...
Lavoro

Covid-19 e Fase 2, come prevenire il contagio: ecco il vademecum per gli operatori sanitari

Le misure di protezione per gli operatori e i pazienti, l’organizzazione degli spazi di lavoro, la guida al corretto utilizzo dei Dpi, il triage telefonico, la sanificazione e la disinfezione degli ...
Salute

Covid-19 e terapia al plasma, facciamo chiarezza con il presidente del Policlinico San Matteo: «Tutti guariti i pazienti trattati a Pavia e Mantova»

Venturi: «Oggi l’unica possibilità di superare questo virus deriva dalla risposta del nostro sistema immunitario». E aggiunge: «Il 10% dei lombardi positivi ai test sierologici con anticorpi neu...
di Federica Bosco