Voci della Sanità 29 Luglio 2021 16:39

Enpam, apprezzamento per Onaosi e per nuovo vertice Amedeo Bianco

«L’Onaosi trarrà grande beneficio dall’esperienza di Amedeo Bianco e dalla sua capacità di costruire consenso», secondo il presidente dell’Enpam Alberto Oliveti

Enpam, apprezzamento per Onaosi e per nuovo vertice Amedeo Bianco

«L’Onaosi trarrà grande beneficio dall’esperienza di Amedeo Bianco e dalla sua capacità di costruire consenso. Al nuovo vertice vanno i nostri migliori auguri», è questo il commento del presidente dell’Enpam Alberto Oliveti.

Amedeo Bianco è stato eletto all’unanimità nuovo presidente dell’Onaosi, l’ente istituito oltre un secolo fa per assistere gli orfani dei sanitari. «Continua l’apprezzamento nei confronti di quest’ente fondamentale nato su iniziativa dei medici condotti, da un’idea del 1874 dal medico forlivese Luigi Casati. Oggi, anche alla luce del Covid, è quanto mai evidente l’importanza della missione dell’Onaosi, a tutela della fase pre-lavorativa e pro-lavorativa dei figli dei sanitari iscritti», osserva Oliveti. «Continuo allo stesso tempo a credere che possano esistere punti di interfaccia e di collaborazione con l’Enpam», aggiunge.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...