OMCeO, Enti e Territori 26 marzo 2018

Endometriosi, Fnopo: “Le ostetriche sentinelle nell’intercettare sintomi di una patologia pericolosa per le donne”

L’endometriosi rappresenta una delle patologie femminili più strettamente correlate all’infertilità: caratterizzata dalla presenza di mucosa tipica dell’endometrio all’esterno della cavità uterina, ha tra i suoi effetti principali l’infiammazione e il dolore. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica è consapevole dei danni che questa patologia purtroppo riesce a determinare ancora oggi nella salute delle […]

L’endometriosi rappresenta una delle patologie femminili più strettamente correlate all’infertilità: caratterizzata dalla presenza di mucosa tipica dell’endometrio all’esterno della cavità uterina, ha tra i suoi effetti principali l’infiammazione e il dolore. La Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica è consapevole dei danni che questa patologia purtroppo riesce a determinare ancora oggi nella salute delle donne. Riconosciuta nelle sue forme più gravi dai LEA del 2017 tra le malattie croniche, a soffrire di questa malattia, come riporta il documento del Ministero della Salute del 2015 “Piano della fertilità”, è circa il 5% delle donne in periodo fertile. Percentuale che arriva al 25-40% nelle donne infertili fino a toccare il 60-70% in coloro che hanno dolore pelvico cronico. Il tasso di incidenza massimo dell’endometriosi si verifica nelle donne tra i 25 e i 35 anni, anche se la malattia compare spesso in fasce di età più basse.

«L’insidia di questa malattia è che i sintomi possono essere associati ad altre patologie e quindi spesso non venga diagnosticata tempestivamente. La tardiva diagnosi, e di conseguenza la cura, non solo comportano anni di dolori fisici e psicologici per le donne, ma rischiano anche di comprometterne seriamente la fertilità e quindi la progettualità di una maternità per la donna e di genitorialità per la coppia. In questo le Ostetriche hanno un ruolo determinante, di sentinelle – afferma la presidente FNOPO Maria Vicario, assieme alle componenti del Comitato centrale – perché dai racconti delle assistite possono intercettare questa problematica e indirizzarle, fin da giovani in presenza di segni e sintomi specifici a controlli specialistici per approfondimento diagnostico».

A tracciare un quadro della situazione è ancora il “Piano della fertilità” del Ministero, dal quale si rileva che il processo infiammatorio e di dolore si presenta durante le mestruazioni (dismenorrea nell’80% delle donne con endometriosi), durante i rapporti sessuali (dispareunia, 30-40% dei casi), nell’evacuazione (ischezia, 10-20%) e perfino durante la minzione (disuria dal 5-10%)

«Ancora una volta la diagnosi precoce riesce a fare la differenza – aggiungono i vertici della FNOPO -. La nostra Categoria può e deve fare la differenza in tutti gli ambiti in cui è presente: ambulatori, pronto soccorso e consultori, ovvero i principali luoghi dove le donne si recano per cercare aiuto e trovare una soluzione al loro problema. Grazie al progetto di ostetrica di comunità che prevede una maggiore copertura dell’assistenza territoriale, l’individuazione precoce del problema può essere ancora più capillare ed evitare così che la malattia arrivi agli stadi più gravi, compromettendo la potenziale fertilità della donna. Questo può significare intraprendere un percorso di presa in carico degli specialisti che potranno assicurare una cura tempestiva e appropriata consentendo alle donne una qualità di vita migliore. Da quest’anno poi, c’è un’arma in più contro l’endometriosi, così come di altre patologie: la Legge 3/2018 “Delega al Governo in materia di sperimentazione clinica di medicinali nonché disposizioni per il riordino delle professioni sanitarie e per la dirigenza sanitaria del Ministero della salute”. Grazie a questa, e in seguito all’emanazione dei prossimi decreti attuativi, sarà possibile applicare nella ricerca scientifica e nella sperimentazione clinica la medicina di genere che riconosce finalmente la giusta dignità alle differenze fisiologiche tra uomini e donne, e dunque alla diversa risposta sia alla malattia sia alla cura da parte di entrambi. Alle donne, ancora una volta, diciamo di non aver paura, di non scoraggiarsi e di affidarsi sempre alla professionalità delle ostetriche, dei medici e degli specialisti».

 

Articoli correlati
A liceo Giulio Cesare di Roma il primo corso di disostruzione delle vie aeree
Lezioni di disostruzione pediatrica delle vie aeree e corretto taglio degli alimenti per la sicurezza dei più piccoli. Ma a sedersi sui banchi di scuola questa volta non sono stati solo i ragazzi, bensì gli insegnanti, i genitori, gli educatori, che il 17 ottobre si sono ritrovati al liceo Giulio Cesare di Roma per il […]
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Malattie infettive, vaccinazioni e accesso alle cure al centro del 2° Congresso Waidid
Emergenza pertosse, primo network globale per l’eradicazione della Tubercolosi, immunizzazione in gravidanza e accesso universale alle cure. Questi sono alcuni degli hot topic al centro del 2° Congresso Internazionale dell’Associazione Mondiale per le Malattie Infettive e i Disordini Immunologici – WAidid –, presieduta dalla professoressa Susanna Esposito, che da oggi al 20 ottobre ospiterà a Milano […]
Patologie delle valvole cardiache. Freri (Cuore Italia): «Colpiti un milione di italiani»
Al via “Ascolta il mio cuore”, la campagna di sensibilizzazione organizzata da Cuore Italia, sostenuta da Senior Italia FederAnziani, e culminata in una “camminata per il cuore” tra i giardini di Villa Borghese, a Roma.
di Isabella Faggiano
Assisi, il metodo WAL (walk and learn) entra a scuola. Massimo Paggi: «Abbiamo aperto una porta sul futuro»
Imparare in movimento è una formula vincente: la studiosa Carla Hannaford ha da tempo confermato l’efficacia del movimento nel processo di apprendimento e nell’educazione infantile. In uno studio fra 500 bambini esaminati, coloro che praticavano più di un’ora di movimento al giorno presentavano un rendimento scolastico migliore di bambini meno attivi. I benefici dell’attività fisica […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...