Voci della Sanità 4 Agosto 2021 10:14

Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»

«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP

Il progetto di legge recante “Modifica all’art. 3, comma 5, della legge regionale 23  dicembre 2004, n. 29 (Organizzazione e finanziamento delle aziende sanitarie)” recentemente deliberato,  all’unanimità, dalla Giunta regionale dell’Emilia-Romagna con cui si prevede la figura del Direttore  assistenziale quale figura contendibile da parte delle 22 professioni sanitarie è indicativo di una evoluzione  professionale e organizzativa che va nella giusta direzione. 

La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario. Stiamo assistendo ad una significativa  evoluzione delle componenti organizzativo-assistenziali, soprattutto a seguito di quanto del sistema  precedente si è manifestato indiscutibilmente inadeguato di fronte alla continua e crescete evoluzione  scientifica, professionale e tecnologica e, più recentemente, alla pandemia. 

Il contesto ha reso ormai imprescindibile e improcrastinabile investire con determinazione sulle 22  professioni sanitarie, in termini sia di competenze che di autonomia e responsabilità, al fine di favorire il  raggiungimento degli obiettivi che il sistema deve garantire. 

LEGGI DELIBERA GIUNTA EMILIA ROMAGNA

In ambito sanitario è aumentata la complessità dei bisogni di salute, delle patologie, delle attività di  prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, delle tecnologie e dei processi. Anche sfruttando le opportunità  che ci offre il PNRR, è necessario che tale complessità sia gestita attraverso modelli organizzativi sempre più  partecipati, sin dal livello apicale, al fine di consentire la loro miglior funzionalità, quindi la garanzia della  miglior sicurezza e qualità delle prestazioni professionali erogate. 

La natura dinamica e in progressiva evoluzione delle competenze -intesa come costante adattamento in  funzione del contesto e dell’obiettivo da raggiungere- rende indispensabile il sostegno da parte di un  meccanismo organizzativo istituzionalizzato con ampia e diretta partecipazione delle 22 professioni sanitarie,  come può essere il Direttore assistenziale, in grado di meglio tradurre le nostre competenze, espresse e  potenziali, a favore, da una parte, delle esigenze di salute della popolazione e, dall’altra, di quelle delle altre  professioni, a partire da quella medica. 

Pertanto, la Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni  sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione auspica una rapida conclusione dell’iter legislativo  regionale, affinché il modello riformista dell’Emilia-Romagna possa essere poi proposto quale buona pratica  da replicarsi a livello nazionale. 

Articoli correlati
Professioni sanitarie, Consulcesi: «Dopo caos domande medicina vigiliamo su test di ammissione»
In attesa del test di ammissione alle facoltà per le professioni sanitarie, in programma oggi in tutta Italia, Tortorella e il team di avvocati Consulcesi ritengono che ci siano, anche quest’anno, tutti i margini per un ricorso collettivo ed una vittoria schiacciante per accedere alla facoltà di medicina
Decreto Green Pass, Bologna (Coraggio Italia): «Aprire tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per evitare tensioni»
«Ho chiesto al sottosegretario Costa come rappresentante del Ministero della Salute e del Governo l’apertura di un tavolo ministeriale di confronto tra le professioni sanitarie per trovarci preparati e coordinati alla sfida dei progetti del PNRR che guardano ad una Sanità con processi multidisciplinari e coordinati. Dobbiamo evitare tensioni tra professionisti del settore Sanitario che […]
Presentato ddl per far rientrare gli odontotecnici tra i professionisti sanitari
Marin (ANTLO): «Speriamo in un giusto riconoscimento utile anche contro l’abusivismo nella professione». Pollice verso dal CAO: «L’attività dell’odontotecnico resta un atto ausiliario»
Assistenti sociali, l’allarme del CNOAS: «Età media in sanità è più di 50 anni, serve ricambio generazionale. Sfruttare PNRR»
Il Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Assistenti Sociali festeggia l’ingresso nel ruolo sociosanitario della professione. La responsabile Sanità Mirella Silvani: «Ora declinare bene quali sono le funzioni, le attività, le competenze di chi entra a far parte di questo ruolo»
FNO TSRM PSTRP, avviata interlocuzione con Ministero del Lavoro per una Cassa previdenziale
In previsione del prossimo incontro con il Ministero la FNO TSRM PSTRP lavorerà per predisporre un piano di sostenibilità economica attuariale e per definire l’iter tecnico, come previsto dalla norma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 settembre, sono 226.391.916 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.659.920 i decessi. Ad oggi, oltre 5,78 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Covid-19, che fare se...?

Chi ha diritto alla certificazione di esenzione dal vaccino anti Covid-19?

Il vademecum della SIMG, in collaborazione con ministero della Salute e Istituto Superiore di Sanità, sui casi particolari in cui la vaccinazione contro il Covid-19 è controindicata o ri...