Voci della Sanità 4 Agosto 2021 10:14

Emilia Romagna, FNO TSRM PSTRP: «Bene iter legge sulla figura del Direttore assistenziale»

«La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario», sottolinea la FNO TSRM PSTRP

Il progetto di legge recante “Modifica all’art. 3, comma 5, della legge regionale 23  dicembre 2004, n. 29 (Organizzazione e finanziamento delle aziende sanitarie)” recentemente deliberato,  all’unanimità, dalla Giunta regionale dell’Emilia-Romagna con cui si prevede la figura del Direttore  assistenziale quale figura contendibile da parte delle 22 professioni sanitarie è indicativo di una evoluzione  professionale e organizzativa che va nella giusta direzione. 

La scelta di inserire tale figura all’interno della Direzione aziendale rappresenta una grande opportunità a  favore della necessaria riorganizzazione del servizio sanitario. Stiamo assistendo ad una significativa  evoluzione delle componenti organizzativo-assistenziali, soprattutto a seguito di quanto del sistema  precedente si è manifestato indiscutibilmente inadeguato di fronte alla continua e crescete evoluzione  scientifica, professionale e tecnologica e, più recentemente, alla pandemia. 

Il contesto ha reso ormai imprescindibile e improcrastinabile investire con determinazione sulle 22  professioni sanitarie, in termini sia di competenze che di autonomia e responsabilità, al fine di favorire il  raggiungimento degli obiettivi che il sistema deve garantire. 

LEGGI DELIBERA GIUNTA EMILIA ROMAGNA

In ambito sanitario è aumentata la complessità dei bisogni di salute, delle patologie, delle attività di  prevenzione, diagnosi, cura e riabilitazione, delle tecnologie e dei processi. Anche sfruttando le opportunità  che ci offre il PNRR, è necessario che tale complessità sia gestita attraverso modelli organizzativi sempre più  partecipati, sin dal livello apicale, al fine di consentire la loro miglior funzionalità, quindi la garanzia della  miglior sicurezza e qualità delle prestazioni professionali erogate. 

La natura dinamica e in progressiva evoluzione delle competenze -intesa come costante adattamento in  funzione del contesto e dell’obiettivo da raggiungere- rende indispensabile il sostegno da parte di un  meccanismo organizzativo istituzionalizzato con ampia e diretta partecipazione delle 22 professioni sanitarie,  come può essere il Direttore assistenziale, in grado di meglio tradurre le nostre competenze, espresse e  potenziali, a favore, da una parte, delle esigenze di salute della popolazione e, dall’altra, di quelle delle altre  professioni, a partire da quella medica. 

Pertanto, la Federazione nazionale degli Ordini dei Tecnici sanitari di radiologia medica e delle professioni  sanitarie tecniche, della riabilitazione e della prevenzione auspica una rapida conclusione dell’iter legislativo  regionale, affinché il modello riformista dell’Emilia-Romagna possa essere poi proposto quale buona pratica  da replicarsi a livello nazionale. 

Articoli correlati
Una cattiva igiene orale mette a rischio la salute cognitiva
Un nuovo studio ha individuato la correlazione tra cattiva salute orale e decadimento cognitivo, Cittone (igienista dentale): «La presenza di periodontite conclamata, perdita di uno o più denti, tasche gengivali profonde e perdita di osso alveolare si sono rivelati associati ad una peggiore salute cognitiva, con un rischio 1,5 volte superiore rispetto a coloro che godono di una buona salute orale».
Calandra (TSRM PSTRP): «Il nuovo Ministro continui ad ascoltare le professioni»
La Presidente della Federazione multialbo delle professioni sanitarie sottolinea: «Il DM77 è un punto di partenza, ma ci aspettiamo che le nostre professioni siano chiamate in varietà e numero sufficiente a garantire tutti i servizi che è possibile erogare sul territorio». Poi annuncia l’istituzione di un tavolo paritetico con la FNOMCeO su libera professione e sanità territoriale
di Francesco Torre
IV Giornata nazionale della sicurezza delle cure, tre lectio magistralis nel webinar della FNO TSRM PSTRP celebra
La giornata è stata ufficialmente istituita nel nostro Paese con direttiva del Presidente del Consiglio dei ministri del 4 aprile 2019. All'evento interverranno alcuni tra i massimi esperti mondiali di sicurezza delle cure e della persona assistita: Renè Amalberti, Peter Lachman e Jeffrey Braithwaite
Professioni sanitarie: chi si aggiudicherà gli oltre 30 mila posti disponibili?
Le possibilità di accesso, rispetto allo scorso anno, sono aumentate del 7,4%, per un totale di 32.884. In vetta alla classifica, con il maggior numero di posti disponibili, c’è l’infermieristica che potrà accogliere 19.375 aspiranti infermieri. A Sanità Informazione i sogni nel cassetto e il parere degli studenti su difficoltà dei test e numero chiuso
Terapisti delle neuro e psicomotricità dell’età evolutiva: più di 8 su 10 trovano lavoro subito dopo la laurea
Bonifacio (CDN): «Se è vero che chi si laurea in questo ambito trova facilmente un impiego è altrettanto vero che questo nella maggior parte dei casi non è né stabile, né rispondente alle aspettative del professionista sanitario. Si tratta di contratti a tempo determinato o collaborazioni libero professionali in ambito privato. Nel SSN c’è solo un terpista ogni 165 mila pazienti»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi