Voci della Sanità 24 Settembre 2019 15:23

Donazione organi, Provenza (M5S): «Tenere riflettori accesi sul tema. Vigileremo su attuazione decreto ministeriale»

Il deputato Cinque Stelle ha partecipato alla presentazione del libro “Cuore segreto” di Luca Vargiu, dedicato al tema dei trapianti. «Troppo tempo è stato perso: è ora che nel nostro Paese si raggiunga questo importante traguardo, anche culturale» sottolinea l’esponente M5S

«Donare gli organi è innanzitutto un gesto d’amore per la vita, ma è anche un grande atto di civiltà, grazie al quale si possono salvare tante vite umane e si accorcia l’attesa, che spesso può durare anche anni, delle persone che necessitano di un trapianto». Queste le parole di Nicola Provenza, medico e deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali, che oggi ha partecipato alla presentazione del libro “Cuore segreto” di Luca Vargiu (Mazzanti Libri).

La legge sulla donazione di organi, la 91 del 1999, da tempo disapplicata, è ora entrata in una nuova fase: questa estate l’allora ministro Giulia Grillo ha firmato il decreto ministeriale per l’attuazione delle norme sul silenzio-assenso per la donazione.

LEGGI ANCHE: DONAZIONE ORGANI, FIRMATO IL REGOLAMENTO SUL SISTEMA INFORMATIVO TRAPIANTI (SIT). GRILLO: «ERA ATTESO DA VENT’ANNI»

«Da tempo sono impegnato in prima persona in questa causa, a cui ho contribuito svolgendo un’interpellanza parlamentare nel giugno scorso. Sono quindi felice che l’iter normativo si sia sbloccato: l’ex ministro Giulia Grillo non ha fatto attendere una sua risposta firmando poco tempo dopo il decreto SIT (Sistema Informativo Trapianti). Ora l’impegno deve proseguire», prosegue Provenza, «per fare in modo che i riflettori non vengano spenti e che si attui nel concreto quanto previsto nel decreto ministeriale. Troppo tempo è stato perso: è ora che nel nostro Paese si raggiunga questo importante traguardo, anche culturale».

«Ho deciso di trattare il tema della donazione degli organi nel mio romanzo – spiega Luca Vargiu, autore di “Cuore segreto” – perché mi sono accorto che sull’argomento c’è molto da spiegare, per far comprendere che donare qualcosa di sé nell’ultimo atto della vita è un gesto meraviglioso e che diventare donatori è una scelta che dà speranza alle persone in attesa di trapianto. Purtroppo c’è ancora un problema culturale che fa pensare che la questione non ci riguardi mai, che sia un problema di altri, mentre in realtà tutti potremmo averne bisogno».

Articoli correlati
Rete Registro Tumori, M5S a Speranza: «Subito decreto attuativo per istituzione referto epidemiologico»
La capogruppo del Movimento 5 Stelle in Commissione Igiene e Sanità del Senato, Elisa Pirro, chiede inoltre quale sede fisica si intenda individuare per ospitare il registro tumori nazionale
Vaccini Covid, Provenza (M5S): «Programmazione attenta per immunizzare i più giovani»
«Ho sollecitato il ministro ad assicurare azioni adeguate ed efficaci anche per la fascia di età 12-15 anni», ha spiegato l'onorevole Nicola Provenza intervenuto nel corso di un Question time
Sanità in Calabria, Misiti (M5S): «Carenza personale sanitario aggrava situazione già difficile. Basta spettacolarizzazione dei media»
Misiti contesta la narrazione dei media che spesso parlano «di una sanità calabrese che non ha nulla da offrire, al pari di un territorio sottosviluppato». Secondo il deputato e medico M5S «non si può di certo negare che l’attrattiva per i giovani professionisti, medici, infermieri e oss sia pressoché nulla» e dunque bisogna «cambiare paradigma»
Vaccini Covid, Guidolin (M5S): «Regolamentare vaccinazione in ambito sanitario per tutelare più fragili»
«Dopo la decisione del tribunale di Belluno di rigettare il ricorso di dieci operatori socio-sanitari dipendenti di due Rsa, sospesi dal lavoro per aver rifiutato di aderire alla campagna vaccinale Covid-19, da operatrice socio sanitaria, temporaneamente prestata alla politica, mi sento di lanciare un appello ai colleghi. Quest’anno di pandemia ci ha messo tutti a […]
Covid-19, la denuncia di Tuzi: «Nel Lazio 4112 docenti tra 65 e 67 anni rischiano di rimanere senza vaccino»
«Il mio appello è rivolto alla Regione Lazio che non può ignorare il personale e i docenti scolastici e universitari over 65 lasciandoli senza tutele», sottolinea il deputato Manuel Tuzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 giugno, sono 175.965.522 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.804.217 i decessi. Ad oggi, oltre 2.34 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Cause

Primario imputato per associazione a delinquere insieme ad un centinaio di colleghi: assolto 7 anni dopo. La sua storia

Giornali e tv, locali e nazionali, diedero la notizia dell’indagine con tanto di nomi e cognomi. «All’assoluzione, invece, al massimo un trafiletto». Quando il mostro sbattuto ...