Voci della Sanità 24 Settembre 2019 15:23

Donazione organi, Provenza (M5S): «Tenere riflettori accesi sul tema. Vigileremo su attuazione decreto ministeriale»

Il deputato Cinque Stelle ha partecipato alla presentazione del libro “Cuore segreto” di Luca Vargiu, dedicato al tema dei trapianti. «Troppo tempo è stato perso: è ora che nel nostro Paese si raggiunga questo importante traguardo, anche culturale» sottolinea l’esponente M5S

«Donare gli organi è innanzitutto un gesto d’amore per la vita, ma è anche un grande atto di civiltà, grazie al quale si possono salvare tante vite umane e si accorcia l’attesa, che spesso può durare anche anni, delle persone che necessitano di un trapianto». Queste le parole di Nicola Provenza, medico e deputato del MoVimento 5 Stelle in commissione Affari sociali, che oggi ha partecipato alla presentazione del libro “Cuore segreto” di Luca Vargiu (Mazzanti Libri).

La legge sulla donazione di organi, la 91 del 1999, da tempo disapplicata, è ora entrata in una nuova fase: questa estate l’allora ministro Giulia Grillo ha firmato il decreto ministeriale per l’attuazione delle norme sul silenzio-assenso per la donazione.

LEGGI ANCHE: DONAZIONE ORGANI, FIRMATO IL REGOLAMENTO SUL SISTEMA INFORMATIVO TRAPIANTI (SIT). GRILLO: «ERA ATTESO DA VENT’ANNI»

«Da tempo sono impegnato in prima persona in questa causa, a cui ho contribuito svolgendo un’interpellanza parlamentare nel giugno scorso. Sono quindi felice che l’iter normativo si sia sbloccato: l’ex ministro Giulia Grillo non ha fatto attendere una sua risposta firmando poco tempo dopo il decreto SIT (Sistema Informativo Trapianti). Ora l’impegno deve proseguire», prosegue Provenza, «per fare in modo che i riflettori non vengano spenti e che si attui nel concreto quanto previsto nel decreto ministeriale. Troppo tempo è stato perso: è ora che nel nostro Paese si raggiunga questo importante traguardo, anche culturale».

«Ho deciso di trattare il tema della donazione degli organi nel mio romanzo – spiega Luca Vargiu, autore di “Cuore segreto” – perché mi sono accorto che sull’argomento c’è molto da spiegare, per far comprendere che donare qualcosa di sé nell’ultimo atto della vita è un gesto meraviglioso e che diventare donatori è una scelta che dà speranza alle persone in attesa di trapianto. Purtroppo c’è ancora un problema culturale che fa pensare che la questione non ci riguardi mai, che sia un problema di altri, mentre in realtà tutti potremmo averne bisogno».

Articoli correlati
Sanità, D’Arrando (M5S): «Assistenti sanitari cruciali per prevenzione ma mancano corsi di laurea»
«Vi sono ancora alcune regioni in cui non vengono avviati i corsi di laurea triennale costringendo, quindi, coloro che vogliono intraprendere questo percorso a spostarsi in altre regioni» spiega la deputata M5S
Long Covid, Lorefice (M5S): «Ok a Odg per estendere visite specialistiche gratuite a malati curati a domicilio»
«Ho chiesto con il mio Odg di estendere per i due anni successivi al contagio i controlli periodici: il Servizio sanitario nazionale non deve lasciare indietro nessuno», sottolinea la Presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice
Lavoratori malati oncologi, calendarizzata in Commissione Lavoro proposta per estendere diritti
«Mai come in questo momento dobbiamo proteggere i più fragili. Per questo, sono molto soddisfatta per la calendarizzazione, in commissione Lavoro alla Camera, della proposta di legge a mia prima firma che mira a modificare la disciplina relativa ai diritti dei lavoratori affetti da patologie oncologiche o da altre gravi malattie temporaneamente invalidanti». Lo afferma […]
Lauree abilitanti, Tuzi (M5S): «Dopo Medicina ora via libera anche per le altre professioni sanitarie»
«In questo modo andiamo a semplificare e a velocizzare il percorso universitario senza far venir meno l’accertamento dell’effettiva preparazione del candidato» spiega il relatore del provvedimento Manuel Tuzi
SOS giovani, al Convegno M5S anche pediatri e psicologi: «Con pandemia disturbi del neurosviluppo e dell’umore»
«Dobbiamo fare una cosa importante per i nostri ragazzi: vederli, ascoltarli, coinvolgerli. Durante questa pandemia hanno sofferto molto, è aumentata la dispersione scolastica, le patologie dei più giovani» ha spiegato il sottosegretario all'Istruzione Barbara Floridia tra i protagonisti dell'evento "Sos giovani. Prevenire è meglio che curare"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 settembre, sono 227.070.462 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.670.479 i decessi. Ad oggi, oltre 5,81 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Aumentano i contagi tra i sanitari: 600% in più in un mese, l’84% sono infermieri

La presidente FNOPI Mangiacavalli interpreta i dati dell'ISS. Anche nel Regno Unito gli studi confermano che la protezione dall'infezione si riduce dopo 5 mesi dalla seconda dose per Pfizer e AstraZen...
Salute

Pericarditi e miocarditi dopo il vaccino, Perrone Filardi (SIC): «Casi rari e mai gravi»

Dopo i casi della pallavolista Marcon e del calciatore Obiang colpiti da pericardite e miocardite, la parola al professor Pasquale Perrone Filardi, presidente eletto della Società Italiana di C...
di Federica Bosco