Voci della Sanità 14 Maggio 2020

Dl Rilancio, Rostan (Iv): «Basta giocare in difesa: ora piano shock per cantieri e sanità»

La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali promuove i fondi stanziati per la sanità ma ora auspica una strategia di rilancio: «Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo»

«Senza un piano shock per i cantieri e per consolidare il Servizio sanitario nazionale le misure del ‘Decreto rilancio’ rischiano di avere il fiato corto. L’Italia può ripartire in piena sicurezza riattivando migliaia di cantieri e opere strategiche che possono dare una risposta concreta in termini occupazionali e di rilancio dell’economia reale. Al tempo stesso non dobbiamo dimenticare che l’ondata del Covid19 che si è battuta sul nostro sistema sanitario nazionale è stata fronteggiata con straordinario impegno, sacrificio e professionalità da parte degli operatori sanitari, ma adesso bisogna consolidare i risultati ottenuti e intervenire laddove si sono registrate difficoltà. Bene i 3 miliardi messi in campo dal governo ma serve un ulteriore sforzo per colmare i vuoti in organico registrati in diverse regioni, per ridurre le inaccettabili iniquità emerse sul piano tecnologico e logistico e per realizzare un ‘big data’ sanitario che sia in grado di mettere in rete tutti i protagonisti della sanità pubblica e privata per essere pronti ad affrontare nuove emergenze e per offrire un sistema ancora più efficiente agli italiani». Lo ha dichiarato Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«Sono tanti i risultati positivi ottenuti grazie all’impegno della rappresentanza governativa di Italia Viva. Dalla regolarizzazione di braccianti e badanti, un vero colpo alle mafie e al caporalato, alle misure per la famiglia con l’estensione dei congedi parentali, i fondi per i centri estivi e il raddoppio del bonus babysitter. Ma per quanto riguarda la sanità non è più sufficiente giocare in difesa – ha proseguito Rostan – e bisogna passare a una strategia di rilancio che consenta di fare un ulteriore salto di qualità. Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo. E parlo non solo del settore medico, ma anche di quello farmaceutico e ingegneristico. L’emergenza ci ha dimostrato che si può fare. Facciamo sì che possa essere una prassi da oggi in poi».

Articoli correlati
Spesa sanitaria, Rostan (IV): «Aumenta divario Nord-Sud, sì a nuovi criteri di riparto»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «l’emergenza Covid ci ha mostrato l’importanza di avere omogeneità nella distribuzione delle risorse e nella gestione delle singole regioni. Il governo deve lavorare in questo senso per colmare differenze che non sono in alcun modo tollerabili»
Dal Bonus Covid all’infermiere di famiglia, il Dl Rilancio è legge: tutte le novità in sanità
L’Aula del Senato ha dato il via libera del decreto che prevede misure importanti per la sanità: aumentano le borse di studio per i medici specializzandi, vengono potenziate le USCA, possibilità di assumere psicologi e assistenti sociali, fondo di solidarietà esteso a tutte le professioni sanitarie
Università, Rostan (Iv): «Bene Lauree abilitanti in Medicina, primo passo per colmare carenze organico»
«Ora servono nuove risorse per le borse di studio, per la medicina territoriale e per la telemedicina» sottolinea Michela Rostan, Vice presidente Commissione Affari Sociali
Fisici medici, Stasi (AIFM): «Bene Dl Rilancio ma vera parità solo con contratti anche per gli specializzandi non medici»
Nel Dl Rilancio estesa la possibilità di accedere ai concorsi per la dirigenza sanitaria a partire dal penultimo anno di specializzazione anche per gli specializzandi non medici. Sulla carenza di personale il presidente Stasi: «Ci mancano circa 280-300 fisici medici, cioè il 27-30%»
Dl Rilancio, Bologna (Misto): «Avviato percorso per uscire da crisi con SSN più efficiente»
«È stato approvato anche un mio ordine del giorno con cui si impegna il governo a valutare l’opportunità di formulare linee di indirizzo sui requisiti strutturali, sul sistema di finanziamento e sull’offerta di servizi delle Rsa» sottolinea Fabiola Bologna del Gruppo Misto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Lavoro

SIMG, appello ai Ministri Azzolina e Speranza: «Utilizziamo i medici in pensione nelle scuole»

«Una eccezionale risorsa professionale totalmente inutilizzata, professionisti esperti e perfettamente formati con esperienza ultratrentennale, ben aggiornati e spesso in prima linea su Covid-19», s...