Voci della Sanità 14 Maggio 2020 17:00

Dl Rilancio, Rostan (Iv): «Basta giocare in difesa: ora piano shock per cantieri e sanità»

La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali promuove i fondi stanziati per la sanità ma ora auspica una strategia di rilancio: «Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo»

«Senza un piano shock per i cantieri e per consolidare il Servizio sanitario nazionale le misure del ‘Decreto rilancio’ rischiano di avere il fiato corto. L’Italia può ripartire in piena sicurezza riattivando migliaia di cantieri e opere strategiche che possono dare una risposta concreta in termini occupazionali e di rilancio dell’economia reale. Al tempo stesso non dobbiamo dimenticare che l’ondata del Covid19 che si è battuta sul nostro sistema sanitario nazionale è stata fronteggiata con straordinario impegno, sacrificio e professionalità da parte degli operatori sanitari, ma adesso bisogna consolidare i risultati ottenuti e intervenire laddove si sono registrate difficoltà. Bene i 3 miliardi messi in campo dal governo ma serve un ulteriore sforzo per colmare i vuoti in organico registrati in diverse regioni, per ridurre le inaccettabili iniquità emerse sul piano tecnologico e logistico e per realizzare un ‘big data’ sanitario che sia in grado di mettere in rete tutti i protagonisti della sanità pubblica e privata per essere pronti ad affrontare nuove emergenze e per offrire un sistema ancora più efficiente agli italiani». Lo ha dichiarato Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«Sono tanti i risultati positivi ottenuti grazie all’impegno della rappresentanza governativa di Italia Viva. Dalla regolarizzazione di braccianti e badanti, un vero colpo alle mafie e al caporalato, alle misure per la famiglia con l’estensione dei congedi parentali, i fondi per i centri estivi e il raddoppio del bonus babysitter. Ma per quanto riguarda la sanità non è più sufficiente giocare in difesa – ha proseguito Rostan – e bisogna passare a una strategia di rilancio che consenta di fare un ulteriore salto di qualità. Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo. E parlo non solo del settore medico, ma anche di quello farmaceutico e ingegneristico. L’emergenza ci ha dimostrato che si può fare. Facciamo sì che possa essere una prassi da oggi in poi».

Articoli correlati
Sanità, ambiente e territorio: nasce l’Associazione Terra e Vita, trait d’union tra cittadinanza e istituzioni
I fondatori Cappiello e Rostan: «Mettiamo a sistema idee e competenze in un’ottica di salute globale»
Italia Viva lancia il Piano Sanità 2030, Parente: «PNRR non basta, servono 30 miliardi per riformare SSN. Al primo punto la ricerca»
Il partito dell’ex premier Matteo Renzi ha lanciato una campagna di ascolto con operatori sanitari e associazioni e poi sottoporrà il piano alle altre forze politiche. E rilancia la Commissione d’inchiesta sulla gestione della pandemia. La presidente della Commissione Sanità: «Il medico di famiglia deve essere come un ‘primario del territorio’»
Vaccini Covid, Italia senza dosi. Rostan (Misto): «Priorità ai fragili poi categorie economiche»
«L’ipotesi delle isole Covid free è un buon punto di partenza, a patto che si allarghi immediatamente a tutti gli altri siti turistici di pregio del nostro Paese», spiega la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Salute, Rostan (Misto): «Subito screening su Epatite C, perso un anno»
«È necessario dare attuazione al Decreto legge 162 del 2019 partendo dalle categorie più a rischio che rappresentano un serbatoio di diffusione del virus come i consumatori di sostanze stupefacenti», sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali
Malattie rare, Rostan (Misto): «Bene approvazione Aifa rimborsabilità terapia genica Sma»
«L’approvazione da parte dell’Aifa della rimborsabilità della terapia genica mediante il farmaco Zolgensma per tutti i bambini fino a 13,5 kg di peso, vale a dire circa fino a tre anni di età, è una notizia importante che restituisce speranza a tante famiglie che combattono contro la Sma di tipo 1, quella più aggressiva, che […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 maggio, sono 163.082.347 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.379.501 i decessi. Ad oggi, oltre 1,46 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...