Voci della Sanità 14 Maggio 2020 17:00

Dl Rilancio, Rostan (Iv): «Basta giocare in difesa: ora piano shock per cantieri e sanità»

La Vice Presidente della Commissione Affari Sociali promuove i fondi stanziati per la sanità ma ora auspica una strategia di rilancio: «Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo»

«Senza un piano shock per i cantieri e per consolidare il Servizio sanitario nazionale le misure del ‘Decreto rilancio’ rischiano di avere il fiato corto. L’Italia può ripartire in piena sicurezza riattivando migliaia di cantieri e opere strategiche che possono dare una risposta concreta in termini occupazionali e di rilancio dell’economia reale. Al tempo stesso non dobbiamo dimenticare che l’ondata del Covid19 che si è battuta sul nostro sistema sanitario nazionale è stata fronteggiata con straordinario impegno, sacrificio e professionalità da parte degli operatori sanitari, ma adesso bisogna consolidare i risultati ottenuti e intervenire laddove si sono registrate difficoltà. Bene i 3 miliardi messi in campo dal governo ma serve un ulteriore sforzo per colmare i vuoti in organico registrati in diverse regioni, per ridurre le inaccettabili iniquità emerse sul piano tecnologico e logistico e per realizzare un ‘big data’ sanitario che sia in grado di mettere in rete tutti i protagonisti della sanità pubblica e privata per essere pronti ad affrontare nuove emergenze e per offrire un sistema ancora più efficiente agli italiani». Lo ha dichiarato Michela Rostan, vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera.

«Sono tanti i risultati positivi ottenuti grazie all’impegno della rappresentanza governativa di Italia Viva. Dalla regolarizzazione di braccianti e badanti, un vero colpo alle mafie e al caporalato, alle misure per la famiglia con l’estensione dei congedi parentali, i fondi per i centri estivi e il raddoppio del bonus babysitter. Ma per quanto riguarda la sanità non è più sufficiente giocare in difesa – ha proseguito Rostan – e bisogna passare a una strategia di rilancio che consenta di fare un ulteriore salto di qualità. Serve un programma serio di investimenti sulla ricerca, a sostegno della medicina del territorio oltre alla realizzazione di una rete che renda più facile il dialogo tra le numerose eccellenze di cui disponiamo. E parlo non solo del settore medico, ma anche di quello farmaceutico e ingegneristico. L’emergenza ci ha dimostrato che si può fare. Facciamo sì che possa essere una prassi da oggi in poi».

Articoli correlati
Sanità, interrogazione di Rostan (IV): «Ampliare farmaci salvavita per bambini affetti da SMA»
La deputata di Italia Viva chiede di adottare tutte le misure possibili per consentire un più ampio accesso alla terapia: «In Italia 200 bimbi colpiti, si segnalano diversi casi in cui a questi piccolissimi pazienti è stato negato l’accesso gratuito al farmaco salvavita»
Covid-19, Rostan (Iv): «Vincere diffidenze e disinformazione su vaccino. Fondamentale apporto medicina territoriale»
«Chiedo alla Polizia Postale di porre la massima attenzione nei confronti di chi, attraverso il web, diffonderà informazioni false e fuorvianti mettendo a rischio la sanità pubblica» sostiene Michele Rostan, Vice Presidente della Commissione Affari sociali della Camera
Recovery plan, Rostan (IV): «SSN è allo stremo, nove miliardi per la sanità sono insufficienti»
«Dopo l’annuncio di un piano da 68 miliardi adesso si pensa di risolvere i problemi con soli nove. È inaccettabile. Non è così che usciremo dalla più grave crisi sanitaria dal dopoguerra ad oggi» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera
Covid-19, Rostan (IV): «Emergenza bombole evitabile con utilizzo big data sanitari. Governo incentivi produzione»
«Mi associo all’appello di Federfarma a tutti coloro che detengono bombole per l’ossigeno inutilizzate a restituirle, per consentire a chi ne ha davvero bisogno di poterne disporre» sottolinea la vicepresidente della Commissione Affari Sociali Michela Rostan
Covid-19, Rostan (IV): «Misure straordinarie per Covid hotel in Campania»
Secondo la vicepresidente della Commissione Affari sociali della Camera «servono programmazioni che consentano di riconvertire le strutture rendendole funzionali ad accogliere i pazienti Covid in piena sicurezza per il personale e per gli ospiti stessi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 21 gennaio, sono 96.868.849 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.074.886 i decessi. Ad oggi, oltre 46,89 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...