Voci della Sanità 14 Maggio 2020

Dl Rilancio, Nocerino (M5S): «150 mln per fondi dedicati a disabili»

«Il decreto prevede un aumento di 90 milioni di euro della dotazione del Fondo per le non autosufficienze; di 20 mln per il Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, e di 40 mln per il Fondo di sostegno alle strutture semiresidenziali» sottolinea la senatrice Cinque Stelle

«Il decreto Rilancio interviene in diversi ambiti, in modo trasversale, con l’obiettivo di assicurare tutele adeguate a famiglie e lavoratori, salvaguardare e sostenere le imprese, gli artigiani e i liberi professionisti, e potenziare istituti di protezione e coesione sociale, con particolare riguardo alle fasce più fragili della popolazione come disabili e persone non autosufficienti. È in questo quadro che si inserisce lo stanziamento complessivo di circa 150 milioni di euro, ripartito in 3 fondi dedicati all’assistenza delle persone con disabilità, in aggiunta alle risorse già previste nella legge di Bilancio 2020, approvata a dicembre scorso». Lo afferma la senatrice del M5S Simona Nocerino, componente della commissione Lavoro di palazzo Madama.

«In particolare – osserva la senatrice – il decreto prevede un aumento di 90 milioni di euro della dotazione del Fondo per le non autosufficienze; di 20 mln per il Fondo per l’assistenza alle persone con disabilità grave, prive di sostegno familiare, e di 40 mln per il Fondo di sostegno alle strutture semiresidenziali per persone con disabilità».

«In questo modo – prosegue – rendiamo più efficaci le attività e i servizi di cura e assistenza alla persona. A queste misure affianchiamo anche il Reddito di emergenza, al quale potranno accedere per due mesi i nuclei familiari con disabili o persone non autosufficienti e ricevere un’indennità di 840 euro. Parliamo di un pacchetto di interventi poderoso che consente a una platea ampia di cittadini di ottenere un aiuto economico serio ed efficace da parte dello Stato», conclude l’esponente del M5S.

Articoli correlati
«Rivedere convenzione MMG e far scegliere ai medici tra libera professione e dipendenza da SSN»
La proposta di Rosa Menga (M5S), che interviene anche sulla questione degli indennizzi Covid per i medici di Medicina Generale: «Bisogna intervenire sulle compagnie assicurative»
Inps, presentato Osservatorio per la disabilità psichiatrica e psicosociale
Lo scopo è valutare e monitorare l’impatto che tali patologie generano sul “sistema Paese” e coinvolgere Centri di ricerca universitari, Istituzioni del settore sanitario e sociale e i principali stakeholder nazionali
Giovani professionisti esclusi da Dl Rilancio, l’8 luglio in piazza anche gli Assistenti Sociali
La protesta in piazza Montecitorio mercoledì 8 luglio, ore 15: chiedono di non essere discriminati nel riconoscimento di misure di sostegno economico alle imprese in difficoltà
Decreto Rilancio, FNOPO: «Buon inizio, ma occorre fare di più»
«Gli emendamenti al Decreto Rilancio, approvati dalla Commissione Bilancio della Camera, rappresentano un buon inizio per sanare le troppe discriminazioni operate dalla politica in era Covid-19 in tutti i provvedimenti finora adottati, e in via di adozione come il Decreto Rilancio, a danno della categoria Ostetrica, al pari di altre professioni sanitarie e sociosanitarie», commentano […]
Bonus Covid, fondi per borse di specializzazione e stabilizzazione precari: tutte le novità in sanità del Dl Rilancio
In Commissione Bilancio alla Camera approvato il bonus di 2mila euro per gli operatori sanitari impegnati nell’emergenza Covid. Tra le novità anche la possibilità di assumere psicologi nelle Usca e la creazione della Scuola di specializzazione in 'Medicina e cure palliative'
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 9 luglio, sono 12.051.561 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 549.735 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 8 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Lavoro

Riforma sistema 118, le posizioni (opposte) di medici dell’Emergenza e SIS 118

Presentato al Senato il Ddl di riforma del 118: prevede organici propri e un sistema dipartimentale. Ma è scontro tra Balzanelli (SIS 118) e Manca (Simeu)