Voci della Sanità 15 Maggio 2020

Dl Rilancio, Beux (TSRM e PSTRP): «Bene fondi per sanità. Per potenziare territorio serve piano organico»

«Apprezziamo il tentativo di dare risposte alle esigenze di tutti e auspichiamo che possa tradursi rapidamente in un concreto supporto al Paese» sottolinea il Presidente del Maxi Ordine delle Professioni sanitarie Alessandro Beux

«Del decreto legge Rilancio apprezziamo il tentativo di dare risposte alle esigenze di tutti e auspichiamo che possa tradursi rapidamente in un concreto supporto al Paese». Ad affermarlo Alessandro Beux, Presidente Federazione Nazionale TSRM PSTRP. 

«Nello specifico – continua Beux –  il nostro plauso va al Ministro e al Governo per lo stanziamento di 3,2 miliardi per la sanità. Una cifra rilevante, soprattutto se la si pensa in relazione a quelle con le quali negli ultimi anni si è finanziato il sistema sanitario.  Ora confidiamo che se ne faccia buon uso». 

«Relativamente al potenziamento e alla riorganizzazione della rete assistenziale sul territorio e a domicilio, la cui importanza è finalmente stata riconosciuta da tutti, è indispensabile che avvenga sulla base di un progetto ben strutturato, affinché quel che è stato possibile prevedere in questa situazione di emergenza diventi una preziosa parte stabile del sistema – sottolinea il Presidente del maxi Ordine delle professioni sanitarie -. Per riuscirci, oltre alla volontà politica e alle risorse economiche messe a disposizione dal Ministro e dal Governo, bisogna evitare che gli interventi avvengano sulla base di rappresentazioni parziali o, peggio, di parte. In caso contrario, in breve tempo si dimostrerebbero incompleti, bruciando risorse che sarebbe stato più utile allocare diversamente. Per essere una vera alternativa alla sola gestione ospedaliera, il territorio deve poter garantire l’assistenza nell’accezione più ampia del termine, comprendendo le attività di prevenzione, la diagnostica strumentale e la riabilitazione: sul territorio c’è bisogno di indagini radiologiche e di laboratorio, di riabilitazione fisica e psichica, di supporto nutrizionale, di sorveglianza epidemiologica, di coloro che si occupano delle dipendenze e delle disabilità fisiche e mentali, nonché di chi effettua i controlli nell’ambiente e nei luoghi di lavoro. Per evitare che il potenziamento e la riorganizzazione della sanità territoriale e domiciliare si riducano a uno slogan o all’ennesima occasione persa serve un piano organico, supportato da adeguate assunzioni, sia per numero che per profilo».

«Infine, siamo soddisfatti che con l’art. 12, comma 1, lettera a) si sia posto rimedio all’esclusione della maggior parte delle professioni sanitarie dalle iniziative di solidarietà a favore dei familiari delle vittime da Covid19. La nostra Federazione nazionale è stata la prima a chiedere un intervento dello Stato con questa finalità, proponendo un tavolo di conciliazione, salvo poi essere beffata dalla formulazione dell’art. 22-bis del DL precedente, cosiddetto Cura Italia, che ha di fatto previsto che del fondo potessero beneficiare solo i familiari di medici, infermieri e operatori socio-sanitari. La pronta e determinata denuncia delle FNO, la capacità degli On. Faraone e De Filippo di cogliere ciò che della loro formulazione escludeva la maggior parte delle professioni sanitarie e l’iniziativa riparatrice dell’On. Carnevali, supportata della Relatrice, On. Lorenzin, hanno creato i presupposti necessari a determinare quel che si sarebbe potuto definire da subito se, come continuiamo a suggerire, si fosse parlato di professioni sanitarie o, meglio ancora, di professioni socio-sanitarie. Tutto e bene quel che finisce bene, ma non commettiamo più lo stesso errore!». 

Articoli correlati
Professioni sanitarie in servizio anche dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto
Anche le professioni sanitarie potranno rimanere in servizio dopo la pensione, aggiornato il Dl Agosto con un emendamento. Non oltre il 70esimo anno di età
Il 7 ottobre è la Giornata Nazionale della Psicologia
Mercoledì 7 ottobre dalle ore 9.30, nell’ambito della Giornata Nazionale della Psicologia 2020, presso la Camera di Commercio di Roma – Sala del Tempio di Adriano a Piazza di Pietra, si terrà il convegno su il diritto alla salute psicologica, organizzato dal Consiglio Nazionale dell’Ordine degli Psicologi. Dopo l’introduzione del Presidente del CNOP, David Lazzari, […]
Abusivismo nello sport, Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Avviato percorso di verifica e regolarizzazione professionisti sanitari»
Dopo la lettera al Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora e al Presidente FIGC Gabriele Gravina, arriva l’annuncio di Alessandro Beux che aveva giudicato «inammissibile che le Federazioni sportive possano annoverare, tra gli iscritti agli albi e ai ruoli del proprio Settore tecnico, professionisti sanitari che non risultano anche iscritti agli albi o agli elenchi speciali a esaurimento degli Ordini professionali»
Professioni sanitarie, prima storica votazione per le CdA nazionali. Tutti i risultati
Con la conclusione della procedura le professioni afferenti alla FNO TSRM e PSTRP avranno la loro rappresentanza nazionale. Il Presidente Alessandro Beux: «Per i Tecnici ortopedici, per i quali a causa di alcuni vizi di forma nelle candidature non abbiamo potuto procedere, recupereremo quanto prima»
L’enfant prodige della podologia, a 28 anni Direttrice di Corso di Laurea: «Passione e impegno, ma come donna non è stato facile»
Alive Volpini, giovane podologa di Frascati è anche coordinatrice di due master professionalizzanti a Tor Vergata, un unicum in Italia. «Agli studenti dico che il medico salva la vita del paziente, mentre il professionista sanitario migliora la sua qualità di vita, bisogna avere la capacità di mettersi a disposizione degli altri»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 ottobre, sono 43.018.215 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.153.964 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare