Voci della Sanità 9 Settembre 2020

Demenze, Guidolin (M5S) deposita Ddl per interventi assistenziali al settore: «Obiettivo migliorare qualità della vita dei pazienti»

Il Ddl prevede l’istituzione di un fondo di 15 milioni di euro. Tra gli obiettivi quello di sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto da attivare al ministero della Salute

Punta a istituire un fondo da 15 milioni di euro per interventi per la gestione integrata della demenza, diffondere e sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto, da attivare al ministero della Salute, per il monitoraggio e l’implementazione del Piano Nazionale delle Demenze così da mettere a regime un sistema territoriale di servizi socio-sanitari integrati. È l’obiettivo del disegno di legge “Disposizioni per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel settore delle demenze”, depositato a Palazzo Madama dalla senatrice del MoVimento 5 Stelle Barbara Guidolin.

«Questa proposta di legge – spiega la senatrice – intende migliorare la qualità di vita delle persone affette da demenza, una patologia invalidante sempre più diffusa in Italia, dove i cittadini ultrasessantenni sono 13,4 milioni ma anche delle famiglie dei malati».
«L’Alzheimer, la demenza a corpi di Lewy, il morbo di Parkinson, sono alcune tipologie di demenza con caratteristiche cliniche specifiche, che richiedono particolari interventi diagnostici, terapeutici e riabilitativi. Il decorso della patologia compromette nel tempo l’autosufficienza degli individui, determinando una progressiva perdita delle capacità cognitive delle persone, importanti disturbi dell’attenzione, della personalità, di ragionamento, di linguaggio, di orientamento, e dell’apparato motorio, condannando chi ne è affetto a dipendere dalla attività di cura e assistenza di terze persone».
«Per questo intervenire attraverso l’implementazione del Piano Nazionale delle Demenze e definire un sistema territoriale di servizi socio-sanitari integrati a misura di malato, anche in previsione di una progressiva diffusione della patologia, che è collegata all’invecchiamento della popolazione, è certamente la strada maestra per assicurare tutele e ridisegnare una sanità a misura di malato». 
Articoli correlati
Riforma RSA, M5S: «Perplessità su nomina Mons. Paglia. Ora coinvolgere medici di famiglia e assistenti sociali»
«Non è in discussione l’elevato profilo morale e culturale del Mons. Paglia» sottolineano i deputati pentastellati della Commissione Affari Sociali che però ribadiscono: «Il Servizio sanitario nazionale è e deve rimanere laico e pubblico»
Screening neonatale, Volpi (M5S): «Via al decreto che istituisce tavolo per aggiornare lista delle patologie»
«La revisione periodica della lista delle malattie da testare sarà preziosa per la salute dei nostri bambini, cui potremo così garantire un numero sempre maggiore di cure», dichiara la deputata M5S Leda Volpi
Giornata mondiale dell’Alzheimer: con giusta prevenzione casi di demenza giù del 35%
Il 21 settembre si celebra in tutto il mondo la giornata mondiale dell’Alzheimer. Tante le iniziative messe in campo e i progressi nelle cure
Marialucia Lorefice (Affari Sociali): «Covid ci serva da lezione, tagli alla sanità un errore. Ora attenzione al sociale»
Colloquio con la presidente della Commissione Affari Sociali Marialucia Lorefice (M5S) all’indomani della rielezione. Tra le priorità dei prossimi mesi il budget di salute per la presa in carico delle persone con disabilità e la legge sul fine vita
Specializzazioni, interrogazione di Tuzi (M5S) a Manfredi: «Perchè commissione di esperti e non nomina Osservatorio?»
«Abbiamo offerto al Ministro la possibilità di essere ulteriormente trasparenti. La questione prospettata nasce dal ruolo di vigilanza, giudizio e controllo sugli accreditamenti delle scuole di specializzazione ricoperto dall’Osservatorio» sottolinea IL deputato e medico del M5S Manuel Tuzi
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 28 settembre, sono 33.081.725 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 997.777 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 28 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...