Voci della Sanità 9 Settembre 2020 18:04

Demenze, Guidolin (M5S) deposita Ddl per interventi assistenziali al settore: «Obiettivo migliorare qualità della vita dei pazienti»

Il Ddl prevede l’istituzione di un fondo di 15 milioni di euro. Tra gli obiettivi quello di sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto da attivare al ministero della Salute

Punta a istituire un fondo da 15 milioni di euro per interventi per la gestione integrata della demenza, diffondere e sperimentare buone pratiche su tutto il territorio nazionale, insieme a un tavolo istituzionale di lavoro e confronto, da attivare al ministero della Salute, per il monitoraggio e l’implementazione del Piano Nazionale delle Demenze così da mettere a regime un sistema territoriale di servizi socio-sanitari integrati. È l’obiettivo del disegno di legge “Disposizioni per la promozione ed il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali nel settore delle demenze”, depositato a Palazzo Madama dalla senatrice del MoVimento 5 Stelle Barbara Guidolin.

«Questa proposta di legge – spiega la senatrice – intende migliorare la qualità di vita delle persone affette da demenza, una patologia invalidante sempre più diffusa in Italia, dove i cittadini ultrasessantenni sono 13,4 milioni ma anche delle famiglie dei malati».
«L’Alzheimer, la demenza a corpi di Lewy, il morbo di Parkinson, sono alcune tipologie di demenza con caratteristiche cliniche specifiche, che richiedono particolari interventi diagnostici, terapeutici e riabilitativi. Il decorso della patologia compromette nel tempo l’autosufficienza degli individui, determinando una progressiva perdita delle capacità cognitive delle persone, importanti disturbi dell’attenzione, della personalità, di ragionamento, di linguaggio, di orientamento, e dell’apparato motorio, condannando chi ne è affetto a dipendere dalla attività di cura e assistenza di terze persone».
«Per questo intervenire attraverso l’implementazione del Piano Nazionale delle Demenze e definire un sistema territoriale di servizi socio-sanitari integrati a misura di malato, anche in previsione di una progressiva diffusione della patologia, che è collegata all’invecchiamento della popolazione, è certamente la strada maestra per assicurare tutele e ridisegnare una sanità a misura di malato». 
Articoli correlati
L’inquinamento atmosferico è responsabile dell’aumento delle demenze
Per la prima volta il governo del Regno Unito ha riconosciuto ufficialmente che l'inquinamento atmosferico sta alimentando un aumento dei casi di demenza. Il collegamento è stato messo nero su bianco in un report della Committee on the Medical Effects of Air Pollutants
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
Sanità, Guidolin (M5S): «Scappatoia super Oss, nasconde sfruttamento professionale»
«È di questi giorni la notizia che la Regione Veneto in accordo con le OPI del Veneto, sta dando forma alla figura del super OSS, in sostanza si tratta di un OSS con mansioni infermieristiche. L’operatore sociosanitario, figura centrale nell’assistenza delle persone fragili, naturalmente deve crescere. Da sempre mi spendo per questa figura e ribadisco […]
Sanità, M5S: «Prevenzione e sistema di sorveglianza integrato, le nostre proposte per potenziare la lotta all’Aids»
«La lotta al Covid non deve farci dimenticare altre emergenze della nostra sanità, come la piaga dell’AIDS. Un fronte su cui non bisogna abbassare la guardia dato l’aumento della quota di persone a cui viene diagnosticata tardivamente l’infezione da HIV. Per questo come MoVimento 5 stelle abbiamo preparato un pacchetto di emendamenti, a prima firma […]
Alzheimer e Parkinson: arriva la diagnosi che “passa” dalla pelle
Da uno studio congiunto ISS, IRCCS San Raffaele e CNR una metodica innovativa per la diagnosi di malattie neurodegenerative, per testare strategie terapeutiche e identificare nuovi biomarcatori
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...