Voci della Sanità 25 Settembre 2018

Ddl antiviolenza, FNOPO: «Indispensabile essere riconosciute pubblico ufficiale per contrastare aggressioni»

«Come rappresentanti delle 22mila ostetriche italiane torniamo a chiedere con determinazione il riconoscimento di pubblico ufficiale per le professioni sanitarie, compresa la nostra Categoria». Queste le richieste delle componenti del Comitato Centrale della Federazione Nazionale degli Ordini della Professione di Ostetrica in merito al “no” della ministra della Salute, Giulia Grillo, al riconoscimento dello status di pubblico ufficiale a medici e personale sanitario per contrastare il fenomeno delle aggressioni in sanità.

«Come già evidenziato, affinché il Ddl antiviolenza sugli operatori sanitari sia davvero efficace è indispensabile che vi sia tale riconoscimento – continua il comitato centrale FNOPO – . Solo così, infatti, vi può essere la denuncia d’ufficio per azioni la cui recrudescenza sembra diventare inarrestabile. Si tratta di episodi gravi perché mettono a rischio non solo l’incolumità di chi lavora in tali strutture, ma anche degli assistiti ai quali potrebbe non essere offerta sempre una adeguata assistenza a causa della paura degli operatori di subire violenze. Lo stesso timore che spesso non fa denunciare».

«Per tale motivo – prosegue la FNOPO – l’inasprimento non può essere considerato un valido strumento di deterrenza. Inoltre, così come giustamente evidenziato dal segretario nazionale FIMMG, Silvestro Scotti, non si comprende in che modo riconoscere anche a noi professioni sanitarie tale status possa comportare degli aggravi. Secondo noi, invece, si tratta di un atto doveroso da parte dello Stato attraverso il quale fornire uno strumento per la protezione di categorie professionali che sono state lasciate per troppo tempo da sole, vulnerabili e diventate un facile bersaglio di azioni che vanno perseguite e condannate».

Senza ulteriori indugi – conclude il Comitato centrale FNOPO – si passi ai fatti dando concretezza a un atto che potrà dare il via a un nuovo corso».

Articoli correlati
Via libera del CdM alla Legge di Bilancio. Cosa prevede per la sanità? Le reazioni di sindacati e Ordini
Da Anaao a Cimo, passando per i sindacati della funzione pubblica agli infermieri, ecco cosa pensano sindacati e Ordini della manovra
Elezioni Ordini delle professioni sanitarie: tra sospensioni e proroghe, regna il caos. Le reazioni delle Federazioni
Ordini di medici, infermieri, ostetriche, veterinari e tecnici sanitari stanno affrontando in modo diverso la raccomandazione arrivata dal Ministero della Salute di sospendere i procedimenti elettorali o di garantirli per via telematica. Ecco cosa sta succedendo
Con la seconda ondata in aumento ostetriche e donne incinta positive al Covid
Vaccari (FNOPO): «Grazie a tamponi e test sierologici regolarmente effettuati a personale sanitario e pazienti scoviamo tempestivamente anche i positivi asintomatici. Con l’introduzione dei test rapidi nelle sale parto il tracciamento sarà ancora più efficace»
di Isabella Faggiano
Regno Unito: ostetriche, farmacisti e studenti potrebbero somministrare il vaccino anti-Covid
Dopo la modifica del regolamento sui medicinali, il Regno Unito ha approvato l'uso in emergenza di un vaccino contro Covid e la creazione di una "forza lavoro ampliata"
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 novembre, sono 59.787.369 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.409.639 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 24 novembre...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli