Voci della Sanità 23 Luglio 2018 14:58

D’Anna (Pres. Ordine Biologi): «Nasce Radio Bio, sarà punto di riferimento. I biologi rivendichino con forza il ruolo che gli spetta»

Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Bio, la radio ufficiale dell’ordine, on air da lunedì 23 luglio.  «Perchè l’esigenza di Radio Bio? Perché i biologi ormai rappresentano una categoria giovanissima, la radio, che può essere scaricata anche dall’applicazione dell’ONB disponibile da oggi per gli smartphone; è uno […]

D’Anna (Pres. Ordine Biologi): «Nasce Radio Bio, sarà punto di riferimento. I biologi rivendichino con forza il ruolo che gli spetta»

Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Bio, la radio ufficiale dell’ordine, on air da lunedì 23 luglio. 

«Perchè l’esigenza di Radio Bio? Perché i biologi ormai rappresentano una categoria giovanissima, la radio, che può essere scaricata anche dall’applicazione dell’ONB disponibile da oggi per gli smartphone; è uno strumento non solo di ascolto per lo svago ma anche un punto di riferimento per i biologi e non solo», ha dichiarato Vincenzo D’Anna.

Il presidente dell’ONB ha aggiunto: «Ho voluto affermare fin dall’inizio del mio mandato che non sono qui per contemplare l’esistente. Voglio migliorare il livello qualitativo dei corsi, dei convegni, aumentare i servizi a disposizione dei nostri iscritti, voglio portare i biologi al mondo della ribalta. Questa è una categoria che è giovane, che professa una scienza che è in continua espansione, il biologo oggi può svolgere 27 attività, questa è una scienza che è al passo coi tempi e che anzi molto spesso con le proprie scoperte li determina. Perché i biologi devono essere considerati dall’opinione pubblica come i fratelli sciocchi dei medici? Bisogna perdere questo complesso d’inferiorità, perdere questo abito dimesso e rivendicare con forza lo spazio che ci compete».

Radio Bio non sarà rivolta esclusivamente ai biologi. Il presidente Vincenzo D’Anna fa chiarezza: «Noi stamperemo un giornale cartaceo che si chiamerà Bio’S e che sarà un vero e proprio magazine. Ne avremmo potuto fare a meno, visto che il nostro giornale online fa oltre 20.000 contatti, avremmo potuto limitarci a fare questo. Invece abbiamo voluto dar vita, assieme a grandi personalità come il Cardinale Fisichella, che curerà una rivista di bioetica, un vero e proprio magazine perché il biologo non deve parlare solo con sé stesso. E’ un cittadino, deve tenersi al passo con i fatti sociali, civili, politici ed economici. La stessa cosa vale per la radio, che si rivolge ad una platea molto più vasta dei soli iscritti all’ordine nazionale dei biologi».

Ancora sulla radio: «Già da adesso sono previste tredici edizioni di aggiornamento quotidiane con i gr, otto spazi dedicati al meteo, un programma dedicato alla cultura classica, uno dedicato a nozioni di scienza accompagnate al rock and roll, uno spazio riservato alla fisica, sarà possibile ascoltare biotube, e stanno arrivando altre rubriche. Su Radio Bio ne sentiremo delle belle».

Articoli correlati
Con cellule staminali e vettori virali a RNA e DNA anche il cuore si potrà riparare
La ricerca cardiovascolare guarda alla medicina rigenerativa per vincere la sfida contro le malattie cardiache, oggi prima causa di morte nel mondo occidentale. Silvia Priori (SIMCRI): «L’obiettivo è creare le condizioni per rigenerare il tessuto cardiaco e ristabilire le normali funzioni del cuore»
Sostanze chimiche e cancerogene nelle giovani donne della “Terra dei fuochi”, a rischio la fertilità
Al 38º Congresso annuale ESHRE 2022 presentate due nuove ricerche su Bisfenoli e Policlorobifenili contenuti in eccesso nei fluidi follicolari e nel sangue
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 luglio, sono 551.283.678 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.342.322 i decessi. Ad oggi, oltre 11,77 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...