OMCeO, Enti e Territori 23 luglio 2018

D’Anna (Pres. Ordine Biologi): «Nasce Radio Bio, sarà punto di riferimento. I biologi rivendichino con forza il ruolo che gli spetta»

Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Bio, la radio ufficiale dell’ordine, on air da lunedì 23 luglio.  «Perchè l’esigenza di Radio Bio? Perché i biologi ormai rappresentano una categoria giovanissima, la radio, che può essere scaricata anche dall’applicazione dell’ONB disponibile da oggi per gli smartphone; è uno […]

Immagine articolo

Vincenzo D’Anna, presidente dell’Ordine Nazionale dei Biologi, è intervenuto questa mattina ai microfoni di Radio Bio, la radio ufficiale dell’ordine, on air da lunedì 23 luglio. 

«Perchè l’esigenza di Radio Bio? Perché i biologi ormai rappresentano una categoria giovanissima, la radio, che può essere scaricata anche dall’applicazione dell’ONB disponibile da oggi per gli smartphone; è uno strumento non solo di ascolto per lo svago ma anche un punto di riferimento per i biologi e non solo», ha dichiarato Vincenzo D’Anna.

Il presidente dell’ONB ha aggiunto: «Ho voluto affermare fin dall’inizio del mio mandato che non sono qui per contemplare l’esistente. Voglio migliorare il livello qualitativo dei corsi, dei convegni, aumentare i servizi a disposizione dei nostri iscritti, voglio portare i biologi al mondo della ribalta. Questa è una categoria che è giovane, che professa una scienza che è in continua espansione, il biologo oggi può svolgere 27 attività, questa è una scienza che è al passo coi tempi e che anzi molto spesso con le proprie scoperte li determina. Perché i biologi devono essere considerati dall’opinione pubblica come i fratelli sciocchi dei medici? Bisogna perdere questo complesso d’inferiorità, perdere questo abito dimesso e rivendicare con forza lo spazio che ci compete».

Radio Bio non sarà rivolta esclusivamente ai biologi. Il presidente Vincenzo D’Anna fa chiarezza: «Noi stamperemo un giornale cartaceo che si chiamerà Bio’S e che sarà un vero e proprio magazine. Ne avremmo potuto fare a meno, visto che il nostro giornale online fa oltre 20.000 contatti, avremmo potuto limitarci a fare questo. Invece abbiamo voluto dar vita, assieme a grandi personalità come il Cardinale Fisichella, che curerà una rivista di bioetica, un vero e proprio magazine perché il biologo non deve parlare solo con sé stesso. E’ un cittadino, deve tenersi al passo con i fatti sociali, civili, politici ed economici. La stessa cosa vale per la radio, che si rivolge ad una platea molto più vasta dei soli iscritti all’ordine nazionale dei biologi».

Ancora sulla radio: «Già da adesso sono previste tredici edizioni di aggiornamento quotidiane con i gr, otto spazi dedicati al meteo, un programma dedicato alla cultura classica, uno dedicato a nozioni di scienza accompagnate al rock and roll, uno spazio riservato alla fisica, sarà possibile ascoltare biotube, e stanno arrivando altre rubriche. Su Radio Bio ne sentiremo delle belle».

Articoli correlati
Malata di leucemia, tutta la classe si vaccina per farla tornare a scuola
Il ministro dell’Istruzione Marco Bussetti si è detto fiero dei bambini della scuola di Faenza (Ravenna) dove una classe di quarta elementare si è vaccinata contro l’influenza per permettere a una compagna malata di leucemia di poter tornare a scuola sicura. «Voglio ringraziarli, insieme ai loro genitori e ai loro insegnanti, per la sensibilità e la prontezza che […]
Lotta alla peste suina africana, Giulia Grillo: «In pochi mesi risultati eccezionali, Sardegna merita sblocco export»
«Nelle prossime settimane sarò in Sardegna per incontrare anche gli allevatori e i lavoratori del comparto suinicolo che, grazie alla strategia messa in campo dalle autorità veterinarie regionali e dal ministero della Salute, hanno raggiunto risultati eccezionali nella lotta alla peste suina africana che tanto ha danneggiato il settore, imponendo vincoli all’export che hanno gravemente […]
Sanità e integrazione, Foad Aodi: «No a medici di serie A e B in un momento di grave carenza a livello mondiale»
L’associazione medici di origine straniera in Italia (AMSI) e la Confederazione Internazionale-Unione Medica Euro Meditteranea (UMEM) lanciano l’allarme sulle barriere burocratiche imposte ai professionisti della sanità di origine straniera in Italia in relazione al loro diritto all’esercizio della professione presso le strutture pubbliche tramite concorsi. «Purtroppo esiste ancora l’obbligo della cittadinanza per poter sostenere i […]
Migranti e malattie, la Commissione UCL-The Lancet: «Binomio che serve solo a giustificare politiche di esclusione»
Frutto di due anni di lavoro e della collaborazione tra l’università di Londra e la celebre rivista scientifica, la Commissione ha condotto lo studio più completo sul legame tra migrazione e salute, invitando i governi a promuovere la salute nella mobilità globale
Due interventi, 13 anestesie e la chemioterapia: il piccolo Ascanio ce l’ha fatta. Curato all’Umberto I
Una storia a lieto fine di buona sanità. È quella di Ascanio, che oggi ha 10 anni e quando ne aveva solo due è stato colpito da un brutto male –  nefroblastoma di Wilms, un cancro raro – e ha dovuto affrontare 13 anestesie, 43 sedute di chemioterapia e due interventi chirurgici.  «Era il febbraio del 2011 – […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano