Voci della Sanità 13 Novembre 2020 12:20

Daiichi Sankyo crea la nuova Business Unit Oncology per unificare i principali mercati di USA ed Europa

Daiichi Sankyo ha creato una nuova Business Unit di oncologia che servirà ad allineare, in un unico team dedicato ai pazienti oncologici, tutte le attività statunitensi ed europee del settore, le funzioni oncologiche di marketing a livello globale, l’accesso al mercato e i prezzi, nonché i dipartimenti medici e la gestione delle alleanze strategiche. Ken […]

Daiichi Sankyo ha creato una nuova Business Unit di oncologia che servirà ad allineare, in un unico team dedicato ai pazienti oncologici, tutte le attività statunitensi ed europee del settore, le funzioni oncologiche di marketing a livello globale, l’accesso al mercato e i prezzi, nonché i dipartimenti medici e la gestione delle alleanze strategiche.

Ken Keller, attualmente a capo del business negli Stati Uniti e CEO delle filiali statunitensi dell’azienda farmaceutica Daiichi Sankyo, Inc. e di American Regent, Inc., guiderà anche questo nuovo team come capo della Business Unit Oncology a partire dal 1 aprile 2021, restando presidente e CEO di Daiichi Sankyo, Inc; mentre Paul Diolosa, attualmente Vicepresidente senior delle operazioni di American Regent, Inc., succederà a Keller come presidente e CEO di American Regent, Inc. a partire dalla stessa data.

Poiché nel breve termine lo sviluppo delle attività nel settore oncologico sarà guidato principalmente dagli Stati Uniti e dall’Europa, la Società lancerà la Business Unit Oncology associando questi due mercati.

«Daiichi Sankyo sta accelerando una delle strategie più audaci mai intraprese per realizzare la sua vision al 2025 di diventare una ‘Global Pharma Innovator con vantaggio competitivo in oncologia’ – ha spiegato Sunao Manabe, Presidente e CEO di Daiichi Sankyo -. Con una pipeline oncologica che ci avvicina alla realizzazione di questo obiettivo, dobbiamo organizzare una struttura di gestione globale evoluta che ci conduca ad un’attività di successo a lungo termine dedicata al miglioramento della vita dei pazienti».

Ken Keller, in Daiichi Sankyo dal 2014, ha più di 30 anni di esperienza nel settore farmaceutico nella gestione generale e nella leadership commerciale, internazionale e di joint venture, nonché esperienza di direttore operativo in diverse aree terapeutiche, tra cui oncologia, osteologia, reumatologia, dermatologia e cure primarie. Prima di entrare a far parte del gruppo Daiichi Sankyo, Keller è stato presidente e direttore operativo di Spectrum Pharmaceuticals e in precedenza ha trascorso 21 anni in Amgen, di cui è stato Vicepresidente e Direttore generale, alla guida di una serie di unità aziendali di grande successo e di alto profilo negli Stati Uniti. Keller ha ricoperto ruoli di responsabilità di alto livello, tra cui Vice Presidente del marketing oncologico, e ha una significativa esperienza internazionale, essendo stato Direttore generale di Amgen Regno Unito e Irlanda. Ha iniziato la sua carriera come informatore scientifico.

«La Business Unit Oncology ci consentirà di creare un focus senza precedenti per rispondere ai rapidi cambiamenti che vediamo negli standard di cura, nel trattamento e nei modelli di diagnosi da entrambe le prospettive di business e scienza», ha commentato Keller.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Tumori, Iannelli (FAVO): «Urgente l’approvazione del Piano oncologico». E al ministero della Salute parte il tavolo ad hoc
Il XIII Rapporto della Federazione delle Associazioni di Volontariato in Oncologia sulla condizione assistenziale dei malati oncologici segnala un generale passo indietro rispetto agli anni passati
Tumori cutanei, il corso Fad per riconoscerli
Offerto dal provider di Consulcesi Club, è pensato per mmg, dermatologi e chirurghi. Il responsabile scientifico Bassetto: «Il medico di base oggi deve avere nozioni per poter distinguere un tumore maligno della cute rispetto a una manifestazione benigna»
Fibrillazione Atriale: dati real – world riaffermano benefici di edoxaban
I benefici di edoxaban in tutti i gruppi di età, compresi i pazienti anziani, sono confermati dai risultati real -world a due anni di follow up del programma ETNA-AF (Europe e Global), ad oggi è il più ampio studio prospettico non interventistico che studia un singolo anticoagulante orale non antagonista della vitamina K (NOAC) in pazienti con fibrillazione atriale non valvolare (FANV)
Chemioterapia ‘ad alta temperatura’ in sala operatoria e radioterapia in sole tre sedute. Le nuove sperimentazioni dell’oncologia
Al Gemelli è stato eseguito con successo, su un uomo di 63 anni affetto da mesotelioma pleurico, un intervento di resezione chirurgica della pleura con successiva infusione locale di chemioterapico a 41°C. All’Istituto Tumori Regina Elena, oltre 140 pazienti con neoplasia della prostata sono stati trattati in sole 3 sedute di radioterapia
di Isabella Faggiano
Cancro e impatto sulla famiglia: come gestire e comunicare la diagnosi ai figli
«Il cancro si impone come “membro aggiunto” della famiglia: è importante che tutti si impegnino a tenere aperto il canale della comunicazione - spiega Flavia Vicinanza, psiconcologa a Sanità Informazione - non lasciare i nostri figli da soli e accompagnarli in questo cammino difficile ma percorribile»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 13 maggio, sono 160.469.865 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.331.823 i decessi. Ad oggi, oltre 1,35 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Cause

Medico denuncia per diffamazione paziente che lo aveva portato in tribunale per lesioni personali. Risarcito

Donna denuncia penalmente dermatologo ma l’accusa cade. Il medico avvia a sua volta un iter processuale verso la paziente che lo aveva accusato pubblicamente. «Una sentenza che farà...