Voci della Sanità 11 Luglio 2022 17:38

Covid, Regimenti (FI): «Nasce il Cts europeo per contribuire al rinnovo della sanità e prepararla a nuove crisi»

«Il Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore, darà risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute» spiega l’eurodeputata azzurra

«È necessaria una rivoluzione dell’organizzazione della sanità pubblica nel suo complesso. Le istituzioni europee devono essere in grado di progettare in modo uniforme una rinnovata sanità europea, pronta a fronteggiare ogni eventuale emergenza. Ma questo non potrà che avvenire con il fondamentale contributo del Comitato tecnico scientifico europeo, composto da oltre 300 specialisti ed esperti del settore che daranno risposte alle singole problematiche e renderanno le istituzioni in grado di realizzare l’Unione europea della salute». Lo afferma l’eurodeputata di Forza Italia, Luisa Regimenti, componente della commissione Sanità al Parlamento europeo, nel corso dell’illustrazione del Comitato tecnico scientifico europeo, di cui è ideatrice, alla presenza tra gli altri del coordinatore di Forza Italia, Antonio Tajani, del responsabile Sanità di FI, Andrea Mandelli, e del presidente dell’Ordine dei medici di Roma, Antonio Magi.
«La recente pandemia da Covid – prosegue – ha evidenziato l’importanza di un sistema sanitario europeo, pronto ed al passo con i tempi, che garantisca una più efficace gestione della sanità pubblica. Solo le istituzioni europee potranno disegnare una sanità del futuro: è infatti l’Ue ad essere stata ed essere tutt’ora la forza trainante di questo movimento di innovazione, con la priorità di uno sfruttamento di nuove tecnologie in campo medico».
«Il Ctse nasce proprio con l’intento facilitare questo progetto. L’Ue, dal canto suo, deve tutelare i cittadini sostenendo i servizi sanitari nazionali anche elargendo fondi diretti per rendere più moderna la sanità pubblica. Il progetto di una sanità europea – conclude – è ambizioso e non possiamo perdere quest’occasione per renderne definitivamente possibile la realizzazione».
Articoli correlati
Covid, Regimenti (FI): «Non più obbligo vaccini, ma forte raccomandazione»
Secondo l'europarlamentare azzurra «i vaccini hanno avuto, hanno e avranno un ruolo fondamentale nella guerra al Covid, ma ora è il momento per far cadere ogni obbligo»
Regimenti (eurodeputata): «Comitato scientifico tutto italiano a consulenza della Commissione Covid UE»
Un confronto con l'onorevole Luisa Regimenti, medico legale ed eurodeputata, sull'impronta della scienza italiana in Europa e su quanto ci aspetta in autunno con professionisti formati per quello che verrà
Covid, Regimenti (FI): «La pandemia è un’opportunità per l’ammodernamento della sanità»
Secondo l'eurodeputata azzurra, che ha parlato alla convention di Forza Italia a Napoli,, «con i fondi erogati dall’Ue è stato anche dato un grande impulso alla ricerca scientifica, raggiungendo nuove frontiere nella cura ai tumori»
Ue, Regimenti (Lega): «Serve strategia farmaceutica per affrontare emergenze sanitarie»
«L’Europa ha urgente bisogno di una strategia farmaceutica per incentivare lo sviluppo delle imprese del settore e aumentare la loro competitività in ambito internazionale e per garantire, allo stesso tempo, una migliore prevenzione, la giusta preparazione e una pronta risposta alle future emergenze sanitarie». Lo ha detto l’eurodeputata della Lega Luisa Regimenti nel corso del suo intervento […]
Vaccino, Regimenti (Lega): «Liberalizzare brevetti e avviare piani europei e nazionali di produzione»
«Una sospensione dei brevetti, che sia limitata nel tempo e che riconosca un equo contributo ai cedenti, non rappresenterebbe infatti un disincentivo per chi produce» sottolinea l'europarlamentare della Lega
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale