Voci della Sanità 4 Gennaio 2022 12:44

Covid, Cittadini (Aiop): «Pronti a sostenere Regioni con disponibilità posti letto»

La presidente dell’Associazione italiana ospedalità privata spiega: «Esiste il rischio concreto di ricavare gli spazi utili per i nuovi ricoveri togliendoli, però, a pazienti affetti da patologie non Covid, con la conseguenza di rinviare visite, interventi, screening e allungare ulteriormente le già infinite liste di attesa»

«L’Aiop, come sempre, è pronta a mettere a disposizione le proprie strutture, su tutto il territorio italiano, per far fronte alla crescente richiesta di posti letto dovuta alla veloce avanzata della variante Omicron». Lo dichiara la presidente di Aiop, l’Associazione nazionale ospedalità privata, Barbara Cittadini, che aggiunge: «La rete ospedaliera è in affanno a causa del forte aumento dei ricoveri da Covid-19, le percentuali dei posti letto occupati nei reparti di terapia intensiva e in area non critica sono cresciute in 8 Regioni in un solo giorno. Da oggi sono in zona gialla anche Lazio, Lombardia, Piemonte e Sicilia. Una situazione complicata – continua Cittadini – con il tracciamento che è in gran parte saltato. Preoccupa, poi, l’impennata dei contagi tra gli operatori sanitari, il 210% in appena un mese, con l’82% di infermieri, come informa la Federazione nazionale degli ordini delle professioni infermieristiche (FNOPI) rifacendosi ai numeri forniti dall’Istituto superiore di sanità».

«Da parte nostra – ribadisce la presidente di Aiop – c’è la massima disponibilità per ragionamenti di sistema che servano ad evitare ulteriori provvedimenti in materia di restrizioni. Esiste il rischio concreto di ricavare gli spazi utili per i nuovi ricoveri togliendoli, però, a pazienti affetti da patologie non Covid, con la conseguenza di rinviare visite, interventi, screening e allungare ulteriormente le già infinite liste di attesa. Il Lazio, ad esempio, intende aprire alla sanità di diritto privato per sopperire alla carenza di posti letto e mi auguro si possa avviare al più presto una proficua collaborazione in tutta Italia».

«Come componente privata del servizio pubblico stiamo lavorando sul territorio con molta attenzione – precisa la presidente di Aiop – grazie a una rete capillare di strutture e a professionisti qualificati, con l’obiettivo di garantire sempre il diritto alla salute dei cittadini. La sinergia con la componente di diritto pubblico del SSN resta fondamentale e il dialogo con le Regioni può senz’altro contribuire a migliorare l’intero sistema sanitario italiano», conclude.

Articoli correlati
Sanità integrativa, Cittadini (Aiop): «Domanda di salute cresciuta, deve essere complementare»
Al convegno anche il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa e il governatore della Liguria Giovanni Toti
Dl Aiuti-ter, Cittadini (Aiop): «Governo equo nei confronti delle componenti del SSN, ma fondi coprono solo una parte degli aumenti»
«Auspichiamo che si possa procedere nell’immediato alla conversione del decreto legge e alla successiva adozione dei decreti attuativi, così da poter sostenere le strutture del SSN a prescindere dalla loro natura giuridica» sottolinea la presidente AIOP
Sanità, Cittadini (Aiop): «Riconoscere valore di tutte le componenti del SSN»
«Registriamo, con soddisfazione, che il settore termale ha ottenuto un incremento delle tariffe del 20 per cento e questo rappresenta, senza dubbio, un risultato importante per la collettività. È significativo che si sia intervenuti su un comparto che, in seguito alla crisi pandemica, ha subìto danni rilevanti. È un segno di attenzione istituzionale che registriamo […]
Sanità, Cittadini (Aiop): «Caro energia sia priorità agenda politica»
«Gli aiuti, attualmente previsti per contrastare il rincaro dei prezzi di energia elettrica e gas, escludono gli ospedali accreditati di diritto privato del Servizio Sanitario Nazionale, i cui costi di gestione stanno diventando insostenibili» sottolinea la presidente AIOP Barbara Cittadini
Sanità, Cittadini (Aiop): «Il caro energia mette a rischio il diritto alla salute»
«Parliamo di un aumento nei costi di gestione più che triplicato, che, incidendo sulla sostenibilità degli operatori sanitari, mette a rischio la sostenibilità dei costi economici necessari per garantire l’erogazione dei servizi», spiega la presidente di AIOP
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi