Voci della Sanità 4 Marzo 2020

Covid-19: il gruppo San Donato presta medici e infermieri alla zona rossa e accoglie quattro pazienti gravi da Lodi

Zangrillo (direttore terapia intensiva San Raffaele): «Modello di collaborazione tra pubblico e privato con l’obiettivo di contenere l’epidemia all’interno degli attuali focolai»

di Federica Bosco

Il gruppo San Donato in prima linea per vincere la battaglia contro il Coronavirus. A due settimane dall’inizio dell’emergenza, il più grande gruppo ospedaliero privato Italiano che conta oltre 20 istituti in tutta la Lombardia, ha messo a disposizione i propri specialisti per le aree critiche. Cinque anestesisti e quattordici operatori della terapia intensiva da due giorni stanno lavorando ininterrottamente nella zona rossa a fianco di medici ed infermieri locali. Le due squadre, coordinate dal dottor Guglielmo Cornero, esperto di gestione di interventi in aree critiche e coordinatore dei blocchi operatori dell’IRCCS San Raffaele di Milano, da lunedì 2 marzo sono operativi 24 ore su 24 e rimarranno in attività per almeno una settimana. Ad essi si aggiungeranno nei prossimi giorni altri professionisti, in particolare internisti, infettivologi, virologi ed anestesisti. Una mobilitazione senza precedenti che nella stanza dei bottoni del gruppo San Donato stanno cercando di gestire al meglio.

Allo stesso tempo, oltre ad offrire professionalità e competenza ai colleghi della zona rossa e dell’ospedale di Cremona, i professionisti targati San Donato stanno ricevendo nelle proprie sedi, in particolare all’IRCCS Ospedale San Raffaele, i pazienti più gravi. Sono quattro gli ammalati di Coronavirus che tra oggi e domani raggiungeranno la sede di via Olgettina provenienti dall’Ospedale di Lodi, per essere sottoposti alla terapia intensiva. A gestire il delicato trasferimento dei quattro pazienti ventilati a causa di serie difficoltà respiratorie, è il professor Alberto Zangrillo, direttore della terapia intensiva cardiovascolare e generale del San Raffaele. «In questo modo cerchiamo di de saturare l’Ospedale di Lodi particolarmente in affanno in queste ore – ha dichiarato alle agenzie il professor Zangrillo – e al tempo stesso contenere l’epidemia di Covid-19 all’interno degli attuali focolai. In questo modo si concretizza l’impegno degli attori della sanità privata lombarda a fianco del servizio pubblico».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, identificati gli anticorpi più efficaci per combatterlo: mortalità ridotta del 60%
Analizzando il sangue di oltre 500 pazienti, un gruppo di ricercatori dell’IRCCS Ospedale San Raffaele ha identificato una classe di anticorpi per SARS-CoV-2 associati a una ridotta mortalità
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 1 ottobre, sono 33.976.447 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.014.266 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 314.861 (1.851 in più rispetto a ieri). 105.564 i […]
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 1 ottobre, sono 33.976.447 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.014.266 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 30 settembre: Ad oggi in ...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...