Voci della Sanità 10 Marzo 2020

Coronavirus, Nursing Up: «Niente mascherine FFP3 in Rianimazione al San Martino di Genova. La comunicazione in una mail appesa nel corridoio»

“Gentilissimi, come sapete siamo al momento senza FFP3 e non sappiamo quando le stesse potranno essere recuperate. Immagino sappiate che la ricerca viene fatta attraverso diversi canali: altre aziende sanitarie, ALISA, ditte PROCIV da parte sia del Provveditorato che della Direzione Sanitaria aperta parentesi (le P3 recuperate per il fine settimana sono state trovate dalla dr.ssa Martelli al Gaslini). Comunque di fatto siamo a zero. Soluzione possibile condivisa anche con i colleghi della Clinica Malattie Infettive con il prof. Icardi che ci legge per conoscenza: unire le proprietà della mascherina chirurgica con le proprietà delle mascherine FFP2. Si tratta quindi di indossare le FFP2 e sopra indossare la mascherina chirurgica. Di fatto questo sistema ci permette di raggiungere una capacità filtrante comparabile con le FFP3 e nel contempo da una protezione alla FFP2 che, se trattata con adeguata cura, può essere riciclata fino ad un massimo di 8 h. Abbiamo Inoltre fatto una riunione congiunta su sistemi per pressione negativa e purificazione dell’aria che permetterebbe di abbattere notevolmente la contaminazione aerea ambientale, oltre i benefici di avere all’occorrenza stanze in pressione negativa. Ad oggi non ho ricevuto alcun riscontro scritto sull’interesse o meno di tale soluzione e se quindi procede o meno ad una possibile acquisizione. Cordiali saluti”.

«Così si legge in una mail appesa nel corridoio della Terapia Intensiva del San Martino di Genova, all’attenzione degli infermieri e dei medici in forze al reparto dove sono ricoverati pazienti otto Covid. La missiva porta la firma del direttore U.O.C. Servizio Prevenzione e Protezione Ospedale Policlinico San Martino» fa sapere il sindacato Nursing Up in una nota. «Noi come Nursing Up – spiega Enrico Boccone, segretario regionale del sindacato Nursing Up Liguria – abbiamo chiesto rassicurazioni più di una volta in Regione e ad Alisa riguardo ai Dispositivi di Protezione Individuale per gli infermieri e ci hanno detto che sarebbero arrivati e di stare tranquilli. Invece nel giro di una settimana si sono smentiti completamente e la cosa gravissima è che i nostri professionisti sanitari in prima linea contro il Coronavirus ora sono sguarniti e non resta loro altro da fare che fotografare una scarna comunicazione appesa ad un muro. E da domani rischiare la pelle» conclude.

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Ocse: «Infermieri vitali, specie quest’anno», ma l’Italia è sotto la media
La denuncia di Fnopi: nel nostro Paese 5,7 infermieri per 1000 abitanti, sotto la media europea
Telemedicina, l’esperimento di Borgosesia: a scuola apparecchiature per monitorare la salute dei bambini
Le strumentazioni verranno utilizzate da personale infermieristico appositamente formato. Il sindaco Tiramani: «Le abbiamo ordinate mesi fa, quando ancora non si sapeva se ci sarebbe stata una seconda ondata di Covid-19 e di che entità potesse essere: oggi, alla luce di quanto sta accadendo, la nostra decisione si rivela quanto mai opportuna»
Stanchi nel corpo, avviliti nello spirito. Lo stato d’animo dei professionisti sanitari coinvolti nell’emergenza
La situazione in Italia resta grave e la pressione sugli ospedali non si alleggerisce. Medici e infermieri lavorano senza sosta, al limite delle forze. Ma devono difendersi anche dal fuoco amico
Covid-19, il direttore del Lancet: «Uk e Italia peggiori della classe in Europa. Stupisce il silenzio assoluto dell’OMS»
Richard Horton al Festival della Salute Globale: «Il Covid ha tirato fuori anche il meglio di noi medici»
di Tommaso Caldarelli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 dicembre, sono 64.527.868 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.493.348 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 2 dicembre: ...
Voci della Sanità

Manovra 2021, prevista indennità per gli infermieri. Beux (FNO TSRM e PSTRP): «Offesa alle altre professioni sanitarie, si premi il merito»

L’articolo 66 della bozza della Legge di Bilancio prevede una indennità di “specificità infermieristica” in vigore a partire dal primo gennaio 2021. Ma il Presidente del maxi Ordine delle prof...
Salute

Covid-19, Stefano Vella: «Dall’HIV abbiamo imparato che i virus vanno affamati»

Intervista a Stefano Vella dell'Università Cattolica di Roma: «Pandemia dichiarata colpevolmente in ritardo, ci siamo fidati della SARS. Testare tutti è impossibile, dobbiamo raggiungere una copert...
di Tommaso Caldarelli