Voci della Sanità 3 Aprile 2020

Coronavirus, Gazzi (CNOAS): «Siamo seduti su una bomba sociale. Serve Fondo di solidarietà per Terzo Settore»

Le proposte dell’Ordine degli Assistenti sociali: «’Nessuno resti indietro’ non sia uno slogan. Allargare Reddito di Cittadinanza a chi ha perso qualsiasi reddito»

«Nessuno resti indietro non può essere uno slogan da declamare in tv o il titolo ammiccante di un incomprensibile progetto di legge. Siamo seduti su una bomba sociale e mentre fronteggiamo la drammaticità della crisi sanitaria, dobbiamo far sì che quella frase sia realtà. E che si costruiscano immediatamente le condizioni perché la bomba non esploda».

Lo dice il presidente dell’Ordine degli assistenti sociali, Gianmario Gazzi, inviando ai decisori politici una sorta di programma sociale che partendo dalla situazione attuale chiede interventi immediati e non eludibili.

LEGGI LE PROPOSTE DEL CNOAS

«L’ultimo provvedimento che vede insieme Comuni, servizio sociale e volontariato – continua – è stato un primo utile passo. Ma non basta. Serve un allargamento del Reddito di Cittadinanza a chi ha perso qualsiasi reddito e non può usufruire di ammortizzatori sociali. Servono nuove assunzioni e la stabilizzazione degli assistenti sociali precari. Bisogna anticipare oggi il finanziamento dei Fondi Povertà, Politiche sociali, NonAutosufficienza».

Molte delle persone oggi in ospedale avranno bisogno di un sostegno quando potranno lasciare la struttura sanitaria.

«Per questo – continua – chiediamo l’integrazione tra ospedale e territorio e un maggior investimento nel comparto sociale in Sanità per garantire dimissioni protette e affrontare il problema della salute nel suo complesso».

Infine gli assistenti sociali chiedono l’istituzione di un fondo di solidarietà apposito per il Terzo Settore. «C’è chi sostiene il Paese senza scopo di lucro – conclude il presidente Cnoas – ma per mancanza di fondi molti operatori sono stati licenziati proprio in questo drammatico momento. O si mette mano immediatamente a tutto questo, potrebbe essere troppo tardi. E non soltanto continueranno a pagarne le conseguenze quelli che sono stati sempre ‘gli ultimi’, ma potrebbe essere l’intero sistema a non reggere più».

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in Italia il totale delle persone che hanno contratto il virus è di 293.025 (1.585 in più rispetto a ieri). 101.773 i […]
Salute, Gazzi (CNOAS): «Garantire le cure a chi non sa neanche di averne diritto»
Il presidente degli assistenti sociali è intervenuto all'evento del Ministero della Salute in occasione della Giornata nazionale delle cure e della persona assistita
Coronavirus, nell’ultima settimana +26% di ricoveri e +41% di terapie intensive
Nella settimana 9-15 settembre si stabilizza l’incremento dei nuovi casi, ma cala di oltre 58mila il numero dei tamponi. Il report di Gimbe
Tutela dell’infanzia, siglato protocollo di collaborazione tra UNICEF e CNOAS: «Insieme possiamo»
Il protocollo prevede iniziative congiunte di promozione degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile-Agenda 2030 e corsi e seminari di formazione e informazione per gli Iscritti all’Ordine degli Assistenti sociali sul tema dei diritti delle bambine, dei bambini e degli adolescenti
Recovery Fund, Senatrice Binetti: «Ministero dimentica di destinare quota alle malattie rare»
Presentata relazione programmatica dell’intergruppo parlamentare per le malattie rare sottoscritta dalle Associazioni di pazienti: «Dimenticati durante la pandemia, da quattro anni aspettiamo un nuovo Piano Nazionale finanziato»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 18 settembre, sono 30.183.223 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 946.158 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 17 settembre: Ad oggi in...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...
Salute

«La prima ondata? Non è mai finita. Ora però risparmiamoci un altro lockdown»

Intervista all'infettivologo Stefano Vella: «Doveva finire la fase del terrore, non della paura. La paura in questi casi ci salva la vita»